A TORINO GLI ELETTORI M5S CHE AVEVANO VOTATO PER LA CANDIDATA GRILLINA VALENTINA SGANGA, CHE SI È FERMATA AL 9%, SI SONO DIVISI TRA L'ASTENSIONE E LA SCELTA DEL PIDDINO LO RUSSO - E QUESTA È UNA SORPRESA, PERCHÉ L'OSTILITÀ TRA APPENDINO E IL NUOVO SINDACO E L'ASSENZA DI OGNI INDICAZIONE O ACCORDO SEMBRAVANO RENDERE IMPOSSIBILE UN TRAVASO DI TALE PORTATA - IL CENTRODESTRA NON È STATO CAPACE DI ATTRARRE A SÉ LA PREFERENZA DI CHI AVEVA VOTATO I CANDIDATI MINORI…

-

Condividi questo articolo


CHIARA APPENDINO CHIARA APPENDINO

M.Ima. per il "Corriere della Sera"

 

Erano elezioni così incerte che l'Istituto Cattaneo ha fatto in tempo ad analizzare i flussi dei voti tra il primo e il secondo turno. Con risultati interessanti. Mentre circa l'8 per cento dei sostenitori che avevano preferito Damilano sono rimasti a casa, il centrosinistra ha riportato ai seggi la quasi totalità di chi due settimane fa aveva votato Lo Russo. E questo spiega l'impossibilità della rimonta dell'imprenditore scelto da Matteo Salvini per correre a Torino.

 

GIUSEPPE CONTE VALENTINA SGANGA GIUSEPPE CONTE VALENTINA SGANGA

A rendere ancora più ampio lo scarto tra i due candidati è stata la ripartizione dei pochi serbatoi di voti a disposizio-ne. Gli elettori che avevano votato per Valentina Sganga, candidata del M5S che si è fermata al 9%, si sono quasi perfettamente divisi tra l'astensione e la scelta di Lo Russo. E questa è una sorpresa, perché l'ostilità tra Appendino e il nuovo sindaco e l'assenza di ogni indicazione o accordo sembravano rendere impossibile un travaso di tale portata.

 

stefano lo russo stefano lo russo

L'ultima notazione riguarda la solitudine del centrodestra, che non è stato capace di attrarre a sé la preferenza di chi aveva votato i candidati minori, che si sono spostati in blocco verso il suo rivale. Con una affluenza che si è fermata al 42,14%, ed è scesa al 35% nelle periferie nord che 5 anni fa diedero la vittoria ad Appendino e ieri rappresentavano l'ultima speranza di Damilano, appare chiaro come la sua rimonta fosse una impresa impossibile.

 

INSTANT POLL YOUTREND PER TORINO INSTANT POLL YOUTREND PER TORINO

Ma soprattutto, dimostra che a mancare all'appello sono proprio gli elettori che nel 2016 scelsero la novità rappresentata dal M5S. Ieri sono rimasti a casa, gonfiando i dati dell'astensione. E sulle ragioni di questa rinuncia sarebbe il caso di aprire una riflessione. Non solo nel M5S.

 

Condividi questo articolo

politica

ANCHE GLI AMERICANI HANNO CAPITO CHE L'UCRAINA DEVE ACCETTARE UN COMPROMESSO CON PUTIN - LO HA DETTO KISSINGER E LO RIPETE ANCHE L'AMMIRAGLIO JAMES STAVRIDIS, EX COMANDANTE SUPREMO DELLE FORZE NATO DAL 2009 AL 2013: “È ARRIVATO IL MOMENTO DI CERCARE UNA VIA D'USCITA” - IL “NEW YORK TIMES”, CHE HA APPOGGIATO LA GUERRA, ORA SPINGE PER EVITARE UNO SCONTRO USA-RUSSIA: “ANCHE SE UNA PACE NEGOZIATA POTREBBE RICHIEDERE ALL'UCRAINA DI PRENDERE ALCUNE DECISIONI DIFFICILI” - PER AVRIL HAINES, DIRETTORE DELL'INTELLIGENCE USA, IL CONFLITTO “POTREBBE PRENDERE UNA TRAIETTORIA PIÙ IMPREVEDIBILE E POTENZIALMENTE PORTARE A UNA ESCALATION”

“DE MITA ERA COLTISSIMO. GLI VENIVA CONTESTATA LA PRONUNCIA. FORSE GLI DAVA FASTIDIO, MA NON LO HA MAI AMMESSO” - L’ALLIEVO MASTELLA RICORDOA IL MAESTRO CIRIACO: “LO CHIAMAVANO "COMUNISTELLO DI SACRESTIA". LUI E CRAXI IN PUBBLICO SI COMBATTEVANO, MA OGNI TANTO SI APPARTAVANO SENZA CHE NESSUNO SAPESSE DOVE FOSSERO. ANDAVANO IN UN CONVENTO DI SUORE SULL'APPIA ANTICA. TRA DI LORO C'ERA UN RICONOSCIMENTO RECIPROCO DI INTELLIGENZA - PER LUI LA POLITICA ERA DOVERE DI PENSARE ALLA PROPRIA COMUNITÀ. ERA CONVINTO CHE MERITAVA DI ESSERE AIUTATO IL FIGLIO DI UN CONTADINO CHE AVEVA FATTO SACRIFICI E NON TROVAVA LAVORO. CLIENTELISMO? ERA GIUSTO COSÌ…”