SGARBI “MANOLESTA”: AL MINISTERO PRENDEVA SENZA CHIEDERE – PANICO AL DICASTERO DELLA CULTURA: PRIMA CHE IL SOTTOSEGRETARIO SE NE VADA, È NECESSARIO L’INVENTARIO DELLE OPERE D’ARTE E DEGLI ARREDI CHE S’È PORTATO NELL’UFFICIO! DOPO ESSERSI PRESO A FORZA LA STANZA AL TERZO PIANO, SOPRA QUELLA DI SANGIULIANO, IL CRITICO D’URTO ANDÒ IN GIRO PER IL PALAZZO PER SCEGLIERSI QUADRI, LAMPADE E SCULTURE, SENZA ALCUNA RICHIESTA UFFICIALE – UN FUNZIONARIO: “DI NOTTE, COME IN PREDA A UN RAPTUS, ANDAVA IN CERCA DI COSE PER ARREDARE IL SUO UFFICIO...”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Thomas Mackinson per “il Fatto quotidiano”

 

VITTORIO SGARBI VITTORIO SGARBI

“Di notte se ne andava in giro per tutto il ministero, come in preda a un raptus, in cerca di cose per arredare il suo ufficio. Il giorno dopo la gente veniva qui a reclamarli: quello era nel mio!”. Che fosse la scala a chiocciola intarsiata per la biblioteca, il mappamondo della Sala della Meteorologia, dipinti o lampade che calano lungo il corridoio.

 

Vittorio Sgarbi non si è ancora dimesso, ma al ministero c’è già un certo trambusto. Fonti qualificate riferiscono al Fatto che, in previsione del suo trasloco alcuni funzionari e perfino i carabinieri sono stati allertati di verificare preventivamente che tutti i beni che trovò quando prese possesso dell’ufficio ci siano ancora quando lo lascerà, distinguendo quelli che ci portò lui stesso e quelli che si andò a prendere, fisicamente, nel palazzo perché a lui più graditi di quelli in dotazione all’ufficio.

 

vittorio sgarbi con le rose per chiara boni foto di bacco vittorio sgarbi con le rose per chiara boni foto di bacco

“Li voleva a tutti i costi nel suo ufficio perché fosse più ‘adeguato’, e li andava a prendere e li spostava di persona, senza registrare alcuna richiesta ufficiale e facendo così infuriare i funzionari che tenevano il registro e la mappa dell’ubicazione dei beni”.

 

Un ufficio, racconta chi c’era, che Sgarbi occupò di corsa e a forza al terzo piano, cioè sopra quello del ministro e degli altri sottosegretari: una collocazione già di per sé indicativa dell’atteggiamento e dello spirito con cui il sottosegretario – che il ministro voleva fare – si presentò in via del Collegio Romano. […]

 

È l’epilogo grottesco delle vicende rivelate dal Fatto Quotidiano insieme a Report, quelle sul famoso “Manetti” identico a quello rubato a Buriasco nel 2013 ed esposto nel 2021 come proprietà di Sgarbi, ora sequestrato su ordine della Procura di Macerata in attesa di perizie, che ha portato a un’indagine per riciclaggio di beni culturali.

 

GENNARO SANGUILIANO VITTORIO SGARBI - MEME BY GIAN BOY GENNARO SANGUILIANO VITTORIO SGARBI - MEME BY GIAN BOY

Quella sul presunto Valentine de Boulogne sequestrato a Montecarlo per il quale, dopo le rivelazioni del restauratore Mingardi e del proprietario che lo vendette all’autista di Sgarbi per 10 mila euro, la Procura di Imperia si accinge a formulare la richiesta di rinvio a giudizio.

 

Il tema non è che possa essersi portato via qualcosa di “importante”, perché dalla guardiania hanno escluso siano passati “oggetti voluminosi”, quanto la necessità di ristabilire “ordine” dopo il suo vulcanico passaggio. Le testimonianze in questo senso convergono.

 

I sindacati interni hanno più volte reclamato “rispetto” per il personale costretto a stare fino alle tre del mattino a disposizione del sottosegretario, che l’indomani magari arrivava a mezzogiorno o non arrivava affatto. Gli autisti venivano convocati di notte per trasferimenti comunicati all’ultimo, senza preavviso.

 

vittorio sgarbi gennaro sangiuliano vittorio sgarbi gennaro sangiuliano

Le proteste non hanno sortito grandi effetti, mentre quelle dei responsabili degli uffici dove le opere venivano prese d’imperio e il giorno dopo non si trovavano più, sarebbero culminate con una raccomandazione a rimetterle a posto e presentare regolare richiesta agli uffici competenti.

 

Raccontano al ministero che quando arrivò, Sgarbi pretese di impreziosire il suo ufficio portando alcune opere di sua proprietà e togliendone altre che non gli erano gradite, anche se stavano lì da 40 anni in quella stanza e nel corridoio a mosaico.

 

vittorio sgarbi nicola porro vittorio sgarbi nicola porro

Man mano venivano sostituite da Sgarbi che andava fisicamente a prelevarle lungo i sei piani del palazzo. Si tratta però di beni solitamente messi a disposizione del ministero da musei come “prestito” per essere esposti nei palazzi delle istituzioni, censiti con tanto di mappa e inventario, da un apposito servizio interno (“ufficio del consegnatario”) che si è presto trovato a rincorrere Sgarbi e i suoi spostamenti non autorizzati. […]

vittorio sgarbi gennaro sangiuliano vittorio sgarbi gennaro sangiuliano LE CAPRE E LE DIMISSIONI DI VITTORIO SGARBI - VIGNETTA BY VUKIC LE CAPRE E LE DIMISSIONI DI VITTORIO SGARBI - VIGNETTA BY VUKIC vittorio sgarbi foto di bacco vittorio sgarbi foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTO LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO