STAPPA UN PRODINO! DOPO GLI SCAZZI TRA CONTE E SCHLEIN ARRIVA ROMANO PRODI A STRIGLIARE PD E M5S: “NON CAPISCO PERCHÉ NON SI UNISCONO E NON DANNO BATTAGLIA SULLA SANITÀ PUBBLICA. SERVE UNA CROCIATA, GLI ELEMENTI PER FARLA CI SONO TUTTI: STANNO DIMINUENDO I BILANCI, LA SITUAZIONE NON VIENE AFFRONTATA DAL GOVERNO. E TRA LE OPPOSIZIONI C’È ACCORDO SULLA SANITÀ. QUINDI PERCHÉ NON SI MOBILITANO? MI È DAVVERO DIFFICILE COMPRENDERLO”

-

Condividi questo articolo


Estratti dell’articolo di Silvia Bignami per repubblica.it

 

ROMANO PRODI E ELLY SCHLEIN ROMANO PRODI E ELLY SCHLEIN

Romano Prodi aveva consigliato, dopo le regionali in Abruzzo, di continuare a «coltivare il campo largo». Forse per questo, quando l’ex ministro della Sanità Roberto Speranza chiede di «mobilitarsi» per difendere la sanità pubblica, il Professore si agita sulla sedia, scuro in volto. Poi, appena terminato il dibattito e la presentazione del libro di Roberto Speranza all’Archiginnasio, l’ex premier sbotta e striglia Pd e 5 Stelle, di nuovo impegnati a dividersi: «Ma perché non si uniscono per fare una crociata per salvare la sanità nazionale?».

 

prodi conte prodi conte

Accigliato, Prodi spiega: «Ascoltando questo dibattito colto, sereno, informato, uno non capisce proprio perché i partiti di opposizione non si uniscano per fare una crociata per salvare la sanità nazionale. Ecco, questo io non lo capisco. Gli elementi per farla ci sono tutti: stanno diminuendo i bilanci, la situazione non viene affrontata dal governo, e tra le opposizioni c’è accordo sulla sanità... Quindi perché non lo fanno? Mi è davvero difficile comprenderlo».

 

Un appello accorato quello dell’ex premier, che ascolta l’ora e mezzo di dibattito nella sala delle Adunanze dell’Archiginnasio. Un dibattito in una sala blindata. Fuori una cinquantina di no vax arrabbiati gridano “Assassino” a Speranza. Un presidio annunciato. Tanto che a protezione dell’incontro la questura schiera due blindati in piazza Galvani e una ventina di agenti a controllare gli accessi. Scherza Prodi, all’arrivo: «È giusto che quelli più facilmente infettabili protestino, perché sono i più sfortunati».

 

prodi conte prodi conte

 

C’è la senatrice Sandra Zampa, ex sottosegretaria con Speranza alla Sanità nel governo Conte, che introduce il libro dell’ex ministro “Perché guariremo”. In platea l’ex sindaco Virginio Merola e il senatore Pier Ferdinando Casini. Sul palco del dibattito, moderato da Lina Palmerini, dialogano Matteo Lepore e la direttrice del Sant’Orsola Chiara Gibertoni.

 

Il sindaco si rivolge con affetto a Speranza: «Roberto, ricordati che c’è una maggioranza silenziosa che ti è grata» dice alludendo alla protesta fuori. Poi anche Lepore insiste perché la sinistra combatta per sanità e scuola pubblica: « L’obiettivo delle opposizioni oggi dovrebbe essere combattere per fare conquiste sociali. Si tratta di una maratona, e, lo so, non sono temi “di pancia”, ma alla lunga premiano: non bisogna avere fretta, ma bisogna arrivare».

ROMANO PRODI ELLY SCHLEIN ROMANO PRODI ELLY SCHLEIN romano prodi fotografato da ada masella romano prodi fotografato da ada masella

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI