A TUTTI QUELLI CHE ''MARINO NON HA MAI DETTO DI ESSERE STATO INVITATO DAL PAPA'': ANDATEVI A LEGGERE L'INTERVISTA DEL 22 SETTEMBRE AL ''MESSAGGERO'': ''QUANDO A GIUGNO MI È STATO RIFERITO CHE AVREBBERO AVUTO PIACERE DELLA MIA PRESENZA IN TRE APPUNTAMENTI DEL SANTO PADRE A PHILADELPHIA, HO DETTO CHE SAREI STATO MOLTO LIETO DI PARTECIPARE ALL’ORGANIZZAZIONE DELLA VISITA''

Il sindaco di Roma avrà anche infilato un fondamentalissimo incontro con l'omologo di Philadelphia, o qualche fund-raising, o qualche congresso medico per i cazzi suoi. Di sicuro, fino a poco tempo fa ha spacciato il suo viaggio anche come (non richiesta) ''accoglienza del Papa''...

Condividi questo articolo

Fabio Rossi per ''Il Messaggero'' del 22 settembre 2015

 

http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CAMPIDOGLIO/marino_usa_per_aiutare_roma_futuro_lontano_politica/notizie/1581057.shtml

 

IGNAZIO MARINO E PAPA BERGOGLIO IGNAZIO MARINO E PAPA BERGOGLIO

Il viaggio negli Usa? «Il sindaco di Roma deve fare un doppio lavoro: occuparsi di buche e trasporti, ma anche di raccogliere fondi per il nostro patrimonio archeologico. È un compito molto stressante: se non vogliono che lo faccia resto a casa e mi riposo». Ignazio Marino respinge le accuse sul nuovo viaggio negli Stati Uniti (che comincerà domani), che si intersecherà anche con la storica visita del Papa in Nordamerica.

tweet in difesa di marino tweet in difesa di marino

 

Sindaco Marino, era proprio il caso di ripartire adesso, dopo le polemiche sulle sue ferie?

«Si tratta di un viaggio brevissimo ma molto importante, in un momento storico per la Chiesa e per gli Stati Uniti: è il primo viaggio di papa Bergoglio negli Usa. Quando a giugno scorso mi è stato riferito che avrebbero avuto piacere della mia presenza in tre appuntamenti del Santo Padre a Philadelphia, ma soprattutto all’incontro con le famiglie, ho detto a monsignor Paglia che sarei stato molto lieto di partecipare all’organizzazione della visita».

tweet in difesa di marino tweet in difesa di marino tweet in difesa di marino tweet in difesa di marino

 

Condividi questo articolo

politica

PIÙ CHE UN DREAM TEAM, LE VECCHIE GLORIE - TRUMP PER DIFENDERSI DALL'IMPEACHMENT INGAGGIA KENNETH STARR E ROBERT RAY, CHE INCRIMINARONO CLINTON PER LA LEWINSKY (CHE REAGISCE) - MA SOPRATTUTTO IL PROF DI HARVARD ALAN DERSHOWITZ, UN DEMOCRATICO CHE HA PIÙ VOLTE DIFESO IL PUZZONE DALLA DELEGITTIMAZIONE COSTITUZIONALE: ''IL PROCESSO VUOLE TRASFORMARE GLI STATI UNITI IN UNA REPUBBLICA PARLAMENTARE. NON È UN IMPEACHMENT, È UN VOTO DI SFIDUCIA. MA NELLA NOSTRA COSTITUZIONE NON ESISTE''