TAV, COMUNQUE VADA SARA’ UN SALASSO - L’AVVOCATURA DELLO STATO FA IN CONTI: TRA SANZIONI E PENALI, UNO STOP ALLA TORINO-LIONE CI COSTEREBBE 3,4 MILIARDI DI EURO - E’ UN ASSIST AI GRILLINI: DI FRONTE AD UN MAXI BUCO NEI CONTI PUBBLICI, L'ALTERNATIVA, COME DEL RESTO GIÀ INDICATO DALLA LEGA, È QUELLA DI NON FERMARE LA LINEA IN COSTRUZIONE, SEMMAI DI RIVEDERLA  

-

Condividi questo articolo

TAV TORINO LIONE TAV TORINO LIONE

Umberto Mancini per “il Messaggero

 

Il rapporto dell' Avvocatura dello Stato sulla Tav sarebbe da tempo sul tavolo del ministero dei Trasporti e, probabilmente, anche su quello di Palazzo Chigi. Tant' è che lunedì, proprio il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ha fatto capire in maniera esplicita, che il rischio penali, in caso di stop all' opera, è altissimo. Anzi certo. Di ufficiale per ora non c' è nulla perché, come ormai più che evidente, i grillini spingono per ritardare il più possibile la decisione sulla Torino-Lione.

 

MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO GIUSEPPE CONTE MATTEO SALVINI LUIGI DI MAIO GIUSEPPE CONTE

Lo spettro del referendum e le manifestazioni di Torino hanno creato non pochi imbarazzi ai cinque stelle che adesso temono di dover fare un clamoroso dietrofront.

Proprio il parere dei legali, che ricalcherebbe nella sostanza quello già espresso per la Tap e il Terzo Valico, ovvero che i costi di un blocco sarebbero ingenti per le casse dello Stato a causa di sanzioni e penali, consentirebbe ai grillini di uscire dall' angolo. Di fronte ad un maxi buco nei conti l' alternativa, come del resto già indicato dalla Lega, è quella di non fermare la linea in costruzione, semmai di rivederla profondamente.

 

CANTIERE TORINO LIONE TAV VAL DI SUSA CANTIERE TORINO LIONE TAV VAL DI SUSA

Palazzo Chigi ha lasciato intendere che non basta infatti il no della commissione tecnica sui costi benefici a rimettere in discussione la tratta ferroviaria, ma che si dovrà tenere conto delle valutazioni legali, degli effetti cioè sul bilancio pubblico di un eventuale stop. Effetti che, secondo quanto risulta al Messaggero, l'Avvocatura avrebbe quantificato (tra lavori e studi già avviati, rimborsi, rescissioni dei contratti, ripristino degli scavi), in circa 3,4 miliardi.

 

piazza sì tav torino piazza sì tav torino

Una cifra massima che si basa, tra l'altro, su un documento messo a punto dalla Telt, la società di proprietà per il 50% del governo francese e per l' altro 50% di quello italiano, attraverso Fs, che stima gli extra costi che andrebbero sostenuti in caso di chiusura dei cantieri. Inoltre, ci sono anche i dati di centri studi indipendenti che evidenziano i rischi non solo economici, ma anche di tipo occupazionale e sociale.

 

Con migliaia di posti di lavoro in pericolo e 1,5 miliardi di appalti che andrebbero in fumo.

Ieri il vice ministro alla Infrastrutture Edoardo Rixi è tornato sull' argomento: «Credo che l'auspicio del presidente Conte sia lo stesso che abbiamo espresso noi della Lega: trovare una soluzione che impedisca il blocco dell' opera e che di conseguenza non sia necessario il referendum». La Lega si schiera, confermando così la volontà di assumere una decisione politica sul tema della prosecuzione dei lavori della Tav in val di Susa

manifestazione sì tav torino manifestazione sì tav torino

 

I DISTINGUO

«Lo studio della commissione tecnica - ha infatti aggiunto Rixi - è uno strumento in più che abbiamo a disposizione, ma la valutazione che andrà fatta e la decisione che andrà presa, sono di natura politica. Si dovrà decidere entro fine gennaio-inizi febbraio, come era stato previsto e la possibilità che l'opera venga bloccata noi non la contempliamo». Una posizione che i 5Stelle dovranno digerire, a meno che non si scelga la via, ben più rischiosa, del referendum o quella del pagamento delle penali. Una mediazione sembra comunque possibile visto che anche il vice premier Luigi Di Maio non ha escluso, almeno in via teorica, un ripensamento dell' opera pur di ottenere risparmi rilevanti.

 

manifestazione sì tav torino manifestazione sì tav torino

E proprio sul fronte dei costi, da Palazzo Chigi è trapelato che i sei componenti della commissione tecnica guidati dal professor Marco Ponti, no Tav dichiarato, nominati dal Mit, ricevono un compenso annuale di 50 mila euro ciascuno per i loro studi, con «contratto rinnovabile alla scadenza e non decadono con il governo». Insomma, una task force in qualche misura blindata e che ha già espresso le sue valutazioni, bocciando di fatto tutte le grandi opere avviate, anche se di documenti ufficiali, almeno per ora, non c' è ancora nessuna traccia. Proprio Ponti ieri ha detto che sarebbero servite più risorse e più tempo per le valutazioni.

 

Condividi questo articolo

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”