TRUMP STA DAVVERO IMPEACHATO - LE PROVE CHE "THE DONALD" FOMENTÒ L'INSURREZIONE DELLA FOLLA CONTRO IL CONGRESSO IL 6 GENNAIO 2021 SONO TALMENTE EVIDENTI CHE IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA DI BIDEN, MERRICK GARLAND, POTREBBE ESSERE COSTRETTO A INCRIMINARLO: UN ATTO SENZA PRECEDENTI CHE PORREBBE FINE AI SUOI SOGNI DI RITORNO NEL 2024, ANCHE SE I REPUBBLICANI LO HANNO GIÀ SALVATO DUE VOLTE - DECISIVE SONO LE CONFESSIONI DELLA EX ASSISTENTE DI MARK MEADOWS, ALLORA CAPO DELLO STAFF DEL PRESIDENTE ALLA CASA BIANCA...

-

Condividi questo articolo


M. Ga. per il “Corriere della Sera

 

Cassidy Hutchinson Cassidy Hutchinson

Cassidy Hutchinson come John Dean, il consigliere di Richard Nixon che quasi mezzo secolo fa accusò l'allora presidente di essere personalmente coinvolto nello spionaggio politico contro il partito democratico, lo scandalo Watergate scoperto dal Washington Post che alla fine costrinse il leader repubblicano alle dimissioni?

 

È quello che pensano gli analisti e i giuristi democratici convinti che la Commissione parlamentare sull'assalto al Congresso del 6 gennaio 2021 stia raccogliendo prove inconfutabili di comportamenti penalmente rilevanti di Trump, nel suo tentativo di impedire la ratifica dell'elezione di Joe Biden.

 

MERRICK GARLAND MERRICK GARLAND

Prove talmente evidenti che alla fine potrebbero obbligare un recalcitrante Merrick Garland, il ministro della Giustizia di Biden, ad incriminare l'ex presidente: un atto senza precedenti che renderebbe ancor più profonda la spaccatura nel Paese ma probabilmente metterebbe fine ai sogni di ritorno alla Casa Bianca di un Trump già incalzato da tempo da giovani leader repubblicani - primo fra tutti il governatore della Florida Ron DeSantis - pronti a «canonizzarlo» e a raccogliere la sua eredità politica.

 

MERRICK GARLAND MERRICK GARLAND

Garland fin qui ha agito con prudenza, consapevole che l'America del 2022 non è quella dei tempi del Watergate: i repubblicani, che allora non esitarono a condannare Nixon, oggi, in un Paese polarizzato, diviso per convinzioni ideologiche impermeabili all'evidenza dei fatti, hanno già salvato due volte Trump dall'impeachment. E la maggioranza di loro continua a sostenere (senza prove) che Biden è un presidente illegittimo.

 

Cassidy Hutchinson Cassidy Hutchinson

Basterà la verifica delle circostanze riferite ieri dalla Hutchinson - Trump promotore della rivolta contro il Congresso del 6 gennaio, consapevole che molti attivisti sarebbero arrivati armati, deciso a lasciarli passare e addirittura a guidarli fin davanti a Capitol Hill, ostinatamente contrario per ore a fermarli anche quando molti di loro volevano impiccare il suo vice, Mike Pence - a spingere Garland a cambiare rotta?

 

Cassidy Hutchinson Cassidy Hutchinson

Le perplessità del ministro potrebbero anche essere legata alla struttura di queste indagini parlamentari che somigliano a processi nei quali, però, non c'è la difesa.

 

sciamano america sciamano america

Per adesso l'indagine parlamentare continua con i commissari intenti a verificare la fondatezza della vivida ricostruzione di quelle ore drammatiche di un anno e mezzo fa resa dalla ex assistente di Mark Meadows, allora capo dello staff del presidente alla Casa Bianca, ma anche da tanti altri testimoni.

 

ASSALTO CAMPIDOGLIO USA ASSALTO CAMPIDOGLIO USA

Tra un paio di settimane, riordinati e approfonditi i nuovi elementi probatori emersi nelle testimonianze di giugno, riprenderanno gli hearing pubblici con due obiettivi specifici: chiarire il ruolo dei miliziani fedelissimi di Trump (Proud Boys e Oath Keepers) nell'assalto al Congresso e ricostruire cosa accadde nei 187 minuti nei quali, mentre il Congresso veniva assalito, Trump sparì dal web, rifiutando più volte di intervenire per placare gli insorti, da lui fermati solo molto più tardi.

 

assalto al campidoglio assalto al campidoglio assalto al campidoglio. assalto al campidoglio. donald trump donald trump membri del three percenters durante l assalto al campidoglio membri del three percenters durante l assalto al campidoglio

 

Condividi questo articolo

politica

“SE LETTA VA ALLA SEGRETERIA GENERALE DELLA NATO TEMPO SEI MESI I RUSSI ARRIVANO IN PORTOGALLO” – RENZI, CHE TALENTO SPRECATO: POTEVA FARE IL COMICO, CE LO DOBBIAMO SORBIRE IN POLITICA! MATTEUCCIO SPERNACCHIA ENRICHETTO: “NON HO NESSUN PROBLEMA PERSONALE CON LUI. HA DETTO ‘NON VOGLIO RENZI PERCHÉ MI STA ANTIPATICO. BERLUSCONI INECE HA DETTO 'DEVI VENIRE CON NOI'’” – POI APRE A UN EVENTUALE APPOGGIO A UN GOVERNO DI CENTRODESTRA: “SE CI SARÀ UN PROBLEMA CERCHEREMO DI DARE UNA MANO COME ABBIAMO FATTO CON DRAGHI” – IL DAGO-SCENARIO: COME, INSIEME A UN GRUPPO DI FORZISTI, VUOLE IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI…

SCENARI DI FANTA-POLITICA - LA STRATEGIA SOGNATA DA ITALIA VIVA, CON L’APPOGGIO DI UN GRUPPO DI FUTURI EX PARLAMENTARI DI FORZA ITALIA (CAPITANATI DAL SENATORE LUIGI CESARO, AI PIÙ NOTO COME GIGGINO 'A PURPETTA) È QUELLA DI INFILARE “CAVALLI DI TROIA” NELLE LISTE DI FORZA ITALIA, GRAZIE ALLE COPERTURE OFFERTE DAI CONGIURATI AZZURRI - APPENA ELETTI, I NEO-PARLAMENTARI DOVREBBERO PASSARE IN UN NEO GRUPPO DI CENTRO, DA COSTITUIRE APPOSITAMENTE - L’OBIETTIVO E’ AZZOPPARE IL CENTRODESTRA E IMPEDIRE A GIORGIA MELONI DI ANDARE A PALAZZO CHIGI (BERLUSCONI SA DI QUESTO FANTA-PROGETTO?)