SIETE PRONTI PER IL DONALD-BIS? TRUMP RISCHIA SERIAMENTE DI ESSERE RIELETTOSECONDO I SONDAGGI, BIDEN PUÒ CONTARE SU 232 GRANDI ELETTORI CONTRO I 219 DI TRUMP (PER ESSERE ELETTI ALLA CASA BIANCA NE SONO NECESSARI 270) - DA ASSEGNARE RESTANO 87 VOTI IN SEI STATI. QUELLI PIU' CONTENDIBILI SONO ARIZONA, NORTH CAROLINA E GEORGIA: PER VINCERE TRUMP DEVE CONQUISTARE TUTTI E TRE PIÙ UNO TRA MICHIGAN, WISCONSIN E PENNSYLVANIA...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Roberto D’Alimonte per “Il Sole 24 Ore”

 

donald e melania trump 7 donald e melania trump 7

Chi avrebbe potuto immaginare il 6 Gennaio 2021, all’indomani dell’assalto al Congresso, che il prossimo 5 novembre i candidati alla presidenza degli Stati Uniti sarebbero stati ancora Joe Biden e Donald Trump? Eppure, nonostante l’età di Biden e i problemi legali di Trump, sarà così salvo sorprese degli ultimi mesi. Perché? […]

 

Gli Stati Uniti sono un sistema presidenziale ma a differenza di altri sistemi presidenziali gli elettori non scelgono direttamente il presidente. Scelgono invece 538 grandi elettori collegati a uno dei candidati alla presidenza. È all’interno di questo collegio elettorale che si decide l’elezione. I 538 seggi di questo collegio sono divisi tra i 50 stati più il distretto di Columbia sostanzialmente in base alla popolazione. L’elezione avviene stato per stato. Tranne che nel Nebraska e nel Maine, in ciascuno stato tutti i seggi vengono assegnati al candidato che ottiene un voto più degli altri. Vince chi prende 270 seggi.

MEME SU JOE BIDEN BY DONALD TRUMP MEME SU JOE BIDEN BY DONALD TRUMP

 

Si può diventare presidente, come è stato il caso di Trump nel 2016 e di Bush nel 2000, senza avere la maggioranza del voto popolare ma solo la maggioranza dei voti nel collegio elettorale. Dunque, è il collegio l’istituzione decisiva per l’elezione del presidente. È qui dentro che va cercata una parte della spiegazione della vittoria di Trump nel 2016, della sua sconfitta nel 2020 e di una sua possibile vittoria nel 2024. Ma all’interno del collegio non tutti gli stati sono decisivi. […]

 

Poi ci sono i pochi stati dove non prevale stabilmente nessuno dei due partiti. Sono i cosiddetti “Swing States”, gli stati ballerini. In Usa sono chiamati anche “Battleground States”, gli stati dove si svolge la battaglia elettorale.

 

DONALD TRUMP DONALD TRUMP

Come si vede nella mappa delle ultime quattro elezioni presidenziali, gli stati della costa occidentale e quelli del Nord-Est (gli stati del New England) sono gli stati blu, il colore del partito democratico. Gli stati del Sud e la grande maggioranza di quelli che si collocano tra il fiume Mississippi e la costa occidentale sono rossi, il colore del partito repubblicano. Negli ultimi anni questa suddivisione è rimasta straordinariamente stabile.

 

I cambiamenti sono pochi. A ovest del Mississippi, solo l’Arizona ha cambiato colore nelle ultime quattro elezioni. Nel Sud la Florida è passata nel campo degli Stati rossi mentre in Georgia e in North Carolina il Partito democratico ha cominciato ad erodere il vantaggio storico dei repubblicani. Non è un caso che Biden abbia vinto in Georgia nel 2020, ma per pochissimi voti, e Obama in North Carolina nel 2008.

 

DONALD TRUMP - JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA DA MIDJOURNEY DONALD TRUMP - JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA DA MIDJOURNEY

Dal conteggio restano fuori gli stati di quella che era la Rust Belt, il cuore industriale del Paese. Sono gli stati del Midwest: Pennsylvania, Ohio, Michigan, Wisconsin, Minnesota, Indiana, Illinois. Una volta erano una delle roccaforti del Partito democratico. Oggi non è più così. Buona parte della classe operaia bianca ha abbandonato il Partito democratico. Non diversamente da quanto è successo in Europa i ceti colpiti dalla globalizzazione e dalla rivoluzione tecnologica si sono spostati a destra. Oggi solo il Minnesota e l’Illinois possono essere considerati stati democratici. Gli altri o sono diventati Stati rossi, come l’Ohio e l’Indiana, o sono diventati Stati contendibili come Pennsylvania, Michigan e Wisconsin.

 

donald trump presenta le sue scarpe 3 donald trump presenta le sue scarpe 3

Mettendo insieme questi dati possiamo dire che - salvo uno smottamento improvviso delle rispettive basi elettorali - Biden può contare su 232 voti all’interno del collegio elettorale contro i 219 di Trump. Da assegnare restano 87 voti in sei stati. Ai tre stati del Midwest già citati abbiamo aggiunto in questa categoria di stati contendibili Arizona, North Carolina e Georgia.

 

Per vincere Trump deve conquistare tutti e tre questi ultimi stati più uno tra Michigan, Wisconsin e Pennsylvania. Per Biden non è necessario vincere in Arizona, North Carolina e Georgia. Gli basta vincere in Michigan, Wisconsin e Pennsylvania.

joe biden donald trump amiconi secondo l'intelligenza artificiale joe biden donald trump amiconi secondo l'intelligenza artificiale

 

Ed è proprio in questi tre stati che si sono decise le elezioni del 2016 a favore di Trump e quelle del 2020 a favore di Biden. Se Hillary Clinton avesse vinto in questi tre stati sarebbe diventata presidente. Se Biden avesse perso in questi tre stati, pur vincendo in Georgia e Arizona, non sarebbe diventato presidente.

 

È tale l’equilibrio tra democratici e repubblicani all’interno del collegio elettorale che il suo funzionamento è diventato una specie di roulette. Infatti le ultime due elezioni citate sopra sono state decise da pochissimi voti.

 

Nel 2016 Trump ha vinto in Michigan, Wisconsin e Pennsylvania con uno scarto di meno dell’1 per cento. Nel complesso sono stati 77.744 voti su 136,6 milioni a fare la differenza. Nel 2020 circa 44.000 voti in Wisconsin, Arizona e Georgia. su oltre 150 milioni hanno deciso l’elezione a favore di Biden. Senza questi voti, e quindi senza questi stati, Biden non sarebbe oggi alla Casa Bianca.

 

donald trump donald trump

Di questi tempi la pallina della roulette è la metafora che più si addice alle elezioni americane. Molto probabilmente sarà così anche il prossimo 5 novembre. E sarà il Michigan a prendere il posto che una volta era dell’Ohio. E qui ci sono 200.000 elettori democratici di origine araba che sono molto arrabbiati con Biden per le sue posizioni considerate troppo filo-israeliane. […]

DONALD TRUMP DONALD TRUMP

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."