SCISSO DA LONTANO - IL PIANO DI RENZI PER L'ADDIO AL PD HA AVUTO UN LUNGO SVILUPPO - A LUGLIO SONO ARRIVATI 260MILA EURO AI COMITATI CIVICI, DI CUI 100MILA ARRIVANO DALLE TASCHE DI DANIELE FERRERO, AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA VENCHI - AD AGOSTO, ANCHE I PARLAMENTARI RENZIANI HANNO INIZIATO A FARE DONAZIONI...

-

Condividi questo articolo

MATTEO RENZI E MARIA ELENA BOSCHI MATTEO RENZI E MARIA ELENA BOSCHI

Da https://www.liberoquotidiano.it

 

Matteo Renzi ha lasciato il Partito Democratico, ma stando alle donazioni ricevute, pare che qualcuno avesse intuito la sua mossa. Il boom è iniziato a fine agosto, proprio nel bel mezzo della crisi di governo. A elargire offerte ai comitati civici dell'ex premier sono stati i parlamentari cosiddetti renziani. Come ricostruito dall'Huffington Post, la corsa al versamento di deputati e senatori inizia il 20 di agosto: dopo una settimana, sul conto corrente bancario dei comitati di "Azione Civile", spuntano 36mila euro. Cifre ben più alte rispetto a quelle racimolate da gennaio ad allora.

 

ANNA ASCANI LUCIANO NOBILI ANNA ASCANI LUCIANO NOBILI

A luglio il vero e proprio boom con 260mila euro, di cui 100mila arrivano dalle tasche di Daniele Ferrero, amministratore delegato della Venchi, azienda specializzata nella produzione e vendita di cioccolato. Poi, ad agosto, le donazioni dei politici: Anna Ascani, Eugenio Comencini, Marco Di Maio, Andrea Ferrazzi, Laura Garavini, Nadia Ginetti e ovviamente Maria Elena Boschi. Dunque, la neo ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova, Mauro Del Barba, Davide Faraone, Ernesto Magorno e Mauro Maria Marino, Martina Nardi. E poi, via via, tutti gli altri: da Caterina Biti a Ettore Rosato, passando per Ivan Scalfarotto e Gennario Migliore, solo per citarne alcuni dei tanti. Sempre ad agosto, lo stilista di lusso Bruno Tommasini dona 20mila euro.

davide faraone contro il decreto sicurezza bis davide faraone contro il decreto sicurezza bis

 

Anche a settembre la raccolta non si ferma: per la campagna elettorale si contano già 220 euro raccolti. Tra i finanziatori più generosi emerge Davide Serra (90mila euro), poi Lupo Rattazzi (figlio di Susanna Agnelli) con 50mila euro, Quintessentially Concierge (10mila euro) e la Tci-Telecomunicazioni Italia (5.000 euro) del deputato Pd Gianfranco Librandi.

ettore rosato ettore rosato

 

Condividi questo articolo

politica