SE NON VI E’ BASTATA LA SCENEGGIATA DEL “RUSSIAGATE” CONTRO TRUMP ORA ARRIVA L’“UCRAINAGATE” - UN AGENTE DEI SERVIZI SOSTIENE CHE IL PRESIDENTE AMERICANO PROMISE SOLDI A KIEV PURCHÉ RIAPRISSE L'INCHIESTA PER CORRUZIONE, GIÀ ARCHIVIATA, SU HUNTER BIDEN, DIRIGENTE DI UN'AZIENDA DI GAS E FIGLIO DELL'EX VICE PRESIDENTE JOE BIDEN - SECONDO IL “WALL STREET JOURNAL”, TRUMP AVREBBE RIPETUTO OTTO VOLTE A ZELENSKY DI METTERE SOTTO PRESSIONE BIDEN MA FINORA…

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Sarcina per il “Corriere della sera”

 

TRUMP E BIDEN TRUMP E BIDEN

Indagate contro il figlio di Joe Biden e vi mando aiuti militari per 250 milioni di dollari e forse anche di più. È il 25 luglio 2019: Donald Trump parla al telefono con il neopresidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky. Il resoconto ufficiale della conversazione diffuso da Kiev contiene un passaggio poco chiaro: «Trump è convinto che il nuovo governo ucraino sarà in grado di completare le inchieste sui casi di corruzione che ostacolano l'interazione tra Ucraina e Usa».

 

vladimir zelensky giura da presidente dell'ucraina 9 vladimir zelensky giura da presidente dell'ucraina 9

Il 12 agosto un agente dei servizi segreti invia un rapporto riservato al suo superiore, Michael Atkinson, Ispettore generale della Comunità di Intelligence, una struttura di controllo del sistema, incaricata, tra l' altro, di proteggere i whistleblower, i dipendenti federali che segnalano comportamenti sospetti nel governo. Quel rapporto, però, pur se «urgente» e «allarmante» resta insabbiato nell' ufficio della Nsa (National Security Agency), l'agenzia che coordina i servizi segreti di Washington, compreso il dipartimento guidato da Atkinson. L'ordine di stop sarebbe arrivato da Joseph Maguire, direttore ad interim della Nsa, dopo che ad agosto Trump ha costretto all' uscita lo scomodo Dan Coats.

 

La storia è venuta fuori grazie alla ricostruzione pubblicata il 19 settembre dal Washington Post. Trump ha risposto via Twitter o parlando con i cronisti: «É un' accusa ridicola, una fake news, qualcuno è così stupido da pensare che io abbia detto qualcosa di inappropriato a un leader straniero in una conversazione con tanti testimoni».

 

TRUMP E BIDEN TRUMP E BIDEN

Stando alle indiscrezioni raccolte dal Post, e poi anche dal New York Times, Trump e il suo avvocato personale Rudy Giuliani avrebbero fatto pressione affinché la magistratura di Kiev riaprisse l'inchiesta per corruzione, già archiviata, su Hunter Biden, dirigente di un' azienda di gas e, soprattutto, figlio dell' ex vice presidente Joe Biden.

 

E secondo il Wall Street Journal, Trump avrebbe ripetuto otto volte a Zelensky di mettere sotto pressione il suo avversario più accreditato. Ma finora neanche il Congresso è riuscito a recuperare il documento del whistleblower, come prevede la legge. Convocato davanti alla Commissione Intelligence della Camera, il 19 settembre, l'Ispettore Atkinson non ha risposto praticamente su nulla.

 

HUNTER BIDEN HUNTER BIDEN

Più utile l'intervista rilasciata da Giuliani alla Cnn. L'ex sindaco di New York ha ammesso: «Certo che ho domandato al governo di Kiev perché la magistratura avesse abbandonato l'inchiesta su Hunter Biden. L'ho fatto di mia iniziativa; poi ho informato Trump». Proprio pochi giorni fa, il 12 settembre, gli americani hanno sbloccato i fondi promessi all'Ucraina per fronteggiare l' invasione russa del Donbass.

 

Ai 250 milioni versati dal Pentagono si è aggiunto un pacchetto da 140 milioni di dollari, con il consenso unanime del Congresso. I parlamentari democratici, però, chiedono alla Casa Bianca di consegnare il verbale completo della conversazione tra Trump e Zelensky. I due leader si vedranno il 25 settembre, a margine dell'Assemblea dell' Onu a New York.

joe e hunter biden joe e hunter biden

Il presidente Usa Donald Trump ha definito «cordiale» l'incontro con Mark Zuckerberg.

Il fondatore di Facebook ha rassicurato il Congresso che Libra, la sua criptovaluta, non sarà lanciata senza il via libera delle autorità americane. Ma ha respinto la proposta di vendere Instagram e WhatsApp.

 

Condividi questo articolo

politica

IL CONTE DELLA SUPERCAZZOLA - “GIUSEPPI” IN CONFERENZA STAMPA DOPO L’AUDIZIONE AL COPASIR SI ARRAMPICA SUGLI SPECCHI: “SONO STATO QUASI COSTRETTO A RIFERIRE... SULLA VICENDA BARR CI SONO STATE RICOSTRUZIONI FANTASIOSE. TRUMP NON MI HA MAI PARLATO DI QUESTA INCHIESTA” - MA QUANDO CONFERMA I DUE INCONTRI NELLA SEDE DEI SERVIZI, CADE L'ASINO: NON POTEVA ORDINARE AI VERTICI DEI NOSTRI SERVIZI DI INCONTRARE IL MINISTRO DI TRUMP - POI ATTACCA SALVINI PER GLI INCONTRI DEL METROPOL: "SORPRENDE CHE PONTIFICHI" - VIDEO

AMERICA FATTA A MAGLIE - CONTE PUÒ DIRE ''TRUMP NON SA NIENTE'', MA NON È VERO: IL PRESIDENTE ANDRÀ A FONDO CON LA SUA VENDETTA ANTI-RUSSIAGATE. E IL PREMIER NON POTEVA DARE ORDINE A VECCHIONE E CO. DI INCONTRARE IL MINISTRO USA - BARR E' PRONTO A ESPANDERE L'INDAGINE SUL RUOLO DELL'FBI PROPRIO BASANDOSI SU NUOVE PROVE VENUTE FUORI DURANTE LA VISITA A ROMA CON DURHAM - PER MOODY'S, TRUMP È IL FAVORITO ALLA RIELEZIONE, E PER QUESTO I DEM CI PROVANO CON L'IMPEACHMENT. MA GLI MANCA UN CANDIDATO FORTE