TOH, CHI SI RIVEDE! CHE CI FACEVA MARIO BENOTTI DALLA CARFAGNA? - L’EX UOMO DELLE MASCHERINE DI ARCURI È STATO PIZZICATO DALLE TELECAMERE DEL “TGLA7” ALLA CONVENTION “VERSO SUD”, A SORRENTO - “VERITÀ & AFFARI”: “IN CHE VESTE SARÀ STATO LÌ BENOTTI? RIVESTENDO GLI ANTICHI PANNI DA GIORNALISTA E COMUNICATORE POLITICO O CERCANDO CANALI PER NUOVE E FRUTTUOSE INTERMEDIAZIONI? CHISSÀ…”

-

Condividi questo articolo


Fosca Bincher per “Verità & Affari”

 

MARIO BENOTTI ALLA CONVENTION VERSO SUD DI MARA CARFAGNA MARIO BENOTTI ALLA CONVENTION VERSO SUD DI MARA CARFAGNA

Ve lo ricordate l'uomo delle mascherine di Domenico Arcuri, quello dell'inchiesta sulle forniture di inizio pandemia? Difficile scordarlo: volto gioviale, corpo robusto, con il suo faccione Mario Benotti occupava gran parte dei talk show sulle polemiche dei mesi successivi.

 

mara carfagna antonio tajani mara carfagna antonio tajani

Ex giornalista Rai, ex collaboratore di ministri e politici di centrosinistra, Benotti aveva avuto una seconda vita da imprenditore ed era sbucato nella corte dell'allora commissario straordinario Arcuri proprio come intermediatore degli acquisti delle mascherine prodotte in Cina in un'Italia che non ne aveva tenute per l'emergenza, regalando sciaguratamente le ultime in deposito proprio ai cinesi a inizio pandemia.

Carfagna Draghi a Sorrento Carfagna Draghi a Sorrento

 

Benotti ha vissuto le sue traversie giudiziarie e alcune indagini sono ancora aperte, sia pure con accuse come quella del traffico di influenze sicuramente meno gravi delle ipotesi iniziali. In momenti così di solito ci si inabissa cercando di non essere più a tiro né di polemiche né di inchieste giornalistiche.

 

E questo Benotti deve avere fatto per qualche mese, essendo scomparso per sua fortuna dai radar mediatici. Ma all'improvviso è ricomparso e non in un posto qualsiasi: nella mega convention dello Studio Ambrosetti a Sorrento dal titolo “Verso Sud” fortemente voluta dalla ministra Mara Carfagna.

 

gli sms di arcuri a benotti quarta repubblica gli sms di arcuri a benotti quarta repubblica

Tra i codazzi mossi insieme alle rispettive corti dagli importanti relatori della convention (dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella al premier Mario Draghi passando per ministri e sottosegretari) eccoti all'improvviso sbucare il faccione di Benotti. Distratti dagli importantissimi temi di attualità affrontati a Sorrento quasi nessuno l'ha notato nella confusione generale.

sergio mattarella mara carfagna sergio mattarella mara carfagna

 

Ma a pizzicarlo è stato il cameramen del Tg La7 di Enrico Mentana, che lo ha inquadrato per pochi istanti mandandolo in onda nella edizione delle 13,30 di sabato 14 maggio. In che veste sarà stato lì Benotti? Rivestendo gli antichi panni da giornalista e comunicatore politico o cercando canali per nuove e fruttuose intermediazioni? Chissà…

mario benotti quarta repubblica mario benotti quarta repubblica mara carfagna al forum verso sud 1 mara carfagna al forum verso sud 1 Carfagna Draghi a Sorrentosotto lo sguardo severo di Mattarella Carfagna Draghi a Sorrentosotto lo sguardo severo di Mattarella Carfagna Draghi a Sorrento Carfagna Draghi a Sorrento mario benotti (ri)costruzione mario benotti (ri)costruzione Carfagna Draghi a Sorrento Carfagna Draghi a Sorrento mara carfagna maria stella gelmini mara carfagna maria stella gelmini MARIO BENOTTI MARIO BENOTTI MARIO BENOTTI 1 MARIO BENOTTI 1 MARIO BENOTTI MARIO BENOTTI mario benotti 4 mario benotti 4

 

Condividi questo articolo

politica

DAGO-RETROSCENA! – DURANTE LE SETTIMANALI TELEFONATE CON DRAGHI, IL TORMENTONE DI GRILLO E' DI PERCULARE "LA POCHETTE CHE CAMMINA", FINCHE' MARIOPIO UN BEL GIORNO SBOTTA: “MA SE LO RITIENI INADEGUATO, PERCHÉ NON LO MANDI VIA? BUTTALO FUORI!” - LA BATTUTA INOPPORTUNA DI DRAGHI E' STATO POI GIRATA DA GRILLO A SUO MERITO, DAVANTI A CONTE: "MA COME, TI HO PURE DIFESO DA DRAGHI CHE VOLEVA CHE TI CACCIASSI!" - E SCATTA LA VENDETTA DI TRAVAGLIO E DEI COLONNELLI DEI 5STELLE (TAVERNA, FICO, CRIMI) SU GRILLO CHE NON VUOLE L'ADDIO A DRAGHI NE' LA DEROGA AL SECONDO MANDATO - ALL’INSIPIENZA POLITICA DI DRAGHI E GRILLO, ALLA FINE CI METTE UNA PEZZA MATTARELLA.... 

“IL DIRITTO ALL’ABORTO NON ESISTE. SI CHIAMA OMICIDIO” – PRENDETEVI CINQUE MINUTI E GODETEVI IL CORPO A CORPO TRA TELESE E ADINOLFI: “CI VUOI PORTARE IN UN MODERNO MEDIOEVO IN CUI GLI INTEGRALISTI DECIDONO PER ALTRI”, “NOVE VOLTE SU DIECI, GIOVANI DONNE RINUNCIANO AI LORO FIGLI PER RAGIONI FUTILISSIME, DICIAMO PURE DEL CAZZO” – “VOI LAICISTI DIFENDETE LA CULTURA DELLA MORTE, MA SIETE BUONI CARINI E LEGITTIMATI. NOI, CHE DIFENDIAMO LA VITA, INVECE, SIANO BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. E CON LE CORNA. L’ITALIA SENZA IL DIVORZIO ERA PIÙ BELLA E PIÙ SANA DI QUESTA” (PAROLA DI UN DIVORZIATO…)

“QUESTO SPIEGA PERCHÉ SONO TORNATO A ROMA IERI NOTTE” – MARIO DRAGHI IN CONFERENZA STAMPA HA RACCONTATO IL VERO MOTIVO PER CUI HA LASCIATO IN ANTICIPO IL VERTICE NATO DI MADRID: NON C’ENTRA CONTE, MA L’AUMENTO DEI PREZZI DELL’ENERGIA! – “SONO RIENTRATO A ROMA PER L'OK AL DL BOLLETTE ENTRO OGGI. QUESTI PROVVEDIMENTI DOVEVANO NECESSARIAMENTE ESSERE ATTUATI OGGI, SENZA QUESTO CI SAREBBE STATO UN DISASTRO. LE BOLLETTE SAREBBERO ARRIVATE SENZA AGEVOLAZIONI CON RINCARI FINO AL 35 PER CENTO...”