IL SINDACO NO VAX DI POVEGLIANO (TREVISO) PRENDE IL COVID: “MEGLIO, COSI’ AVRÒ IL GREEN PASS SENZA VACCINARMI” - RINO MANZAN, NON VACCINATO E CONTRARIO ALLA CERTIFICAZIONE VERDE, È STATO CONTAGIATO DALLA COMPAGNA. IN LOTTA DA 10 ANNI CONTRO UN TUMORE, IL SINDACO NON ERA ESENTATO DALLA VACCINAZIONE E AVEVA PARTECIPATO ANCHE ALLA MANIFESTAZIONE NO GREEN PASS DI VITTORIO VENETO, CON ALTRE 700 PERSONE, TRA CUI IL CANTANTE POVIA…

-

Condividi questo articolo


Da trevisotoday.it

RINO MANZAN 99 RINO MANZAN 99

 

Sabato 27 novembre il sindaco di Povegliano Rino Manzan, non vaccinato per scelta, è risultato positivo al Covid. A contagiare il primo cittadino è stata la compagna, positiva al virus da giovedì scorso.

 

 

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", Manzan ha la febbre ma respira autonomamente e sta trascorrendo il periodo di isolamento in casa, in attesa di negativizzarsi. Grazie a questa positività, il primo cittadino potrà ottenere il Green Pass per sei mesi senza bisogno di vaccinarsi.

 

RINO MANZAN POVIA RINO MANZAN POVIA

In più occasioni, nelle scorse settimane, il sindaco aveva espresso le sue posizioni contro i vaccini partecipando anche alla manifestazione No Green pass di Vittorio Veneto, con altre 700 persone, tra cui il cantante Povia. Da 10 anni il sindaco Manzan sta lottando contro un tumore, sottoponendosi alla radioterapia.

 

Per questo ha deciso di non vaccinarsi contro il Covid anche se la normativa non aveva previsto esenzioni per lui, inserendolo nella categoria di soggetti fragili da vaccinare. Il sostegno del sindaco ai movimenti anti-vaccino era noto da tempo: a metà ottobre proprio il Comune di Povegliano aveva dato il via libera all'apertura di una scuola alternativa con il sistema dell'educazione parentale per agevolare i genitori contrari ai vaccini ma anche all'uso della mascherina a scuola.

RINO MANZAN 55 RINO MANZAN 55

 

Condividi questo articolo

politica

POSTA! - CARO DAGO, SABINO CASSESE: NOME DI INDISCUTIBILE VALORE. MA È MAI POSSIBILE CHE LA NOSTRA DEMOCRAZIA NON RIESCA A TROVARE UN NOME DI ALTRETTANTO VALORE, CHE NON FINISCA IL SUO SETTENNATO A 94 ANNI? - SE VERRÀ ELETTO, CASINI NON SARÀ CERTO DIVISIVO. DIRÀ DI ESSERE DI DESTRA, SINISTRA, CENTRO... VAX, NO VAX... UOMO, DONNA, GAY… - CHIUNQUE DIVENTERÀ PRESIDENTE, CI SARÀ LA CORSA DEI PARTITI A INTESTARSI LA SCELTA; IL PRIMO OVVIAMENTE SARÀ IL... MITICO CONTE! CHE IN QUESTA PARTITA NEMMENO LO HANNO FATTO GIOCARE

DRAGHI CHI? - OSANNATO PER MESI COME IL SALVATORE DELLA PATRIA, SI È GONFIATO DI EGOLATRIA COME UNA MONGOLFIERA. QUANDO HA AVUTO IL BISOGNO DEL CONSENSO DEI PARTITI PER SALIRE AL COLLE, HA PAGATO LA SUA ARROGANZA CON IL VAFFA CORALE DI SALVINI, BERLUSCONI, CONTE, FRANCESCHINI. OGGI L’EX UOMO DELLA PROVVIDENZA PIGOLA: CHIUNQUE VERRÀ ELETTO AL QUIRINALE, NON DARÒ LE DIMISSIONI – “PUÒ ANCHE DARSI CHE DRAGHI RESTI PER QUALCHE SETTIMANA MA AL PRIMO INCIDENTE, ALLA PRIMA RISSA NELLA MAGGIORANZA, È CHIARO CHE DRAGHI SE NE ANDRÀ”