SENZA DRAGHI, IN EUROPA TORNANO A COMANDARE GERMANIA E FRANCIA – MACRON E IL SUO DOLCE VITA VANNO A BERLINO PER SANCIRE L’ACCORDO CON SCHOLZ, UNICO INTERLOCUTORE PRIVILEGIATO DOPO LA SFIDUCIA A “MARIOPIO”. CHE DA PAR SUO, AVEVA AVVERTITO GIÀ PER TEMPO GIORGIA MELONI, DICENDOLE DI FARE ATTENZIONE AL RINASCENTE ASSE PARIGI-BERLINO – ANCHE SE DALL’AMERICA IL FILO-ATLANTISMO DI “DONNA GIORGIA” È APPREZZATO, A BRUXELLES NON DIMENTICANO DELLE INTEMERATE FILO-ORBAN DELLA “DUCETTA”

-

Condividi questo articolo


Alessandro Barbera per “la Stampa”

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

 

I timori per quel che sarebbe accaduto con le elezioni anticipate in autunno Mario Draghi glieli aveva espressi ben prima di ieri: «Cara Giorgia, fai attenzione al rinascente asse fra Parigi e Berlino».

 

L'immagine che meglio rappresenta il cambio di fase nel Continente è quella del leader francese in visita nella capitale tedesca con giacca e maglione a collo alto: mentre il commissario Thierry Breton abbozzava una risposta europea al maxi piano tedesco contro il caro energia, il capo dell'Eliseo aveva già programmato la cena riservata con il collega tedesco.

 

mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2 mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2

Complice la lunga transizione fra Angela Merkel e Scholz, finché a Palazzo Chigi c'è stato Draghi l'interlocutore privilegiato del francese è rimasto lui. Ora non sarà più così. Per Meloni è un passaggio delicatissimo, perché dal rapporto con Parigi e Berlino dipende la capacità dell'Italia di incidere ai tavoli europei.

 

Un vecchio frequentatore di Palazzo Chigi sotto la garanzia dell'anonimato, la spiega così: «Per mesi Giorgia Meloni ha rassicurato l'alleato americano, cercando di far dimenticare i selfie con Steve Bannon, e ci è riuscita. Il sostegno fermo all'Ucraina in guerra le è stato d'aiuto.

 

VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI

Ma le partite importanti si vincono e si perdono in Europa, con Parigi e Berlino. E su questo Meloni è al giorno zero». I toni della campagna elettorale non le sono state di aiuto: la dichiarazione sulla «pacchia è finita», il voto all'Europarlamento a favore dell'Ungheria di Viktor Orban, la promessa - citando Giovanni Paolo II - di avere più attenzione «all'Est dell'Unione rispetto all'asse franco-tedesco».

 

«Siamo desiderosi di cominciare a lavorare con il nuovo governo», diceva ieri la portavoce della Casa Bianca. Ma in questo contesto l'Italia di Meloni rischia di trasformarsi nella Polonia del Sud Europa. Circa un mese fa, mentre la politica era nella bolla delle elezioni, e mentre Bruxelles tentava di costruire una proposta per un tetto al prezzo del gas, Parigi e Berlino si accordavano per un sostegno reciproco contro la crisi.

 

LA DRAGHETTA - BY EMAN RUS LA DRAGHETTA - BY EMAN RUS

La Francia ha preso l'impegno a fornire gas alla Germania, che in cambio distribuirà oltre il confine ovest elettricità. «Nelle prossime settimane metteremo a punto i collegamenti necessari», disse Macron in conferenza stampa. Il giorno dopo l'annuncio tedesco del maxi-piano da duecento miliardi un documento firmato dalle due cancellerie ha sancito lo sforzo comune «per ridurre i prezzi».

 

Draghi, come è nella tradizione della diplomazia italiana, per spingere a favore di un intervento comune contro il caro energia aveva fatto leva sul blocco dei Paesi mediterranei. Il caso ha voluto che il vertice annuale di quel blocco - previsto ad Alicante la scorsa settimana - sia saltato a causa della positività al Covid di Pedro Sanchez.

 

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

Oggi il premier spagnolo e Scholz si incontrano a La Coruña con i rispettivi ministri per un importante vertice bilaterale. Insomma, nonostante il tentativo di Draghi e Mattarella di non farlo sembrare tale, il vuoto di potere a Palazzo Chigi si sente. Ed è questa la ragione per cui il capo dello Stato preme perché il governo Meloni giuri il prima possibile. La premier, non appena seduta a Palazzo Chigi, dovrà occuparsi di ricostruire la rete di alleanze che Draghi non può più garantirle.

DRAGHI - ZELENSKY - MACRON - SCHOLZ DRAGHI - ZELENSKY - MACRON - SCHOLZ DRAGHI SCHOLZ MACRON 33 DRAGHI SCHOLZ MACRON 33 olaf scholz emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron mario draghi emmanuel macron olaf scholz a irpin mario draghi emmanuel macron olaf scholz a irpin olaf scholz emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz giorgia meloni e viktor orban giorgia meloni e viktor orban ZELENSKY - DRAGHI - SCHOLZ - MACRON ZELENSKY - DRAGHI - SCHOLZ - MACRON

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