SE ''METICCIATO'' LO DICE IL PAPA, ALLORA VA BENE! - BERGOGLIATE VARIE: ''NON CONCENTRATEVI SUL SESSO, CI SONO PECCATI PIÙ GRAVI'' AVEVA DETTO AI GESUITI RIUNITI IN MOZAMBICO. MENTRE A ''REPUBBLICA'' INSISTE SUL MIX DI POPOLI: ''MESCOLARE FA CRESCERE, SVILUPPA INCROCI, MUTAZIONI E CONFERISCE ORIGINALITÀ. INVECE C'È CHI VUOLE STERILIZZARE LA RAZZA E LA FAMIGLIA''

-

Condividi questo articolo


"NON CONCENTRATEVI SUL SESSO, CI SONO PECCATI PIÙ GRAVI" HA DETTO IL PAPA

Da www.agi.it

 

Una volta un gesuita "mi disse di stare attento nel dare l'assoluzione, perché i peccati più gravi sono quelli che hanno una maggiore 'angelicità': orgoglio, arroganza, dominio. E i meno gravi sono quelli che hanno minore angelicità, quali la gola e la lussuria. Ci si concentra sul sesso e poi non si dà peso all'ingiustizia sociale, alla calunnia, ai pettegolezzi, alle menzogne".

PAPA BERGOGLIO PAPA BERGOGLIO

 

Così Papa Francesco durante il suo viaggio in Mozambico, incontrando in maniera privata un gruppo di 24 gesuiti (il 5 settembre). Il colloquio è avvenuto in Nunziatura, al termine della giornata di impegni del Pontefice. Repubblica anticipa parte del colloquio, la cui versione integrale verrà pubblicata domani sul sito della rivista La Civiltà Cattolica.

 

 

PAPA FRANCESCO, SFREGIO AI SOVRANISTI: "VOGLIONO BLOCCARE IL METICCIATO E STERILIZZARE RAZZA E FAMIGLIA"

Da www.liberoquotidiano.it

 

"Si vuole bloccare quel processo così importante che dà vita ai popoli e che è il meticciato. Mescolare ti fa crescere, ti dà nuova vita. Sviluppa incroci, mutazioni e conferisce originalità". Papa Francesco, in una intervista a La Repubblica, insiste sull'importanza dell'immigrazione che porta al meticciato appunto: "Il meticciato è quello che abbiamo sperimentato, ad esempio, in America Latina. Da noi c'è tutto: lo spagnolo e l'indio, il missionario e il conquistatore, la stirpe spagnola e il meticciato". Invece, continua il Pontefice, "costruire muri significa condannarsi a morte. Non possiamo vivere asfissiati da una cultura da sala operatoria, asettica e non microbica".

 

bergoglio bergoglio

 

Poi l'attacco al sovranismo: "La xenofobia e l'aporofobia (la paura per la povertà, ndr) oggi sono parte di una mentalità populista che non lascia sovranità ai popoli. La xenofobia distrugge l'unità di un popolo, anche quella del popolo di Dio. E il popolo siamo tutti noi: quelli che sono nati in un medesimo Paese, non importa che abbiano radici in un altro luogo o siano di etnie differenti". Oggi, sottolinea Bergoglio, "siamo tentati da una forma di sociologia sterilizzata. Sembra che si consideri un Paese come se fosse una sala operatoria, dove tutto è sterilizzato: la mia razza, la mia famiglia, la mia cultura, come se ci fosse la paura di sporcarla, macchiarla, infettarla". 

BERGOGLIO BERGOGLIO

 

Condividi questo articolo

politica