TRA UN TRATTORE E UN PO’ DI LETAME, SI CONSUMA LA NUOVA FAIDA TRA LEGA E FRATELLI D’ITALIA - IL CAPOGRUPPO ALLA CAMERA DEL CARROCCIO, RICCARDO MOLINARI, PUNTA IL DITO SULLA CANCELLAZIONE DELL’ESENZIONE IRPEF AGLI AGRICOLTORI: “UN ERRORE DEL GOVERNO” (CON RIFERIMENTO AL MINISTRO DELL’AGRICOLTURA LOLLOBRIGIDA) - LA REPLICA DEL COGNATO D’ITALIA E’ UN CALCIONE AL LEGHISTA GIORGETTI: “NORMA DECISA DAL MEF, LÌ CI SONO LORO” - SALVINI RINCARA LA DOSE CONTRO “LOLLO”: “NON SI CAPISCE PERCHÉ PER UN TRATTORE SI DEVE FARE LA REVISIONE DELLA PATENTE OGNI 2 ANNI, ANZICHÉ OGNI 10”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lorenzo De Cicco per “la Repubblica”

 

ADOLFO URSO - MATTEO SALVINI - FRANCESCO LOLLOBRIGIDA - CARLO NORDIO ADOLFO URSO - MATTEO SALVINI - FRANCESCO LOLLOBRIGIDA - CARLO NORDIO

Quella norma «l’ha fatta il Mef, dove il ministro è della Lega». Francesco Lollobrigida risponde da Berlino, dov’è in corso la fiera Fruit Logistica. È pomeriggio e il titolare dell’Agricoltura prova a spostare il mirino che gli ha piazzato in testa la Lega di buon mattino, col capogruppo alla Camera, Riccardo Molinari.

 

Cancellare l’esenzione dell’Irpef agli agricoltori, sostiene il presidente dei deputati del Carroccio su Rai3, «è stato un errore del governo». Un’uscita che ufficializza quanto finora era filtrato solo tramite veline di partito. Tra Lega e FdI è guerra aperta sulla protesta dei trattori.

 

riccardo molinari spilletta alberto da giussano riccardo molinari spilletta alberto da giussano

Dietro le manovre, c’è una categoria che è diventata un blocco di consensi per la destra, prima per il flirt col partito di Salvini, ora con quello di Meloni. L’attacco di Molinari irrita FdI. Parecchio. Da qui la decisione: d’ora in poi, agli affondi del Carroccio si reagisce. La campagna per le Europee è cominciata per tutti.

 

Sui trattori, da Montecitorio si fa subito sentire il capogruppo meloniano Tommaso Foti: durante l’approvazione della legge di bilancio, quando si decise di rimettere la tassa agricola, «non sono emerse riserve dai gruppi della maggioranza».

 

Come dire: nessuno aveva obiettato. Via della Scrofa si dispone a testuggine attorno al ministro dell’Agricoltura, contro cui Iv ha annunciato una mozione di sfiducia al Senato. […] I trattori in marcia verso Roma rimangono in allerta. Minacciano di «entrare nella Capitale» se il governo non li riceverà, anche se alla fine in città dovrebbe sfilare solo una piccola delegazione. […] Meloni, alla fine, non li riceverà. […]

 

MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI

Il ministro tenta di sganciarsi dall’immagine di rappresentante di un governo piegato agli interessi di una sigla sola, cioè Coldiretti. «Ma ho incontrato anche Confagricoltura. Il problema è la rappresentanza, che va rispettata». La linea di FdI è chiara: i trattori non rappresentano tutto il comparto, ma una piccola porzione. Quanto alla decisione del governo sull’Irpef agricola, «i soldi non si stampano col monopoly», dice Lollobrigida.

Lo scontro con la Lega ormai pare deflagrato. Matteo Salvini ieri è andato a cena con gli agricoltori, in Abruzzo. Toni da comizio: «Basta follie dell’Europa».

 

mucca alla protesta degli agricoltori 14 mucca alla protesta degli agricoltori 14

Ma soprattutto «anche a livello italiano si può fare di più: stiamo lavorando all’esenzione dell’Irpef e sul sostegno per il gasolio». Altra punzecchiata a Lollobrigida: «Non si capisce perché per un trattore si deve fare la revisione della patente ogni 2 anni, anziché ogni 10». Tutta la maggioranza sembra orientata a re-introdurre l’esonero dalla tassa. Ma per FdI la misura dovrebbe riguardare solo i terreni con un valore catastale fino a 10mila euro. Sempre Foti parla di «redditi bassi».

mucca alla protesta degli agricoltori 1 mucca alla protesta degli agricoltori 1

 

La Lega, o almeno Salvini, vorrebbe invece che la coperta si allunghi su tutti. Certo, nel Carroccio c’è un cortocircuito. Perché il ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ieri al Senato spiegava che, sì, è «in corso di valutazione un intervento», probabilmente già «nel Milleproroghe ». Ma ventilava possibili «franchigie». Un tetto, appunto. […]

GIANCARLO GIORGETTI - MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI - MATTEO SALVINI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…

SCOOP! GAME OVER FRA CHIARA FERRAGNI E FEDEZ. IL RAPPER, DOMENICA SCORSA, SE NE È ANDATO DI CASA E NON È PIÙ TORNATO. DAL SANREMO DELL’ANNO SCORSO, LA STORIA D’AMORE TRA I DUE S’ERA INCRINATA MA L’INFLUENCER AVEVA RIMANDATO QUALSIASI DECISIONE PER STARE VICINA AL MARITO MALATO. NEL MOMENTO IN CUI LEI SI È TROVATA IN DIFFICOLTÀ, INVECE, FEDEZ SI È MOSTRATO MENO GENEROSO, RINFACCIANDOLE CHE I SUOI PROBLEMI GIUDIZIARI AVESSERO EFFETTI NEGATIVI ANCHE SUI SUOI AFFARI - COSI' FINISCE L'EPOPEA DEI "FERRAGNEZ"

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO