SALVINI FRENA SULLE ARMI A KIEV: VICINA LA RESA DEI CONTI CON MELONI CHE, COME DAGO DIXIT, HA UNA PAURA FOTTUTA DI ESSERE MOLLATA DAL LEADER LEGHISTA IN MODALITA’ PAPEETE 
A PALAZZO CHIGI SOSPETTANO CHE IL CAPITONE, PRONTO A UN’OFFENSIVA CONTRO LA SORA GIORGIA ANCHE SULLA MANOVRA, SI MUOVA COME BRACCIO OPERATIVO DI TRUMP PER MINARE IL GOVERNO SALDO SULLA POSIZIONE ATLANTISTA E FILO UCRAINA (LA MELONI PUNTA A ALZARE I FONDI PER LA SPESA MILITARE A 1,6 DEL PIL) – LA DUCETTA NON VUOLE FARSI LOGORARE MA SALVINI L'ATTENDE AL VARCO SUL VOTO A URSULA: GIORGIA E' A UN BIVIO... - DAGOREPORT
 

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dagoreport-nascita-gruppo-patrioti-europa-situazione-401282.htm

 

 

Tommaso Ciriaco per la Repubblica - Estratti

 

 

GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI BY EDOARDO BARALDI GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI BY EDOARDO BARALDI

Quando entra nel salone dell’hotel St. Regis, Giorgia Meloni ha in mano un libro per bambini, “Iris”. Racconta di una fatina pasticciona che si iscrive a una scuola per umani e impara così a controllare i suoi poteri. Potesse usare fino in fondo quelli che gli conferisce Palazzo Chigi, chiuderebbe ogni conto politico con Matteo Salvini. E però non può farlo, non almeno per adesso. Deve gestire l’offensiva, capire fin dove intende spingersi il leghista. Quanto intenda terremotare la sua leadership e il suo governo.

 

Il sospetto, di cui ormai parla apertamente con i suoi, è che si muova come braccio operativo di Donald Trump nei confronti del governo italiano, come Viktor Orbán fa con l’Europa. Che provi a condizionare l’esecutivo, costringendolo a ridurre il sostegno a Kiev a vantaggio di Putin.

giorgia meloni e matteo salvini alla camera giorgia meloni e matteo salvini alla camera

 

Una dinamica, è l’analisi, che potrebbe intensificarsi fino alle Presidenziali del 4 novembre. Se poi dovesse vincere il repubblicano, tutto potrebbe precipitare, perché la linea filo ucraina della premier è nel mirino del suo vice. Dovesse accadere, Meloni preferirebbe non farsi logorare e proverebbe ad anticiparlo. Intanto è imminente un suo attacco pubblico contro i patrioti.

 

I segnali, in questo senso, sono devastanti. Ancora ieri, Salvini ha scientificamente colpito Meloni sul terreno in cui ancora si sente solida: l’atlantismo. E questo sfruttando il fatto che i suoi avversari si rafforzano e gli amici escono di scena: Joe Biden sembra vicino al ritiro, Emmanuel Macron ha resistito all’onda nera e continuerà a sfidarla, il grande alleato Rishi Sunak è lontano dal 10 di Downing Street. Ecco perché ha atteso l’avvio del summit per attaccare la politica estera di Palazzo Chigi. Un follower gli chiede: «Matteo, come fermiamo la guerra in Ucraina?». «Più armi si inviano – la risposta - più la guerra va avanti». Il contrario della filosofia di Meloni, la copia di quella di filorussi e trumpiani.

giorgia meloni e matteo salvini alla camera giorgia meloni e matteo salvini alla camera

 

Ora, per comprendere il peso di queste parole, bisogna riferire della posizione che Meloni porterà al vertice di Washington. Partendo da un fatto: il rapporto tra le spese per la difesa e il Pil dell’Italia per il 2025 sarebbe dell’1,44%. Roma intende lanciare un segnale e comunicare una tendenza al rialzo rispetto alle cifre già trasmesse alla Nato. L’obiettivo è arrivare all’1,6%: ogni 0,1% del Pil vale 2 miliardi e cento milioni, dunque l’impegno dovrebbe crescere di 3 miliardi. 

 

(...)

 

matteo salvini giorgia meloni matteo salvini giorgia meloni

Ma torniamo a Salvini. La sua linea sembra in grado di mettere in crisi l’esecutivo (il renziano Enrico Borghi torna a evocare la sindrome del “Papeete”). In realtà, il vicepremier cerca per ora di spostare il governo nel campo anti-ucraino. È una tenaglia che Meloni teme, anche perché il leghista prepara un’altra offensiva: quella sulla manovra. «Tra gli obiettivi – ha fatto sapere ieri - c’è l’aumento degli stipendi e la riforma delle pensioni». Parole lontane dall’obbligata austerità di Meloni.

 

Ma è soprattutto la sfida per la collocazione internazionale ad allarmare la premier e farle sospettare del suo vice. Infatti ribadisce la linea: Mosca non vuole la pace, nonostante la “propaganda” (quella sposata in pieno da Salvini). Evita però di polemizzare con i “Patrioti”: «Se mi preoccupa un gruppo filoputiniano? È una ricostruzione da osservatori».

 

In realtà, la preoccupa eccome. Certo, la sconfitta di Le Pen presenta anche un vantaggio: ha rallentato l’operazione di Orbán, che mirava a sfruttare l’eventuale crollo di Macron per spianare la strada al patto tra Trump e Putin sull’Ucraina. Ma è chiaro che Meloni non può gioire per la resilienza dell’Eliseo. E infatti si produce in un’invasione di campo, fuori dal galateo diplomatico: «Nessuno dei tre schieramenti ha vinto ed è in grado di governare da solo».

antonio tajani giorgia meloni matteo salvini antonio tajani giorgia meloni matteo salvini

 

(...) Certo è che Salvini la attende al varco. E lo farà anche in ottobre, quando l’Europarlamento dovrà confermare a scrutinio palese l’intera nuova Commissione.

 

I problemi si sommano, inesorabilmente. Quello geopolitico, allarmante. L’eventuale tracollo nel referendum sul premierato. E poi le casse vuote dello Stato. Timori che non le fanno escludere da qualche settimana l’opzione di anticipare il passaggio elettorale, anche per ridimensionare l’alleato leghista. Per decidere come muoversi, però, Meloni ha bisogno di capire se arriverà il ritiro di Biden e se Trump è ormai un destino ineluttabile. Qualcosa intuirà durante il vertice Nato. Prima del summit prova a concedersi una visita a uno dei musei Smithsonian - quello dei dinosauri - con la figlia Ginevra.

salvini meloni salvini meloni trump salvini trump salvini ursula von der leyen meloni ursula von der leyen meloni SERGIO MATTARELLA MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI SERGIO MATTARELLA MATTEO SALVINI GIORGIA MELONI antonio tajani matteo salvini giorgia meloni antonio tajani matteo salvini giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)