SIETE PRONTI PER IL NUOVO DPCM? – CONTE SI PRENDE IL WEEKEND PER DECIDERE COSA FARE: IL NUOVO DECRETO ARRIVERÀ LUNEDÌ, MENTRE LA CURVA CONTINUA A CRESCERE ESPONENZIALMENTE E IN ALCUNE REGIONI LA SITUAZIONE È ORMAI FUORI CONTROLLO – SI VA VERSO RESTRIZIONI SULL'INTERO TERRITORIO DEL PAESE E, CONTESTUALMENTE, ORDINANZE LOCALI PIÙ RESTRITTIVE, CHE SI CONFIGUREREBBERO COME DEI VERI E PROPRI LOCKDOWN MIRATI.  E SULLE SCUOLE…

-

Condividi questo articolo

 

 

MEME SU GIUSEPPE CONT MEME SU GIUSEPPE CONT

Tommaso Ciriaco e Annalisa Cuzzocrea per www.repubblica.it

 

Lungo vertice del governo a Palazzo Chigi, con Giuseppe Conte e i capidelegazione della maggioranza. Sul tavolo, i dati forniti dagli scienziati sulle aree considerate più a rischio in base all'indice Rt e alle condizioni del sistema sanitario locale. L'esecutivo sarebbe intenzionato a promuovere una stretta sui territori.

 

Per questo incontrerà domani le Regioni, in modo da fare il punto sulle aree sotto pressione e decidere un'eventuale stretta. Occhi puntati sulle aree metropolitane di Milano, Napoli, Genova, Torino, su porzioni del Veneto e su alcune regioni meridionali.  Anche di questo discuterà il Cts in una riunione convocata stasera alle 18. Accanto ai limiti alle Regioni, però, dovrebbe essere anche varata una stretta nazionale: è in arrivo anche un dpcm, da approvare lunedì.

 

GIUSEPPE CONTE DPCM MODE BY CARLI GIUSEPPE CONTE DPCM MODE BY CARLI

I dati, d'altra parte, sono pessimi. La pressione del Covid continua ad aumentare. La scaletta originaria prevedeva lockdown territoriali rigidi per le aree metropolitane o intere Regioni che segnano l'Rt oltre il 2 e, solo dopo, un dpcm nazionale entro metà della prossima settimana. Ma le resistenze dei territori non mancano, come è chiaro anche dalle parole del governatore campano Vincenzo De Luca: "E' una stupidaggine chiudere Milano e Napoli, non servono misure "mezze, mezze". E' il momento di interventi di carattere nazionale".

 

Per questo l'esecutivo studia in queste ore anche una strategia diversa. Un doppio binario, che corre però parallelo: restrizioni sull'intero territorio del Paese e, contestualmente, ordinanze locali più restrittive, che si configurerebbero come dei veri e propri lockdown mirati. Tra i limiti studiati invece in vista del dpcm nazionale, nuove regole per gli orari dei negozi, limitazioni ai movimenti regionali, forse ulteriori strette ai ristoratori, ad alcune attività sportive e dedicate alla cura della persona. Un modo per accontentare gli amministratori critici per l'assenza di un ulteriore quadro nazionale. 

GIUSEPPE CONTE E LA CHIUSURA DEI BAR BY CARLI GIUSEPPE CONTE E LA CHIUSURA DEI BAR BY CARLI

 

Resta inoltre il problema delle scuole, uno dei punti più delicati. Conte sembra aver del tutto abbandonato la linea della ministra Lucia Azzolina, ammettendo che in alcune aree del Paese la didattica in presenza è ormai a rischio e verà stabilita dai governatori. Tutto però è ancora in bilico. E nessun esito, in questa rincorsa ad arginare il virus, può darsi ancora per scontata.

meme giuseppe conte 2 meme giuseppe conte 2 IL DPCM DI CONTE - MEME IL DPCM DI CONTE - MEME

 

 

Condividi questo articolo

politica

“SIAMO PRONTI A VOTARE LO SCOSTAMENTO DI BILANCIO NON A SOSTENERE UN GOVERNO O UNA MAGGIORANZA CON CUI SIAMO INCOMPATIBILI” - BERLUSCONI FA CHIAREZZA SULLE SUE INTENZIONI: “UNA MAGGIORANZA DIVERSA, CON IL SOSTEGNO DI FORZA ITALIA? SONO TUTTE FANTASIE. NON VEDO NESSUNA PROSPETTIVA REALISTICA DI UN CAMBIO DI GOVERNO IN QUESTA LEGISLATURA - NON ABBIAMO MAI PRESO IN CONSIDERAZIONE L'IDEA DI UNA FUSIONE DEI GRUPPI PARLAMENTARI DEL CENTRODESTRA. NON SERVIREBBE E NON SAREBBE UTILE A NESSUNO”