PER SALVARE L’EUROPA MACRON VUOLE MARIO DRAGHI ALLA GUIDA DELLA COMMISSIONE UE – IL RETROSCENA DI "REPUBBLICA": LA NOMINA DI MARIOPIO SAREBBE STATA GIÀ SOTTOPOSTA A SCHOLZ: VON DER LEYEN POTREBBE FINIRE ALLA NATO. L’INCOGNITA DELLA POSIZIONE DELLA MELONI: LA SORA GIORGIA PUÒ DIRE DI NO A DRAGHI? PUÒ PROVOCARE UNA FRATTURA CON FRANCIA E GERMANIA? ANCHE PERCHÉ LO SCHEMA AVREBBE IL CONSENSO DELLA CASA BIANCA. COME DAGO DIXIT, IL RITORNO IN PUBBLICO DI MARIO DRAGHI (NELLA CHIESA DI SANT’IGNAZIO DI LOYOLA PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALDO CAZZULLO) HA SIMBOLEGGIATO UN ATTO DI DISSENSO ALLA DERIVA SOVRANISTA IN ATTO. E IL SUO PROGRAMMA PER L’EUROPA…

Condividi questo articolo


Claudio Tito per La Repubblica - Estratti

mario draghi emmanuel macron mario draghi emmanuel macron

 

Poco meno di cinque anni fa il “kingmaker” dell’Ue fu il presidente francese Emmanuel Macron. Tirò fuori dal cilindro il nome di Ursula von der Leyen per la presidenza della Commissione europea. Concordandola con l’allora Cancelliera tedesca Angela Merkel. Quella mossa fece uscire l’Unione dalla secche della paralisi, bloccata dal gioco dei veti incrociati.

 

A quattro anni e mezzo di distanza l’inquilino dell’Eliseo - secondo fonti diplomatiche a Bruxelles e a Parigi - vuole ritagliarsi lo stesso ruolo. Stendendo la sua tela di rapporti e diplomazie. Con al centro un nome a sorpresa: Mario Draghi. L’ex presidente del consiglio italiano è il “campione” su cui Macron vuole scommettere. Proprio per succedere a von der Leyen. Con lui il rapporto è stato sempre privilegiato. Basta ricordare il modo in cui spiegò perché è stato possibile il Trattato del Quirinale: «Perché era lui, perché ero io».

mario draghi abbraccia emmanuel macron mario draghi abbraccia emmanuel macron

 

Forte di questa intesa personale, lo ha fatto sondare informalmente. Soprattutto ha cominciato a sottoporre l’ipotesi all’alleato di sempre, la Germania ora guidata da Olaf Scholz. 

 

(...)

La strada, però, non è certo in discesa. I dubbi riguardano in primo luogo Roma. Quale sarebbe la risposta del governo Meloni? È chiaro che non si può arrivare a indicare ed eleggere un italiano al vertice dell’esecutivo europeo senza l’avallo di Palazzo Chigi. La presidente del consiglio vorrebbe poter contare su un suo rappresentante nella prossima squadra di vertice. Il nome più gettonato è quello del ministro per le politiche comunitarie, Raffaele Fitto.

DRAGHI - ORBAN - MACRON - MITSOTAKIS - VON DER LEYEN DRAGHI - ORBAN - MACRON - MITSOTAKIS - VON DER LEYEN

 

Ma Meloni può dire di no a Draghi? Può provocare una frattura così ampia con Francia e Germania, e con l’ex banchiere centrale? Anche perché lo schema avrebbe il consenso della Casa Bianca. Il presidente americano Biden, consapevole anche dei rischi globali connessi ad una eventuale rielezione di Trump, ha fatto sapere a Macron di essere disponibile a muoversi sull’Italia. Senza contare che a quel punto la leader di Fratelli d’Italia avrebbe la strada segnata per entrare di fatto nella maggioranza che gestisce l’Unione europea. Per Macron, invece, questa soluzione consentirebbe di depotenziare l’”esempio italiano” e rendere meno appetibile la corsa di Marine le Pen alle prossime presidenziali francesi del 2027.

 

Emmanuel Macron Mario Draghi Emmanuel Macron Mario Draghi

Ma cosa ne pensa il diretto interessato. Fino ad ora Draghi ha fatto sapere di non sentirsi assolutamente in corsa per questo ruolo. Anche se il recente incarico ricevuto a settembre scorso proprio da von der Leyen per preparare un rapporto sul futuro della competitività europea gli sta permettendo di visitare tutte le cancellerie europee e di mettere sul tavolo le sue idee relative al futuro dell’Unione.

 

Molti, poi, hanno seguito con curiosità gli ultimi interventi pubblici dopo un periodo di silenzio. «È un momento critico per l’Europa – ha detto solo dieci giorni fa - e speriamo che ci tengano insieme quei valori fondanti che ci hanno messo insieme». Presentando il libro di Aldo Cazzullo ha poi offerto una sorta di programma del federalismo europeo: «Ora è ancora più importante capire che non riusciamo ad affrontare le sfide sovranazionali europee da soli. Avere una difesa che tende a essere coordinata significa avere una politica estera che tende a essere coordinata. Occorre cominciare a pensare a un’integrazione politica europea, al parlamento europeo, che forse è il vero parlamento d’Europa. Occorre cominciare a pensare che siamo italiani e europei. Occorre reinventarsi un modo diverso di crescere. Occorre diventare Stato».

MEME SULLA SCONFITTA ELETTORALE DI MACRON MEME SULLA SCONFITTA ELETTORALE DI MACRON

 

Questa candidatura imporrebbe di ridisegnare i rapporti tra le famiglie politiche europee. Draghi è un “tecnico”. Ppe, Pse e Liberali dovranno dividersi gli incarichi senza la Commissione. Ma a quel punto sarebbe un’altra partita. Di certo la strada che porta a giugno è lastricata di sorprese.

ARTICOLI CORRELATI

IOANNIS - DRAGHI - ZELENSKY - MACRON - SCHOLZ IOANNIS - DRAGHI - ZELENSKY - MACRON - SCHOLZ mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2 mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2 meloni draghi meloni draghi LA DRAGHETTA - MEME MELONI DRAGHI LA DRAGHETTA - MEME MELONI DRAGHI DRAGHI MELONI DRAGHI MELONI MACRON - DRAGHI - SCHOLZ A KIEV MACRON - DRAGHI - SCHOLZ A KIEV

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE