SI SPACCA ANCHE IL FRONTE NO GREEN PASS, "ALTERNATIVA" DI PINO CABRAS SI ALLONTANA DA "ITALEXIT" DI PARAGONE - “CI SONO CANDIDATI CHE FANNO PARTE DI GRUPPI DI ISPIRAZIONE NEOFASCISTA” - IL PARTITO DI CABRAS SCENDERÀ IN PIAZZA DA SOLO A RACCOGLIERE LE 10 MILA FIRME NECESSARIE PER CORRERE ALLE ELEZIONI

-

Condividi questo articolo


Da open.online

 

Pino Cabras, Gianluigi Paragone, Francesco Forniciti Pino Cabras, Gianluigi Paragone, Francesco Forniciti

È durato quanto un battito d’ali, o poco più, il sodalizio tra le liste Alternativa e ItalExit. I due partiti non correranno insieme alle prossime elezioni politiche per le quali già avevano programmato la raccolta firme nelle piazze italiane. A dare l’annuncio è Alternativa: «Il quadro di possibile accordo elettorale fra Alternativa e ItalExit è sciolto», si legge in una nota:

 

«Nella composizione in dettaglio delle liste presentata da ItalExit abbiamo riscontrato la presenza – anche in ruoli di capolista – di candidati organici a formazioni di ispirazione neofascista». Il partito del vicepresidente della Commissione affari esteri Pino Cabras decide così di abbandonare Gianluigi Paragone «sebbene nelle piazze le persone di diversa ispirazione abbiano trovato un linguaggio comune». Le due realtà, infatti, hanno trovato corrispondenze sostanziali nelle interpretazioni di molti temi attuali, soprattutto nella lotta alla pandemia da Covid-19.

 

Gianluigi Paragone Gianluigi Paragone

 

«In questi mesi abbiamo lottato fianco a fianco contro il Green pass, contro l’obbligo vaccinale, contro le restrizioni e le violazioni della Costituzione», aveva detto Paragone alla presentazione dell’alleanza, «ci siamo schierati con convinzione contro le politiche del governo Draghi e contro il coinvolgimento dell’Italia in guerra». Valori comuni, visioni simili della realtà basata sull’andare contro «il sistema» che aveva reso l’unione tra i due movimenti «naturale». O almeno così sembrava. Ora Alternativa dovrà provvedere da sola a girare per le piazze per raccogliere le 10 mila firme necessarie alle nuove formazioni politiche per potersi candidare: «C’era spazio per rappresentare tante personalità che hanno dato lustro al dissenso contro una stagione di ingiustizie, ma non per veicolare candidati in cui prevalgano connotazioni personali d’ispirazione fascista militante».

PINO CABRAS PINO CABRAS PINO CABRAS PINO CABRAS

 

Condividi questo articolo

politica

ANCHE DI MAIO, NEL SUO PICCOLO, TIRA FUORI GLI ARTIGLI: “CALENDA? E' UN BULLO. SICCOME ERA DISPERATO, PERCHÉ AVREBBE DOVUTO RACCOGLIERE LE FIRME, SI È MESSO CON UNO CHE GLI FA ORRORE - CONTE STA CORONANDO IL SUO SOGNO, DISTRUGGERE QUEL CHE ERA RIMASTO DEL M5S. E GRILLO SE N'È ACCORTO CON COLPEVOLE RITARDO - GIORGIA MELONI HA ABIURATO IL FASCISMO E NE PRENDO ATTO. LO PUOI DIRE IN DUE, TRE, QUATTRO LINGUE, MA SE OGNI SETTIMANA DEVI RASSICURARE IL MONDO CHE NON VUOI SFASCIARE L'ITALIA, È GIÀ UN PROBLEMA - ELEGGERE UN GOVERNO DI DESTRA SIGNIFICA FARLO DURARE POCHI MESI”

“SE LETTA VA ALLA SEGRETERIA GENERALE DELLA NATO TEMPO SEI MESI I RUSSI ARRIVANO IN PORTOGALLO” – RENZI, CHE TALENTO SPRECATO: POTEVA FARE IL COMICO, CE LO DOBBIAMO SORBIRE IN POLITICA! MATTEUCCIO SPERNACCHIA ENRICHETTO: “NON HO NESSUN PROBLEMA PERSONALE CON LUI. HA DETTO ‘NON VOGLIO RENZI PERCHÉ MI STA ANTIPATICO. BERLUSCONI INECE HA DETTO 'DEVI VENIRE CON NOI'’” – POI APRE A UN EVENTUALE APPOGGIO A UN GOVERNO DI CENTRODESTRA: “SE CI SARÀ UN PROBLEMA CERCHEREMO DI DARE UNA MANO COME ABBIAMO FATTO CON DRAGHI” – IL DAGO-SCENARIO: COME, INSIEME A UN GRUPPO DI FORZISTI, VUOLE IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI…