SALVINI E' DEBOLE? E MELONI E TAJANI AZZANNANO! - LA PREMIER E IL MINISTRO DEGLI ESTERI PUNTANO A “MONETIZZARE” LA DISFATTA LEGHISTA ALLE EUROPEE: ENTRAMBI SI CANDIDERANNO, MENTRE IL “CAPITONE” RINUNCIA A CORRERE – TAJANI SOGNA IL SORPASSO, E LA DUCETTA VUOLE STRAVINCERE PER SPUNTARE LE ARMI DELLA TRATTATIVA ALLA LEGA - MA LA SORA GIORGIA NON HA CAPITO CHE UNA DEBACLE TOTALE DI SALVINI POTREBBE METTERE A RISCHIO IL GOVERNO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Federico Capurso per "la Stampa"

 

matteo salvini giorgia meloni. antonio tajani matteo salvini giorgia meloni. antonio tajani

È il gioco delle tre carte. O dei tre leader del centrodestra, Giorgia Meloni, Antonio Tajani e Matteo Salvini, alle prese con una loro candidatura alle Europee. Da mesi ragionano, rimuginano, si coprono e si scoprono, lasciano intravedere la voglia di correre per poi ripudiarla un secondo più tardi […].

 

Ora che il tempo […] è quasi finito, lo schema però si delinea con chiarezza: Tajani e Meloni si candideranno, Salvini no. Il ministro degli Esteri lo annuncerà al Consiglio nazionale del partito convocato a Roma questo sabato, mentre la premier aspetterà la conferenza nazionale di Fratelli d'Italia del prossimo 28 aprile, a Pescara, anche se nelle grandi città sono già comparsi i suoi manifesti: «Con Giorgia l'Italia cambia l'Europa».

 

giorgia meloni antonio tajani giorgia meloni antonio tajani

[…] la decisione sarebbe stata blindata solo di recente, nel corso di un faccia a faccia tra Tajani e Meloni, con reciproci auguri di buona fortuna. Al tavolo sembra mancasse Salvini. D'altronde, è anche di lui e delle cattive acque in cui naviga che avrebbero parlato Tajani e Meloni. Una situazione di debolezza, quella del leader leghista, che fa gioco ad entrambi.

 

La premier conta di uscire dalle urne rafforzata, tanto da spuntare le armi dell'alleato del Carroccio in vista delle prossime delicate trattative: dal premierato alle nomine nelle partecipate. Tajani, invece, è in competizione per ricoprire il ruolo di secondo leader della coalizione. Ed è questo il duello a cui Salvini si è sottratto. Tajani […] è in assetto da campagna elettorale. Morde le caviglie dell'alleato. Al Consiglio nazionale di Forza Italia verranno presentati i dieci punti del partito in vista del voto di giugno, e anche qui emerge la concorrenza sempre più forte con la Lega.

MANIFESTI ELETTORALI DI GIORGIA MELONI PER LE EUROPEE MANIFESTI ELETTORALI DI GIORGIA MELONI PER LE EUROPEE

 

Se Salvini è il più forte sostenitore di Israele in Italia, ecco il partito azzurro che prepara una dichiarazione a sostegno di Tel Aviv. Se poi il leader leghista rilancia in questi giorni il tema dell'energia nucleare, Tajani si prepara a spingere nella stessa direzione, inserendo il tema tra i dieci punti programmatici del partito. Salvini al Sud punta molto sul Ponte sullo Stretto? Arrivano i tecnici del ministero dell'Ambiente, guidato dall'azzurro Gilberto Pichetto Fratin, che appuntano i loro rilievi al progetto.

 

la libreria di matteo salvini europee edition la libreria di matteo salvini europee edition

Ma l'offensiva più forte si registra sull'Autonomia, la bandiera più importante della Lega, che dovrebbe arrivare in Aula alla Camera il 29 aprile, in tempo per le Europee. Tajani frena: «È importante che il dibattito sia ampio e dunque è possibile immaginare che il voto sarà più in là».

 

Finora, poi, si sono rispettati i patti di maggioranza, nessun emendamento è stato presentato da Forza Italia o Fratelli d'Italia in commissione, «ma c'è ancora l'Aula», sottolineano velenosi i deputati azzurri […]. E in ogni caso, aggiungono, «avremo modo di valutare i tantissimi emendamenti presentati dall'opposizione». Ne sono arrivati 2400 e basterebbe approvarne uno per costringere il provvedimento a tornare indietro al Senato.

 

SALVINI - TAJANI - MELONI - SANTANCHE - MEME BY EMILIANO CARLI SALVINI - TAJANI - MELONI - SANTANCHE - MEME BY EMILIANO CARLI

[…] Salvini resta in silenzio, ma replica a brutto muso quello che in molti considerano il suo possibile sfidante al congresso, il governatore del Veneto Luca Zaia: «Mi da fastidio sentir dire che bisogna vigilare». Così, entra nel vivo la corsa per le Europee […]. […] L'unico a non bluffare annunciando di non voler correre è stato Salvini, pur giustificando il suo passo di lato con il «tantissimo lavoro da fare al ministero delle Infrastrutture». Bizzarro, perché cinque anni fa era sempre al governo, sempre vicepremier, sempre ministro (dell'Interno). Nonostante questo, si candidò capolista in tutte le circoscrizioni, raccogliendo 2,2 milioni di preferenze e portando la Lega a un trionfale 34 per cento. Ma si giocava una partita diversa. Stavolta, l'obiettivo è solo uno: resistere. Al calo dei consensi, ai malumori nel partito, agli alleati.

matteo salvini commenta la vittoria della lega alle europee da via bellerio 19 matteo salvini commenta la vittoria della lega alle europee da via bellerio 19 antonio tajani giorgia meloni matteo salvini antonio tajani giorgia meloni matteo salvini MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI MARCO MARSILIO MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI ANTONIO TAJANI MARCO MARSILIO FRATELLI COLTELLI - POSTER BY MACONDO FRATELLI COLTELLI - POSTER BY MACONDO antonio tajani giorgia meloni antonio tajani giorgia meloni matteo salvini giorgia meloni. antonio tajani 2 matteo salvini giorgia meloni. antonio tajani 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"