SONO LONTANI I TEMPI IN CUI LAVROV SI FACEVA FOTOGRAFARE CON IL LIBRO DI LUIGINO! – IL MINISTRO DEGLI ESTERI RUSSO SPERNACCHIA DI MAIO PER IL PIANO DI PACE ITALIANO: “I POLITICI SERI CHE VOGLIONO OTTENERE RISULTATI E NON SONO IMPEGNATI NELL'AUTOPROMOZIONE DI FRONTE AL LORO ELETTORATO, NON POSSONO PROPORRE QUESTO GENERE DI COSE" – “SECONDO IL SIGNOR LUIGI DI MAIO QUESTA INIZIATIVA ITALIANA POTREBBE 'NON SOLO ADATTARSI A RUSSIA E UCRAINA, MA ANCHE FORNIRE QUASI UN NUOVO PROCESSO DI HELSINKI. NON SO SE SIA VERO O NO, A CHI LO HA MOSTRATO. NESSUNO CI HA DATO NIENTE…”

-

Condividi questo articolo


luigi di maio sergei lavrov 2 luigi di maio sergei lavrov 2

(ANSA) - "I politici seri che vogliono ottenere risultati e non sono impegnati nell'autopromozione di fronte al loro elettorato, non possono proporre questo genere di cose".

 

Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov commentando in un'intervista a Russia Today in arabo le proposte di pace italiane per l'Ucraina. L'emittente ha postato sul suo sito una trascrizione in russo. Lavrov ha ribadito che l'Italia non ha inviato il piano a Mosca, ma "quanto appare sui media - ha aggiunto, riferendosi in particolare alle ipotesi di Donbass e Crimea sotto sovranità ucraina con uno status autonomo - provoca un sentimento di rammarico".

 

 

SERGEI LAVROV AL G20 CON IL LIBRO DI LUIGI DI MAIO SERGEI LAVROV AL G20 CON IL LIBRO DI LUIGI DI MAIO

"Il signor Luigi Di Maio - ha detto Lavrov nell'intervista - è attivo nel campo dei media e sta promuovendo l'iniziativa italiana dei quattro punti. Secondo lui, è anche scritto sui media, questa iniziativa italiana potrebbe 'non solo adattarsi a Russia e Ucraina, ma anche fornire quasi un nuovo processo di Helsinki, nuovi accordi sulla sicurezza europea'" e sarebbe già condivisa dai Paesi del G7 e dal Segretario Generale delle Nazioni Unite".

 

"Non so se sia vero o no, a chi lo ha mostrato. Nessuno ci ha dato niente. Possiamo fare affidamento solo sulle speculazioni e descrizioni che appaiono sui media". E questo, sottolinea il ministro degli Esteri russo, "provoca un sentimento di rammarico per la comprensione degli autori di questa iniziativa per ciò che sta accadendo e per la loro conoscenza dell'argomento, la loro conoscenza della storia di questo problema".

luigi di maio sergey lavrov 2 luigi di maio sergey lavrov 2

 

sergei lavrov luigi di maio sergei lavrov luigi di maio sergei lavrov luigi di maio sergei lavrov luigi di maio luigi di maio sergey lavrov 3 luigi di maio sergey lavrov 3 sergei lavrov luigi di maio sergei lavrov luigi di maio bilaterale lavrov di maio al g20 bilaterale lavrov di maio al g20

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”