SENZA VERGOGNA! – GIORGIA MELONI ALLA CAMERA, DIECI GIORNI FA, HA AVUTO IL CORAGGIO DI AFFERMARE CHE IL SUO GOVERNO NON HA TAGLIATO I FONDI ALLA SANITÀ, ED È SUBITO STATA SMASCHERATA DALLA CORTE DEI CONTI (HA SFORBICIATO UN MILIARDO) – DANIELE LUTTAZZI: “DALLE BALLE MELONESCHE EMERGE UN DISEGNO POLITICO INFAME: LA PRIVATIZZAZIONE DELLA SANITÀ. SI SPERAVA CHE LA LEZIONE DEL COVID FOSSE STATA ASSIMILATA. POI I LOMBARDI HANNO RIELETTO FONTANA, E COSÌ TUTTI HANNO CAPITO PERCHÉ DA ANNI PREFERISCO STARMENE IN SPAGNA…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Daniele Luttazzi per "il Fatto quotidiano”

 

DANIELE LUTTAZZI DANIELE LUTTAZZI

È quasi impossibile parlare del proprio passato senza favoleggiare, esagerare, idealizzare o addirittura raccontare delle frottole, ma Giorgia Meloni fa eccezione: non attende che la sua giovinezza sia trascorsa, per raccontare balle. Alla Camera, dieci giorni fa, ha affermato che il suo governo non ha tagliato i fondi alla sanità. Quest’ennesima bugia è stata smascherata dalla corte dei Conti: il taglio è di un miliardo.

 

Lo denuncia la Cgil, bruciando sul tempo il Tg1. La Meloni ha addirittura mentito mentre stava mentendo: il fondo per l’edilizia ospedaliera, da cui secondo lei saranno attinte certe integrazioni, in realtà è già stato destinato. Come un affresco resuscitato dal limbo dell’imbiancatura, dalle balle melonesche emerge così un disegno politico infame: la privatizzazione della sanità.

meloni sanità meloni sanità

 

Le destre amano trasformare i diritti in servizi a pagamento (i politici di destra sono i maggiordomi del capitalismo: continuate a votarli, mi raccomando), ma si sperava che la lezione del Covid fosse stata assimilata. Poi i lombardi hanno rieletto Fontana, e così tutti hanno capito perché da anni preferisco starmene in Spagna. Il decreto legge del 2 marzo n. 19 certifica l’abbandono della sanità territoriale e lo spostamento di risorse a quella privata: è dunque assodato che qualunque cosa dica la Meloni dev ’essere presa con beneficio di inventario. […]

ATTILIO FONTANA AL SEGGIO PER LE REGIONALI DELLA LOMBARDIA ATTILIO FONTANA AL SEGGIO PER LE REGIONALI DELLA LOMBARDIA daniele luttazzi daniele luttazzi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."