STIAMO BONI, ANZI BONACCINI! ZINGA E’ CONSIDERATO UN SEGRETARIO TROPPO DEBOLE. IL GOVERNATORE DELL’EMILIA (SPINTO DA RENZI E DAL FRONTE DEI SINDACI) VUOLE ABBATTERLO PER GIOCARSI POI LA SEGRETERIA CON ORLANDO. ZINGARETTI, CHE HA TRA GLI SPONSOR CAIRO E DE BENEDETTI, POTREBBE ENTRARE NELLA SQUADRA DI GOVERNO MAGARI COME VICEPREMIER. INTANTO SALA, CON BUONA PACE DI CONTE, SPERA DI ESSERE IL PROSSIMO CANDIDATO PREMIER DEL CENTROSINISTRA….

-

Condividi questo articolo

MARCO ANTONELLIS per Italia Oggi

 

orlando zingaretti orlando zingaretti

Ogni giorno ha la sua croce è il refrain che circola sempre più spesso dalle parti del Nazareno: «Siamo sempre i più bravi a farci del male; persino quando i sondaggi ci danno a soli due punti dalla Lega di Matteo Salvini che è in caduta libera riusciamo a dividerci e a far risorgere il centro-destra». Perché non c'è momento in cui non ci siano fibrillazioni all'interno della maggioranza di governo tanto nel PD quanto nei 5 Stelle, fibrillazioni che rischiano di mettere tutto in discussione compresa la tenuta del governo Conte.

 

bonaccini bonaccini

Fanno ancora rumore le dichiarazioni del sindaco di Bergamo Giorgio Gori che senza troppi giri di parole ha chiesto all'attuale segretario dem Nicola Zingaretti di farsi da parte: «Zingaretti ormai è considerato un segretario troppo debole. Il vicesegretario Andrea Orlando e il presidente dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini non vedono l'ora di contendersi la segreteria. E il sindaco di Milano Beppe Sala, con buona pace del presidente del consiglio Giuseppe Conte, spera tanto di essere il prossimo candidato premier del centrosinistra».

 

Per questo, spiegano fonti di primo piano dem, si sta tentando di colpire Zingaretti che però stante i sondaggi favorevoli (e sponsor d'eccezione come Urbano Cairo e Carlo De Benedetti) continua a tenere botta. Ma la partita è molto più complessa, come sempre accade nel Pd, dove mai nulla succede per caso.

 

Per questo le «voci dal di dentro» del partito dicono che c'è chi punta ad arrivare presto ad un rimpasto di governo, magari subìto dopo le regionali (facendo pesare i numeri da prefisso telefonico che con tutta probabilità otterrà il MoVimento 5 Stelle) in modo da avere una squadra di governo completamente nuova in vista dell'arrivo dei soldi da Bruxelles, vero punto di caduta dei sommovimenti interni al Partito Democratico.

LUIGI ZANDA NICOLA ZINGARETTI LUIGI ZANDA NICOLA ZINGARETTI

 

«All'interno del partito c'è chi spera in un rimescolamento di carte e di ottenere ministeri importanti ma soprattutto di piazzare al governo Nicola Zingaretti, magari alla vice Presidenza del Consiglio, per liberare la poltrona di segretario dem». Insomma, con l'ingresso al governo, il segretario verrebbe «convinto» a lasciare il partito e verrebbe immediatamente convocato un congresso ad hoc dove gli sfidanti sarebbero Bonaccini e Orlando. Scenario favorito anche dai bassissimi numeri del nuovo partito di Matteo Renzi, Italia Viva, che punterebbe sulla vittoria di Bonaccini per rientrare alla grande nel Pd.

stefano bonaccini luigi di maio patto per l'export farnesina stefano bonaccini luigi di maio patto per l'export farnesina

 

Per questo, spiegano i dem, il leader toscano starebbe puntando sulle prossime regionali per logorare l'attuale segretario Pd. Molto difficilmente infatti, in caso di debacle, Zingaretti potrebbe rimanere al suo posto nel Pd. D'altra parte, spiegano fonti parlamentari, Bonaccini è stato l'unico finora in grado di riuscire a battere Matteo Salvini. Per questo c'è chi pensa di riproporre lo schema vittorioso sulla via Emilia anche a livello nazionale, in vista delle prossime elezioni politiche che, in caso di terremoto politico a settembre, potrebbero arrivare molto prima del previsto. Magari la prossima primavera

GIUSEPPE CONTE STEFANO BONACCINI GIUSEPPE CONTE STEFANO BONACCINI

 

 

 

 

BONACCINI SPARA SUL GOVERNO MA VUOLE ABBATTERE ZINGARETTI

PASQUALE NAPOLITANO per il Giornale

 

Stefano Bonaccini apre il fuoco contro il governo Conte e prepara la scalata al vertice del Pd. Il governatore dell'Emilia-Romagna, presidente della Conferenza Stato-Regioni, mette nel mirino Palazzo Chigi. Ma punta dritto al Nazareno. Sgomita. Scalpita. Cerca un suo spazio nel campo del centrosinistra. Nel Pd si è ormai aperta la partita per scegliere l'anti-Zingaretti. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori si è fatto avanti.

ZINGARETTI 33 ZINGARETTI 33

 

Ma il fronte, da Beppe Sala a Gori, che vuole defenestrare il segretario dei democratici potrebbe trovare la sintesi su Bonaccini: il presidente (ex renziano), che ha difeso l'ultimo fortino rosso (alle ultime elezioni regionali) contro l'avanzata di Matteo Salvini, ci crede. La Conferenza Stato-Regioni è il terreno su cui costruire una leadership nazionale. La prova di forza con l'esecutivo giallorosso è iniziata ieri: «Col governo bisogna che arriviamo un accordo, o stanzia altri 2 miliardi di euro per le Regioni a statuto ordinario o interrompiamo le relazioni istituzionali», tuona Bonaccini in una videoconferenza sull'assestamento di bilancio 2020 della Giunta emiliana. Parla dall'Emilia Romagna.

GIUSEPPE CONTE STEFANO BONACCINI GIUSEPPE CONTE STEFANO BONACCINI

 

Ma il messaggio arriva forte e chiaro a Roma: Palazzo Chigi e Nazareno sono i destinatari. Bonaccini sta giocando una partita nazionale per la guida del Pd. Lui non nega ma incalza «Il Pd ha un segretario, tocca a lui rafforzare l'azione di governo, tocca al Pd fare meno parole e più fatti e dare un'anima riformista al governo». A Zingaretti intanto dà un consiglio: «Irrobustisci il gruppo dirigente».

 

stefano bonaccini ivan zaytsev stefano bonaccini ivan zaytsev

Ma per arrivare al risultato usa lo scontro governo-Regioni: «A nome delle Regioni, abbiamo la necessità, altrimenti non riusciamo a chiudere i nostri bilanci», sottolinea Bonaccini. «Entro pochi giorni mi auguro troveremo un accordo politico per avere le risorse che possono arrivare, ma ripeto: noi non ci muoviamo da quella proposta. Se quella proposta non verrà accolta e non troviamo un accordo, noi interrompiamo le relazioni istituzionali». «Sarebbe la prima volta che mi capita da cinque anni in cui faccio il presidente della Conferenza delle Regioni - rimarca Bonaccini -. Siccome io sto lavorando molto bene col governo, ho fiducia».

NICOLA ZINGARETTI GIORGIO GORI NICOLA ZINGARETTI GIORGIO GORI

 

Una minaccia forte. Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia prova a mediare. Ma il presidente dell'Emilia gioca a tutto campo. E apre anche il fronte sulla scuola. Nel mirino il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina: «Le linee guida che erano state presentate sulla scuola per noi non erano ricevibili.

 

Abbiamo fatto delle controproposte che mi auguro il ministero possa recepire e ho trovato grande disponibilità». La battaglia del presidente rosso produce i risultati. Nel pomeriggio l'intesa sulla riapertura delle scuole si avvicina: «Siamo ad un passo dalla condivisione delle linee guida per la riapertura delle scuole, un testo che già oggi grazie al contributo propositivo delle Regioni e alla collaborazione istituzionale con il ministero risulta nettamente migliorato rispetto alle prime bozze.

nicola zingaretti stefano bonaccini nicola zingaretti stefano bonaccini

 

Abbiamo però chiesto in Conferenza Stato-Regioni un rinvio di 24 ore che consenta un approfondimento dell'ultimo testo del Piano scuola 2020-2021». Ma intanto, al netto dello scontro su scuola e fondi, al Nazareno è scattato l'allarme: Bonaccini vuole sfilare a Zingaretti la guida dei dem. Il congresso è sempre più vicino.

NICOLA ZINGARETTI STEFANO BONACCINI NICOLA ZINGARETTI STEFANO BONACCINI gori renzi gori renzi renzi gori sala renzi gori sala bonaccini casadei bonaccini casadei BEPPE SALA BONACCINI BEPPE SALA BONACCINI stefano bonaccini stefania bondavalli 4 stefano bonaccini stefania bondavalli 4 BONACCINI E BEPPE SALA BONACCINI E BEPPE SALA BONACCINI MANGIA A UN GIORNO DA PECORA BONACCINI MANGIA A UN GIORNO DA PECORA BONACCINI MANGIA A UN GIORNO DA PECORA BONACCINI MANGIA A UN GIORNO DA PECORA zingaretti zingaretti BONACCINI MANGIA A UN GIORNO DA PECORA BONACCINI MANGIA A UN GIORNO DA PECORA

 

elly schlein sul palco con bonaccini elly schlein sul palco con bonaccini

 

Condividi questo articolo

politica

TE LO DO IO IL SESSISMO! - A PROPOSITO DELLA SENATRICE MAIORINO CHE SI METTE A FARE LEZIONI DI MORALE ED ETICA, ACCUSANDO DAGOSPIA DI ESSERE RESPONSABILE DEL "DECADIMENTO DELL'INFORMAZIONE IN ITALIA", RICORDIAMO COSA USCIVA DI INSULTI E OFFESE ALLE DONNE DALLA BOCCUCCIA DI BEPPE GRILLO - L'ELEVATO DIEDE DELLA ''VECCHIA PUTTANA'' ALLA RITA LEVI MONTALCINI E DELLA "PUTTANACCIA, VECCHIA, SCHIFOSA" ALLA GRANDE SCIENZATA INFORMATICA GRACE MURRAY HOPPER - DA PARTE SUA IL DEPUTATO GRILLOZZO DE ROSA APOSTROFO’ LE COLLEGHE DEL PD COSÌ: "SIETE QUI PERCHÉ BRAVE SOLO A FARE I POMPINI" - PER ARGINARE MINACCE E SCONCEZZE CHE PROSPERAVANO SUL BLOG DI GRILLO, LA VICEPRESIDENTE DELLA CAMERA, MARA CARFAGNA, SI RIVOLSE ALLA MAGISTRATURA – E SULLA BOSCHI E LA PICIERNO..

NO, NON CI POSSO CREDERE: ANCHE BILL EMMOTT SDOGANA IL PLURI-PREGIUDICATO SILVIO BERLUSCONI! – CERTO, L’EX DIRETTORE DELL’ECONOMIST NON RINNEGA IL SUO “UNFIT” AL BANANA COME PREMIER, " MA SAREBBE UN AZIONISTA PERFETTAMENTE ACCETTABILE NELLA COALIZIONE, E NON SAREBBE INEDITO, VISTO CHE HA GIÀ SOSTENUTO MARIO MONTI" - E POI SI CHIEDE, IGNORANDO QUANTE CAPRIOLE, DA DRAGHI A LETTA, STA FACENDO  DI MAIO: ''QUANTI 5STELLE LO ACCETTEREBBERO?'' - ''IL PRODI PRO-BANANA È UNA TATTICA PER SEPARARE IL CENTRODESTRA" - L'UNICO CHE ATTACCA E' RENZI: "QUANDO ERA PREMIER HA SPRECATO UN'OPPORTUNITA' STORICA..."

NELLE FAUCI DI TRUMP – IL PRESIDENTE AMERICANO IN MODALITÀ KAMIKAZE SI METTE A SFIDUCIARE IL POPOLARISSIMO “IMMUNOLOGO-IN-CHIEF”: “È UN UOMO SIMPATICO, MA HA COMMESSO TANTI ERRORI” – INTANTO I SUOI COLLABORATORI MENANO: IL RESPONSABILE SOCIAL DELLA CASA BIANCA DAN SCAVINO HA PUBBLICATO UNA VIGNETTA IN CUI PARAGONA FAUCI A UN RUBINETTO CHE PERDE, MENTRE FILTRA UN MEMORANDUM ANONIMO CON “TUTTI GLI ERRORI” COMPIUTI DAL MEDICO IN QUESTI MESI. PECCATO CHE LA COMUNITÀ SCIENTIFICA SIA COMPATTA CON LUI. TE CREDO, ALMENO NON HA CONSIGLIATO DI INIETTARSI DISINFETTANTI IN VENA! - VIDEO

“VOGLIO FARE IL PARTITO DEI MODERATI” - SONO LONTANI I TEMPI IN CUI DI MAIO ABOLIVA LA POVERTÀ E INCONTRAVA I GILET GIALLI: ORA IL MINISTRO HA CAPITO CHE LA POLITICA E' SANGUE, MERDA E MEDIAZIONE – E INFATTI L’EX BIBITARO NEGLI ULTIMI TEMPI PREFERISCE INCONTRARE RENZI E GIANNI LETTA E NON CASALEGGIO E DI BATTISTA. COSÌ, QUANDO CONTE FINIRÀ IN PELLICCERIA, POTREBBE ESSERE LUI A DARE LE CARTE - IL RAPPORTO CON IL QUIRINALE VIA UGO ZAMPETTI E I BUONI UFFICI CON GIORGETTI...