STELLE CADENTI: DOMANI A BOLOGNA IL CONCLAVE DEI GRILLINI FURIOSI PER L'INCIUCIO. BARILLARI: ''NON MORIRO' PIDDINO'' - SONO BASTATE MENO DI 24 ORE DI GOVERNO PER SPACCARE IL MOVIMENTO. TRUPPE IN RIVOLTA PER LA NOMINA DI PAOLO GENTILONI - L’EURODEPUTATO CORRAO: “IL PD HA LOTTIZZATO TUTTO. SE ANCHE IL GOVERNO DOVESSE CADERE GENTILONI RESTA IN CARICA PER 5 ANNI'' - PEDICINI: ''ASSISTIAMO INERMI ALLA CONSEGNA DELL'ITALIA ALL'EUROPA''

-

Condividi questo articolo

1 - CONCLAVE A BOLOGNA PER GLI SCONTENTI DEI 5 STELLE

Dall'articolo di Silvia Bignami per ''la Repubblica''

 

I signor No pentastellati al governo giallo-rosso domani in conclave a Bologna. Lancia la chiamata alle armi dei dissidenti e degli scontenti, «per discutere e riflettere », il consigliere regionale 5 Stelle del Lazio Davide Barillari, irriducibile contrario al matrimonio col Pd che da giorni giura sui social di «non voler morire piddino». «Non è una scissione né una corrente» assicura. Ma ci assomiglia, in una giornata in cui mentre i ministri sono al Quirinale, in casa 5 Stelle si moltiplicano mal di pancia, distinguo e delusioni.

 

 

 

2 - MA VOI SIETE DAVVERO CONTENTI DELLA COMPOSIZIONE DI QUESTO NUOVO GOVERNO?

Estratto del post di Ignazio Corrao sul suo sito - http://www.ignaziocorrao.it/ma-voi-siete-davvero-contenti-della-composizione-di-questo-nuovo-governo/

 

(…)

 

Ignazio Corrao Ignazio Corrao

– Il Commissario Europeo sarà Paolo Gentiloni Silveri (PD), già premier e discendente dei conti Gentiloni Silveri, a cui va quindi la casella più importante, perchè anche se questo governo dovesse cadere dopodomani lui rimarrà in carica per i prossimi lunghi 5 anni e avrà sempre un peso negoziale fondamentale per l’Italia. A Bruxelles il buon Paolo oltre a succedere a Federica Mogherini (sempre del PD, che doveva risolvere la questione migranti secondo il racconto di Renzi che la nominò in pompa magna 5 anni fa) viene a trovare il neopresidente del Parlamento Europeo David Sassoli (anche lui PD di lungo corso) e come interfaccia del nascituro governo, si troverà come Ministro con la delega agli affari europei Vincenzo Amendola (indovinate, anche lui del PD).

PAOLO GENTILONI PAOLO GENTILONI

 

– Ok, il PD ha praticamente lottizzato tutto ciò che ha rilevanza europea (e questo significa tanto anche per tutto ciò che poi avviene nel secondo livello, ossia tutte le nomine e i funzionari in UE), ma alla fine la finanziaria si scrive in Italia e a negoziare ci va il Ministro dell’economia, che è quello che dà il via libera su quel che si può e non si può fare.

roberto gualtieri roberto gualtieri

 

Chi è quindi il nuovo Ministro dell’economia? Nientepopodimeno che lo storico Roberto Gualtieri, mio collega eurodeputato di questa e la passata legislatura, anche lui esponente del PD di lungo corso e presidente uscente della commissione economica del parlamento europeo, sempre ben vicino alle peggiori politiche di austerità dettate dalla Commissione Europea, dalla BCE e dal Fondo Monetario Internazionale.

 

DAVID SASSOLI URSULA VON DER LEYEN DAVID SASSOLI URSULA VON DER LEYEN

Quindi con lui si completa la casella Bruxelles che garantisce che da nessun ministero si muoverà un euro se non adeguatamente concertato con le istituzioni europee (dal partito democratico si intende, con al massimo la collaborazione del buon Giuseppe Conte).

 

3 – GENTILONI SARÀ COMMISSARIO A BRUXELLES MA IL M5S SI SPACCA SULLA SUA NOMINA

Ilario Lombardo per “la Stampa”

 

GENTILONI CONTE GENTILONI CONTE

Il primo a sapere che non sarà facile è lui, il futuro commissario europeo Paolo Gentiloni. Le avvisaglie ci sono già. È bastato il lancio di agenzia che annunciava come primo atto del neonato governo giallorosso la sua nomina a Bruxelles, per scatenare un pezzo di M5S che non si riconosce in questa scelta. Il gruppo parlamentare in Europa è in piena sommossa contro il proprio capo politico, Luigi Di Maio, e contro il premier Giuseppe Conte.

giuseppe conte stringe la mano a luigi di maio giuseppe conte stringe la mano a luigi di maio

 

Non vengono nominati, ma sono il bersaglio implicito dell' eurodeputato Piernicola Pedicini: «Siamo costretti ad assistere inermi alla consegna dell' Italia al Pd in Europa, alla consegna dell' Italia ai signori dell' austerità, ai signori dei meccanismi europei che hanno strangolato le nostre attività produttive, le nostre piccole e medie imprese, e il Sud». Segue Ignazio Corrao, in rotta con la leadership del Movimento: «Complimenti a chi ha negoziato le posizioni di governo per il Pd.

 

PIERNICOLA PEDICINI PIERNICOLA PEDICINI

Economia, Commissario Ue e Affari Ue e anche tutti i ministeri strategici per il sud (Agricoltura, Infrastrutture, Sanità, Sud). Dove noi prendiamo i voti». C' è del vero in quello che dice Corrao, perché il grillino conosce i contorni della trattativa che hanno permesso di mantenere Conte a Palazzo Chigi.

GRAZIANO DELRIO NICOLA ZINGARETTI ENRICO STEFANO GRAZIANO DELRIO NICOLA ZINGARETTI ENRICO STEFANO

 

Gentiloni è passato dall' essere uno dei più accaniti avversari dell' alleanza del Pd con il M5S - lui, presidente del partito, assieme al segretario Nicola Zingaretti - all' alfiere di punta di governo "demogrillino" in Ue. Ma anche per questo è l' autore di un piccolo saggio di politica italiana fatta di negoziati faticosi e oculato opportunismo per ottenere il maggiore risultato possibile dalla peggiore condizione di partenza.

paolo gentiloni nicola zingaretti 1 paolo gentiloni nicola zingaretti 1 DAVID SASSOLI SERGIO MATTARELLA DAVID SASSOLI SERGIO MATTARELLA

 

Nicola Zingaretti Luigi Di Maio Giuseppe Conte Nicola Zingaretti Luigi Di Maio Giuseppe Conte

La sera del 23 agosto sul tavolo del salotto di Vincenzo Spadafora si formalizza uno scambio tra i leader del M5S e il Pd, Di Maio e Zingaretti. Per strappare l' ok dei dem al Conte Bis, i grillini avrebbero dovuto cedere l' intero pacchetto di interesse europeo del governo. In realtà se ne parla da giorni. Lo schema è già noto il 20 agosto, quando Conte processa pubblicamente Matteo Salvini in Senato. Il 24, al G7 di Biarritz, l' avvocato, come da accordi a Roma, sotterra ogni forno aperto con la Lega. È il segnale che il nuovo governo può nascere.

 

Roberto Gualtieri, Pierre Moscovici, Udo Bullmann Roberto Gualtieri, Pierre Moscovici, Udo Bullmann

Il patto è stato mantenuto: Gentiloni è commissario, il suo vice ai tempi della Farnesina Enzo Amendola ministro agli Affari Ue, e al Tesoro arriva l' europarlamentare Pd Roberto Gualtieri, presidente uscente della commissione Economia a Bruxelles, promosso con tanto di endorsement della presidente della Bce Christine Lagarde.

 

Un cordone sanitario contro il salvinismo frutto di un gioco a incastri che è cominciato a luglio con la nomina di David Sassoli alla testa del Parlamento europeo. In quei giorni Conte compie la mossa che gli consegna il credito che adesso può spendere su Gentiloni. Grazie al capo del governo italiano i voti dei 5 Stelle diventano decisivi per la nomina di Ursula von der Leyen alla Commissione Ue.

paolo gentiloni paolo gentiloni

 

In cambio, la presidente garantisce uno dei portafogli più importanti all' Italia. Gentiloni è a un passo da Affari economici e vicepresidenza. In questo accordo, che è il cuore della nuova alleanza, molto hanno contato i buoni rapporti europei dell' ex premier, i legami con Washington e le storiche relazioni con la chiesa italiana.

