TOH, UN NUOVO EDITORIALISTA AL "FATTO” -  ANCHE IL RASPUTIN DI ZINGARETTI, GOFFREDO BETTINI, SCRIVE UN ARTICOLESSA PER SPIEGARCI COSA FARE CHIUSI IN CASA: "LO STOP AGLI SPETTACOLI NON È, DI PER SÉ, LE FINE DELLA CULTURA. SE NON SI PUÒ USCIRE LA SERA, DICIAMO AI NOSTRI RAGAZZI DI PRENDERE IN MANO UN LIBRO...DICIAMO LORO DI FRUGARE TRA LE VECCHIE CASSETTE CON UN FILM DA RIVEDERE INSIEME ALLE FAMIGLIE" (LE VHS NON SI USANO DA 20 ANNI, BENVENUTO NELLA MODERNITA'...)

-

Condividi questo articolo

Goffredo Bettini per il “Fatto quotidiano”

 

(...)

 

goffredo bettini goffredo bettini

I provvedimenti assunti con l' ultimo Dpcm da Conte sono del tutto simili a quelli che si stanno decidendo in Germania e in altri grandi Paesi europei.

 

So perfettamente che in queste settimane pagheranno tante categorie già in sofferenza.

bettini bettini

I ristoratori, i commercianti, il settore dello sport e di altre attività di svago e ludiche. Si diano risarcimenti congrui e immediati.

 

Gualtieri si è mosso con decisione in questa direzione. Pagheranno, inoltre, la cultura, lo spettacolo, le attività creative e artistiche. Anche a questi operatori, anzi soprattutto a loro, si dia un sostegno straordinario, come sta avvenendo grazie all' impulso del ministro Franceschini. Dobbiamo fare di tutto per riparare ora a questa tragedia. Altrimenti, tale danno potrebbe essere irreversibile. Le restrizioni assunte sono necessarie. Anche perché la ricerca scientifica in tempi ragionevoli potrebbe arrivare a soluzioni definitive. Dobbiamo evitare la beffa di chi potrebbe perdere la vita nelle prossime settimane, similmente a quei soldati uccisi in combattimenti inutili nel maggio del '45 alla fine della guerra.

GOFFREDO BETTINI GOFFREDO BETTINI

 

Detto questo, sono il primo a riconoscere che c' è qualcosa di speciale e negativo nella sospensione delle attività culturali, dello spettacolo e dell' arte fruita dal vivo. Eppure non credo che, se transitorio, lo stop rappresenti necessariamente uno spegnimento totale di ogni possibilità di crescita intellettuale e spirituale. Se non si può uscire la sera, diciamo ai nostri ragazzi di prendere in mano un libro.

 

goffredo bettini (3) goffredo bettini (3)

Perché da anni le librerie chiudono nel silenzio. Diciamo loro di sollecitare i padri a raccontare le loro vite. Come testimonianza di storie personali che si intrecciano con lo scorrere degli avvenimenti pubblici. Diciamo loro di frugare tra le vecchie cassette riposte da qualche parte. Magari con film da rivedere insieme alle famiglie. Un capolavoro è sempre una cosa nuova, alla quale attingere ogni volta in modo diverso e creativo.

 

zingaretti di maio zingaretti di maio

Diciamo loro di sfogliare i vecchi album di fotografie dei cari, degli amici, dei paesaggi di un tempo. E fantasticare. Per vivere anche la noia in modo attivo, fantasioso, sognante. Diciamo loro, soprattutto, che la felicità non si trova percorrendo sempre più in fretta la superficie delle cose e del mondo. Piuttosto immergendosi nelle infinite profondità del proprio essere: sta quasi tutto lì ciò che dà senso all' esistenza, che forma un' identità, che arricchisce la consapevolezza.

 

goffredo bettini gianni letta giuseppe conte goffredo bettini gianni letta giuseppe conte goffredo bettini goffredo bettini

(...)

goffredo bettini (2) goffredo bettini (2) rutelli giachetti e bettini (1) rutelli giachetti e bettini (1) bettini borgna veltroni sinibaldi ghini rutelli marchini bettini borgna veltroni sinibaldi ghini rutelli marchini

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209