SI RIEMPIONO LA BOCCA CON LA "CANCEL CULTURE" E POI CENSURANO I LIBRI COME IN "FAHRENHEIT 451" - VALENTINA GOMEZ, CANDIDATA REPUBBLICANA DEL MISSOURI, È DIVENTATA VIRALE CON UN VIDEO IN CUI USA UN LANCIAFIAMME PER CARBONIZZARE LIBRI LGBTQ+: "QUESTO È CIÒ CHE FARÒ AI LIBRI SCRITTI PER ADESCARE I BAMBINI QUANDO DIVENTERÒ SEGRETARIO DI STATO" - IL FILMATO HA FATTO SCATTARE UN CAMPANELLO D'ALLARME E MOLTI HANNO PARAGONATO IL GESTO DELLA 24ENNE AI NAZISTI CHE BRUCIAVANO I LIBRI CONSIDERATI "NON TEDESCHI" E… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

 

valentina gomez brucia i libri a tema lgbt 3 valentina gomez brucia i libri a tema lgbt 3

Valentina Gomez, candidata repubblicana del Missouri, ha pubblicato un video sulla sua pagina "X" nel quale incendia dei libri a tema LGBTQ+ con un lanciafiamme e dice: "Questo è ciò che farò ai libri scritti per adescare i bambini quando diventerò segretario di stato". I due libri incendiati dalla 24enne di St. Louis sarebbero “Queer: The Ultimate LGBTQ Guide for Teens” e “Naked: Not Your Average Sex Encyclopedia”.

 

Maicoll Gomez, direttore della campagna di Gomez, ha affermato in una dichiarazione via e-mail che "il messaggio è semplice". “Vuoi essere gay? Va bene. Basta lasciare fuori i bambini", si legge nella dichiarazione. “Smettetela di mettere nelle biblioteche libri sulla sessualizzazione, l’indottrinamento e l’adescamento dei bambini. I bambini hanno bisogno di imparare la matematica, le scienze, sviluppare le proprie capacità relazionali, mettersi in forma, proteggendo al tempo stesso la propria innocenza. Non imparare le ideologie che la sinistra radicale ama imporre ai bambini. Sono contrario a tutti gli spettacoli di drag queen con i bambini, alle bandiere dell'orgoglio gay nelle classi, ai pronomi, alle persone che vogliono "cambiare" il genere e alle persone che non riescono nemmeno a definire cosa sia una donna. Se i genitali non definiscono il genere, come si può parlare della loro rimozione? Temo solo Dio”.

valentina gomez brucia i libri a tema lgbt 2 valentina gomez brucia i libri a tema lgbt 2

 

Kathy Belge, una delle autrici di "Queer: The Ultimate LGBTQ Guide for Teens", ha detto che gli americani "dovrebbero preoccuparsi che un candidato a una carica pubblica non solo pensi che bruciare libri sia accettabile, ma che sia qualcosa che la aiuterà a essere eletta”. "Suggerisco a questo candidato di lasciare in pace i ragazzi queer e di concentrarsi invece sui problemi reali che renderanno migliore la vita delle persone nel Missouri", ha detto Belge.

 

Alcune persone hanno paragonato le azioni di Gomez alle campagne naziste con i roghi di libri negli anni '30, quando un gruppo di studenti bruciò decine di migliaia di libri in Germania e Austria che erano considerati "non tedeschi". Il direttore della campagna di Gomez ha rifiutato di rispondere alle critiche.

valentina gomez brucia i libri a tema lgbt 1 valentina gomez brucia i libri a tema lgbt 1

 

Il sito web di Gomez fa eco al linguaggio provocatorio sempre più comune utilizzato dai conservatori negli ultimi anni per descrivere l'assistenza medica legata alla transizione per i minori transgender. Tuttavia, affinché i minori ricevano cure, è necessario il consenso dei genitori e le principali associazioni mediche – tra cui l’American Medical Association, l’American Academy of Pediatrics e l’American Psychological Association – sostengono l’accesso dei minori a tali cure e si oppongono alle leggi che le limitano.

valentina gomez 5 valentina gomez 5

 

In un altro video sul suo account Instagram, Gomez afferma di fidarsi di tre cose: "La Bibbia, X - grazie, Elon Musk - e il mio AR-15". In un altro, dice in un video in cui spara con armi da fuoco: "Il Primo Emendamento continua a vivere, e lascia che ti ricordi che il Secondo farà in modo che lo faccia".

 

valentina gomez 4 valentina gomez 4

 

valentina gomez 2 valentina gomez 2 valentina gomez 1 valentina gomez 1 jake chansley valentina gomez jake chansley valentina gomez valentina gomez 3 valentina gomez 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”