SE GUZZINI SE NE VA PAZIENZA – DOPO LA CAZZATA DETTA DURANTE UN FORUM SULLA PANDEMIA (“LA GENTE È STANCA, SE QUALCUNO MUORE PAZIENZA”), SI È DIMESSO IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA DI MACERATA DOMENICO GUZZINI - AVEVA PROVATO A RIMEDIARE CHIEDENDO SCUSA, MA HA CAPITO CHE DOVEVA FARSI DA PARTE QUANDO È PARTITA UNA PROCEDURA INTERNA CONTRO DI LUI - “CHI MI CONOSCE SA QUANTO PER ME SIANO IMPORTANTI E PRIORITARIE LA SALUTE, LA FAMIGLIA E LE PERSONE”. PENSA SE NON LO FOSSERO STATE…

-

Condividi questo articolo

 

1. GUZZINI, SI DIMETTE IL PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA MACERATA. AVEVA DETTO: «SE QUALCUNO MORIRÀ PAZIENZA»

Da www.corriere.it

 

domenico guzzini confindustria macerata 1 domenico guzzini confindustria macerata 1

Si è dimesso dal suo incarico di presidente di Confindustria di Macerata l’imprenditore Domenico Guzzini. La frase choc era stata pronunciata («la gente è stanca e se qualcuno muore, pazienza») parlando a un forum online delle ricadute economiche della pandemia. Frase per la quale si era scusato ieri ma che hanno determinato l’avvio di una procedura da parte di Confindustria Macerata.

 

Le dimissioni saranno formalizzate in occasione del Consiglio direttivo del 17 dicembre. Il presidente di F.lli Guzzini ha ammesso di aver sbagliato in una lettera: «Sinceramente chiedo scusa a tutti e in particolare alle famiglie toccate dal dramma del Covid, per la frase che ho pronunciato ieri nel corso del Forum Made For Italy. Ho sbagliato nei contenuti e nei modi. Parlavo della vita aziendale e delle prospettive del lavoro e invece, preso dalla discussione, ho fatto un’affermazione sbagliata, che non raffigura il mio pensiero né tantomeno quello dell’Associazione che rappresento».

 

2. GUZZINI E IL PASSO D’ADDIO

Giuseppe Bottero per “La Stampa

 

domenico guzzini confindustria macerata domenico guzzini confindustria macerata

La vita o è stile o è errore. E Guzzini, che di stile dovrebbe intendersi, ha cercato di rimediare al più imperdonabile degli sbagli nell'unico modo possibile: facendosi da parte, dimettendosi da quella Confindustria che, da subito, aveva preso le distanze.

 

Dopo la frase terribile sugli effetti economici della pandemia - «la gente è stanca, e se qualcuno muore pazienza» - ieri ha alzato bandiera bianca, in una lettera all'associazione. «Chi mi conosce sa quanto per me siano importanti e prioritarie la salute, la famiglia e le persone», scrive, annunciando la scelta giusta: quella di farsi da parte.

 

Condividi questo articolo

politica

IL VOTO DI FIDUCIA AL GOVERNO DI MARIA ROSARIA ROSSI È LA VENDETTA PER ESSERE STATA USATA E SCARICATA - EX COLONNA DEL "CERCHIO TRAGICO" DEL CAV AI TEMPI DELLA PASCALE, DA UN ANNO ERA FINITA AI MARGINI CON IL REGNO DELLA NUOVA PREFERITA, MARTA FASCINA, TANTO DA APRIRE UNA PIZZERIA IN PROVINCIA DI NAPOLI - LA POPPUTISSIMA ROSSI È STATA ASSISTENTE E CONSIGLIERA DEL BANANA: NE HA CUSTODITO I SEGRETI PERSONALI E POLITICI. GLI HA FATTO SCUDO QUANDO SI TRATTAVA DI DIFENDERLO DALLE ACCUSE PER IL BUNGA-BUNGA - ERA LEI A GESTIRE LE OLGETTINE, TANTO DA FINIRE TRA GLI IMPUTATI AL PROCESSO RUBY TER...

COSA DIRÀ MATTARELLA A CONTE? LO SPOILERA MARZIO BREDA: "FARÀ NOTARE LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL'ESECUTIVO, CHE ESCE PIÙ INFRAGILITO DI PRIMA. MATTARELLA AVRÀ UN BEL PO' DI ARGOMENTI DA PROPORRE, TUTTI ISPIRATI ALL'INCERTEZZA SULLA CONCRETA OPERATIVITÀ DEL GOVERNO (PER ESEMPIO QUANDO NELLE COMMISSIONI POTREBBE SCATENARSI IL SABOTAGGIO DEI RENZIANI) E ALL'URGENZA DI ALCUNE MISURE COME LA CHIUSURA DEL RECOVERY PLAN E DELLA SUA GOVERNANCE, PER NON PARLARE DELLA CAMPAGNA VACCINALE INCEPPATA, DEI RISTORI DA ACCREDITARE E DELLA PRESSIONE SOCIALE IN CRESCITA…"