SOGNO O SONDAGGIO?/2 – ALESSANDRA GHISLERI: “DOPO LA MANOVRA, L'INDICE DI FIDUCIA DI GIORGIA MELONI CEDE QUALCHE PUNTO PERCENTUALE PASSANDO DAL 43,6% AL 40,6%: UNA DIFFERENZA DI OLTRE DUE PUNTI PERCENTUALI (-3,2%) NELL'ARCO DI UNA SETTIMANA” – “IL SUO PARTITO PER LA PRIMA SETTIMANA NON AVANZA NELLE INTENZIONI DI VOTO, MA SI ARRESTA AL 28,3% (-0,2%). ANCHE LA LEGA ARRETRA, FERMANDOSI AL 9,5%. FORZA ITALIA, CON IL SUO DISTINGUO, CRESCE DI UNO 0,6% ARRIVANDO A SFIORARE IL…”

-

Condividi questo articolo


Alessandra Ghisleri per “La Stampa”

 

alessandra ghisleri foto di bacco (2) alessandra ghisleri foto di bacco (2)

Come si poteva facilmente immaginare l'esposizione della manovra finanziaria ha diviso l'opinione pubblica nelle percezioni tra coloro che la promuovono (40,4%) e quelli che invece la bocciano (41,2%) "a caldo", dopo un paio di giorni dalla conferenza stampa ufficiale del presidente del Consiglio.

 

Una promozione praticamente totale da parte dell'elettorato di centrodestra (86,8%) e una bocciatura altrettanto piena per i sostenitori del centrosinistra e del Movimento 5 Stelle (79,8%). Si può sottolineare un atteggiamento più dialogante e morbido nel dibattito tra gli elettori di + Europa, Azione e Italia Viva dove, anche se prevale il dissenso, l'apertura su alcune proposte è più che buona.

 

sondaggio sulla manovra meloni sondaggio sulla manovra meloni

Ad esempio, entrando nel dettaglio, il provvedimento "per le mamme", che prevede l'Iva ridotta per i prodotti per l'infanzia e un mese in più all'80% di stipendio durante il congedo parentale, piace al 66,7% del totale del campione intervistato. Tra questi il 78.2% degli elettori di Carlo Calenda e Matteo Renzi. Proprio tra le mamme - come peraltro era da immaginare - si registra un successo a pieni voti.

 

GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI E GIORGIA MELONI

Interessanti i dati riguardanti il pacchetto dei provvedimenti per i lavoratori dipendenti che risulta ben accolto dal 65,8% della popolazione e dal 60,1% dei diretti interessati.

 

Le indicazioni date sulla tregua fiscale mostrano un sostanziale pareggio a livello nazionale (43% contro 44,7%) come quelle per i lavoratori autonomi (38,4% a fronte del 42,3%), che tuttavia riscuotono una discreta popolarità proprio nel target direttamente interessato, con il 51% dei soggetti favorevoli.

 

Infine i provvedimenti sul tema carburanti vengono bocciati anche se non in maniera netta (38,2% contro 50,4%). A questo punto si evidenzia ancora un po' di incertezza e di attesa nel vivo desiderio di comprendere e approfondire i temi della manovra messa a punto dall'esecutivo.

 

intenzioni di voto e fiducia sondaggio alessandra ghisleri la stampa 26 novembre 2022 intenzioni di voto e fiducia sondaggio alessandra ghisleri la stampa 26 novembre 2022

Non si può dire che non ci sia stato un impatto sul consenso di Giorgia Meloni e del suo partito, Fratelli d'Italia.  Piccolo ma significativo con qualche conseguenza sull'indice di fiducia del presidente del Consiglio, che pur restando al di sopra della soglia del 40%, cede qualche punto percentuale passando dal 43,6% al 40,6%: una differenza di oltre due punti percentuali (-3,2%) nell'arco di una settimana.

