GLI STATI UNITI VOGLIONO UNA NATO PIU’ FILO-AMERICANA CON ALLEATI PIU' OBBEDIENTI – NEI PIANI DI WASHINGTON, LA POLONIA E I PAESI SCANDINAVI AVRANNO UN RUOLO SEMPRE PIÙ CENTRALE - A RIMETTERCI SARANNO SOPRATTUTTO FRANCIA E GERMANIA – LUCIO CARACCIOLO: “VARSAVIA AMBISCE AFFERMARSI MASSIMA POTENZA MILITARE D'EUROPA. TRA L'AMBIGUITÀ TURCA E LE ECCENTRICITÀ DELLA VECCHIA EUROPA, L'ALLEANZA CHE SOGNANO GLI AMERICANI POGGIA SU CLIENTI DISPOSTI A MORIRE PER L'AMERICA (QUASI) COME PER LA PATRIA. DA VERIFICARE SE GLI AMERICANI SIANO DISPOSTI A MORIRE PER LORO...”

-

Condividi questo articolo


lucio caracciolo foto di bacco lucio caracciolo foto di bacco

Estratto dell’articolo di Lucio Caracciolo per “la Stampa”

 

La guerra in Ucraina esalta rango e ruolo della Polonia per l'America. Nella grande strategia di Washington quello Stato […] incarna il senso stesso della Nato: America dentro, Russia fuori, Germania sotto. […] Per tenere i russi a distanza e i tedeschi a bada la Polonia deve ospitare gli americani in casa e abitare da coprotagonista la casa europea dell'America che è l'Alleanza Atlantica in espansione.

 

Andrzej Duda E JOE BIDEN IN POLONIA 3 Andrzej Duda E JOE BIDEN IN POLONIA 3

Vista da Washington, Varsavia è […] Perno della prima linea di contenimento antirusso. Oggi vitale per il rifornimento di armi a Kiev. Funzione tattica inscritta nella collocazione strategica della Polonia all'interno della geopolitica globale a stelle e strisce, da cui deriva per cinque passaggi incastrati come matrioske.

 

Primo: l'obiettivo dell'America è impedire alla Cina di intestarsi il primato mondiale nel XXI secolo.

 

Andrzej Duda E JOE BIDEN IN POLONIA 2 Andrzej Duda E JOE BIDEN IN POLONIA 2

Secondo: per questo non può impegnarsi direttamente in una guerra sull'altro fronte eurasiatico, contro la Russia che rifiuta di svestire i panni imperiali.

 

Terzo: in Europa servono partner capaci di partecipare al contenimento della Russia senza pretendere troppo dall'America. Burden sharing, not power sharing, nel pentagonese spiccio, per cui Stati non sovrani devono seguire la cometa senza farsi venire idee.

 

Andrzej Duda E JOE BIDEN IN POLONIA 1 Andrzej Duda E JOE BIDEN IN POLONIA 1

Quarto: le avanguardie antirusse dell'Alleanza svolgono perfettamente tale funzione, polacchi in testa – cuneo fra Germania inaffidabile e Russia nemica - domani raggiunti dagli svedesi, atlantici antemarcia in attesa di biglietto d'ingresso, e dai finlandesi. Non troppo sullo sfondo, i «brillanti secondi» di Carlo III, che per farsi notare si sporgono oltre il posto assegnato da Washington.

 

Quinto: Varsavia assurge a prima inter non pares, suffraganea americana nello schieramento anti-russo, quindi anche anti-cinese, piattaforma strategica dell'Europa a stelle e strisce.

 

JOE BIDEN OLAF SCHOLZ PEDRO SANCHEZ EMMANUEL MACRON RISHI SUNAK AL G20 JOE BIDEN OLAF SCHOLZ PEDRO SANCHEZ EMMANUEL MACRON RISHI SUNAK AL G20

Polonia esulta. E s'impegna a strutturare il suo sub-impero inquadrato nella Nato. Ispirato al concetto di «Nuova Europa» coniato da Donald Rumsfeld, ex segretario alla Difesa ai tempi della coalizione anti-Saddam, quando il duo franco-tedesco, cuore della «Vecchia Europa», tradì. La configurazione del sub-impero est-europeo nell'impero globale americano erige il Baltico a Lago Atlantico legando l'intera Scandinavia alla Polonia, insieme alle appendici lituana, lettone ed estone. […] Varsavia ambisce affermarsi massima potenza militare d'Europa […]

 

All'America serve una Nato più americana dell'attuale. Questa è troppo […] «democratica» […] e indisciplinata. Consideriamo solo l'ambiguità del cardine turco e le eccentricità della Vecchia Europa […] Washington applica alla Nato il motto leniniano «meglio meno, ma meglio». La qualità prevale sulla quantità. L'Alleanza che sognano gli americani poggia su clienti disposti a spendersi per il Numero Uno. In ambito atlantico i soci migliori – scontata la fedeltà britannica – abitano il fronte del Nord-Est, dalla Scandinavia al Mar Nero.

bandiere di usa, polonia e ucraina per joe biden bandiere di usa, polonia e ucraina per joe biden

[…] Anche perché disposti a morire per l'America (quasi) come per la patria. Da verificare se gli americani siano disposti a morire per loro.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?