 

LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI

Ambienti che hanno soffiato un vento favorevole all' ascesa di Conte. Il premier ha chiesto a Gentiloni solo una cosa: «Provare a cambiare i vincoli europei, con la promessa che l' Italia resterà al loro interno». Il presidente Pd sa di doversi gettare nella rissa sovranista con l' elmetto, bersaglio scontato di tutta la voglia di rivalsa di Salvini, già scatenato «È il massimo del sistema di potere, dei salotti, dei poteri forti».

roberto gualtieri 1 roberto gualtieri 1

 

Ma non c' è solo Salvini. «Gentiloni in Ue è il primo grave errore del nuovo governo», dice il deputato M5S Andrea Colletti. È l' intero gruppo parlamentare romano, come a Bruxelles, a essere attraversato dai dubbi. Terminale dei malumori è Sergio Battelli, presidente della commissione Affari Ue, che se la cava in modo istituzionale: «Da lui ci aspettiamo moltissimo, per sanare gli squilibri che hanno penalizzato alcuni Paesi. Ci aspettiamo ovviamente regole purché certe, condivise ed eque».

PAPEETE COCKTAIL: LUIGI DI MAIO GIUSEPPE CONTE NICOLA ZINGARETTI BY GIANBOY PAPEETE COCKTAIL: LUIGI DI MAIO GIUSEPPE CONTE NICOLA ZINGARETTI BY GIANBOY roberto gualtieri dario franceschini roberto gualtieri dario franceschini paolo gentiloni nicola zingaretti 1 paolo gentiloni nicola zingaretti 1 Nicola Zingaretti Luigi Di Maio Giuseppe Conte Nicola Zingaretti Luigi Di Maio Giuseppe Conte matteo salvini luigi di maio nicola zingaretti by gianboy matteo salvini luigi di maio nicola zingaretti by gianboy paolo gentiloni (2) paolo gentiloni (2)

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

GENDARMI IMPROPRI - IL PAPA ACCETTA LE DIMISSIONI DI DOMENICO GIANI, DA 20 ANNI A CAPO DELLE GUARDIE VATICANE. ACCUSATO DI AVER DIFFUSO IL DOCUMENTO DELLE INDAGINI SULLE SPERICOLATE OPERAZIONI IMMOBILIARI E PETROLIFERE PAGATE CON L'OBOLO DI SAN PIETRO (QUEL FOGLIO È STATO INVIATO A 500 GENDARMI…), C’È CHI SOSPETTA CHE LA DIFFUSIONE FOSSE PROPRIO UN MODO PER COLPIRE IL COMANDANTE. L’AVER CONDOTTO INDAGINI E PERQUISIZIONI, IN QUESTI ANNI, GLI HA PROCURATO MOLTI NEMICI INTERNI…

VIDEO: IL LINCIAGGIO DELLA IENA FILIPPO ROMA ALLA FESTA DEI 5 STELLE, COLPITO DA SCHIAFFI E PUGNI E POI SALVATO DALLA POLIZIA - TRA CHI INVEISCE C'È ANCHE UNA CONSIGLIERA COMUNALE DI ROMA, CRISTIANA PACIOCCO, CHE URLA ''VERGOGNA VERGOGNA'', FA AVVICINARE LA IENA ALLA GRATA MENTRE UN SUO AMICO PROVA A MENARLO - PERCHÉ DI MAIO NE' IL MOVIMENTO DICONO UNA PAROLA SUI PICCHIATORI A 5 STELLE? L'INVIATO VOLEVA CHIEDERE CONTO ALLA RAGGI DELLO SCANDALO RIFIUTI, OVVERO FACEVA IL SUO LAVORO

RUSSIA-GATE - PAPADOPOULOS SCODELLA LA “PROVA” CHE I SERVIZI DI INTELLIGENCE DI REGNO UNITO, AUSTRALIA, E FORSE ANCHE ITALIA, HANNO COSPIRATO CONTRO TRUMP - “MI PRESENTARONO MIFSUD IN QUESTA UNIVERSITÀ DI ROMA CHIAMATA LINK CAMPUS, UNA SORTA DI CAMPO DI ADDESTRAMENTO PER AGENTI DELL’INTELLIGENCE OCCIDENTALE. LA CIA HA TENUTO DEI CORSI LÌ’’ - MIFSUD ERA NASCOSTO IN ITALIA FINO ALLA SCORSA PRIMAVERA, POCO PRIMA DELLA PUBBLICAZIONE DEL RAPPORTO MUELLER. ORA SAREBBE NASCOSTO IN RUSSIA…