 

Il suo partito per la prima settimana non avanza nelle intenzioni di voto, ma si arresta al 28,3% (-0,2%). Anche la Lega di Matteo Salvini arretra di uno 0,7%, fermandosi al 9,5%.

 

giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti

Solo Forza Italia, con il suo distinguo critico nei confronti della manovra, cresce di uno 0,6% arrivando a sfiorare il 7% ( 6,7%). Per il resto non si registrano importanti variazioni, tuttavia si conferma il solito testa a testa, nel centrosinistra, tra il Partito Democratico (17,2%) e il Movimento 5 Stelle (16,8%). La velocità con cui arrivano i conti delle bollette, delle carte di credito e l'aumento della spesa nelle case degli italiani è molto elevata e dovrebbe essere accompagnata da un ritmo altrettanto rapido nell'approvazione parlamentare per non mettere in discussione la fiducia data e mantenere solido l'importante vantaggio dell'esecutivo.

giancarlo giorgetti giorgia meloni giancarlo giorgetti giorgia meloni

ALESSANDRA GHISLERI ALESSANDRA GHISLERI

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT – GIORGIA MELONI HA DECISO DI TAGLIARE DEFINITIVAMENTE LE VECCHIE RADICI (EURO-SCETTICISMO E SOVRANISMO): STA TRATTANDO UN’ALLEANZA TRA IL SUO GRUPPO ECR, CONSERVATORI E RIFORMISTI, E IL PPE IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE DEL 2024 – A NEGOZIARE CON BRUXELLES CI PENSA IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, GRANDE AMICO DEL PRESIDENTE DEL PPE MANFRED WEBER (BERLUSCONI, CHE SOGNAVA DI TRAGHETTARE GLI EX MISSINI NEL SALOTTO DEMOCRATICO EUROPEO, E' STATO SCAVALCATO) - NUOVO RAPPORTO TRA GIORGIA E URSULA CHE SOGNA LA RICONFERMA COME PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE – L’OSTACOLO POLACCO E I SOCIALISTI FIACCATI DAL QATARGATE

SAPETE QUAL ERA IL MITO DI GIORGIA MELONI AI TEMPI DEL LICEO? MICHAEL JACKSON -  A “UN GIORNO DA PECORA” LE RIVELAZIONI DI UNA EX COMPAGNA DEL LICEO DELLA DUCETTA: “IL SUO BRANO PREFERITO ‘MAN IN THE MIRROR’. A 16 ANNI, ANDAMMO A UN SUO CONCERTO A ROMA. PRIMA PROVAMMO A VEDERLO SOTTO L’HOTEL IN CUI SOGGIORNAVA, LEI ERA EMOZIONATISSIMA – A SCUOLA LA CHIAMAVAMO PER COGNOME, ‘LA MELONI’. ERA L’UNICA CHE DOVEVA LAVORARE PER AIUTARE A CASA. MA ERA UNA SECCHIONA “AVEVA LA MEDIA DEL 9”

“PURTROPPO SONO STATO SCELTO PER RIMANERE. NON CAPISCO IL MOTIVO DELLA MIA VITA" - NEL GIORNO DELLA MEMORIA PARLA IL SOPRAVVISSUTO ALLA SHOAH SAMI MODIANO: "QUANDO ERO PRIGIONIERO A BIRKENAU DIVERSE VOLTE SAREI DOVUTO ENTRARE NELLE CAMERE A GAS E PER UN MOTIVO O L'ALTRO NON SONO ENTRATO. HO PROVATO UN SENSO DI COLPA, MI DICEVO: MA COME, HAI LASCIATO TUTTI DALL'ALTRA PARTE E SEI RIMASTO QUI?" - IL RICORDO DELLA SUA VISITA A BIRKENAU E LO STRAZIANTE DOCUMENTARIO DI WALTER VELTRONI “TUTTO DAVANTI A QUESTI OCCHI" (VIDEO)