A TUTTO GAS! - DRAGHI CAMBIERÀ LA TASSA SUGLI EXTRA-PROFITTI, COSTRETTO AD AMMETTERE CHE LA NORMA È FALLITA PERCHÉ È STATA APPARECCHIATA CON I PIEDI DAL MINISTRO FRANCO E DAL SOTTOSEGRETARIO GAROFOLI. TALMENTE LACUNOSA DA FAR INCETTA DI TANTI RICORSI DI INCOSTITUZIONALITÀ, TANT’È CHE LA MAGGIOR PARTE DELLE AZIENDE (ENI, ENEL, ACEA, ETC.) HA DECISO DI NON PAGARE. ORA LA NORMA SARÀ MIRATA SU QUELLA PARTE DI PROFITTI GENERATI UNICAMENTE DAL GAS E DALL’ENERGIA…

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

ROBERTO GAROFOLI E MARIO DRAGHI ROBERTO GAROFOLI E MARIO DRAGHI

La crisi energetica, che sta mettendo in ginocchio mezzo paese, a partire dal settore industriale, è il primo e più bollente dossier sulla scrivania del premier uscente Draghi. Che non ci pensa proprio a uno scostamento di bilancio, come chiede a gran voce Salvini (ma non Meloni e Letta), che vuol dire un aumento del debito pubblico che getterebbe il paese nella mani della speculazione dei mercati.

 

La soluzione scovata per alleviare iproblemi legati al prezzo del gas e al caro energia è la tassa sugli extra profitti di aziende fornitrici come Eni, Enel, Acea, etc. Ma la maggior parte delle aziende ha deciso di non pagare, scommettendo sull’incostituzionalità della misura e su diversi vizi formali e presentando una valanga di ricorsi, all'Autorità per l'Energia, l'Arera, e al Tar.

 

mario draghi daniele franco 2 mario draghi daniele franco 2

Ora Draghi cambierà la tassa sugli extra-profitti, costretto ad ammettere che la norma è fallita perché è stata apparecchiata dal ministro Franco e dal sottosegretario Garofoli con i piedi. Talmente lacunosa da far incetta di tanti ricorsi di incostituzionalità. Ora la norma sarà mirata su quella parte di profitti generati unicamente dal gas e dall’energia.

 

ENERGIA, COS'È E COME (NON) FUNZIONA LA TASSA SUGLI EXTRA PROFITTI

Da www.adnkronos.com

 

DIFFERENZA PREZZO DEL GAS - USA - CINA - EUROPA DIFFERENZA PREZZO DEL GAS - USA - CINA - EUROPA

La invocano tutti. Perché potrebbe essere una parte della soluzione della lunga lista di problemi legati al prezzo del gas e al caro energia. La tassa sugli extra profitti è stata introdotta per compensare i guadagni delle imprese energetiche che, grazie all'aumento del prezzo del gas, hanno guadagnato più del previsto. 

 

L'obiettivo è recuperare risorse da utilizzare per sostenere chi, al contrario, con l'aumento del prezzo di gas e luce ha perso soldi, e tanti, perché ha pagato bollette molto più care. Sono le imprese e le famiglie, ovvero l'utente finale del mercato dell'energia.

 

prezzo gas 1 prezzo gas 1

Il meccanismo è stato pensato per ottenere una compensazione che contribuisse a riequilibrare, con uno spostamento di denaro quasi automatico, le distorsioni prodotte dalla variabile del prezzo. In una prima versione del Decreto Aiuti la tassa ammontava al 10% del fatturato delle aziende, nella versione approvata in via definitiva con il Decreto aiuti Bis è salita al 25%. Come viene effettuato il calcolo? 

 

prezzo gas 2 prezzo gas 2

Sono state confrontate le operazioni attive e passive realizzate dal 1 ottobre 2021 al 30 aprile 2022, con quelle dello stesso periodo tra il 2020 e il 2021. E' previsto il pagamento in due tranche: la prima da pagare entro il 30 giugno (il 40%) e il resto il 30 novembre (per il restante 60%).

 

Il problema è che nessuno, o quasi, sta pagando la tassa. Doveva liberare 10,5 miliardi e invece ne sono entrati poco più di un decimo. Come è possibile? La risposta è tanto banale quanto disarmante: la maggior parte delle aziende ha deciso di non pagare, scommettendo sull’incostituzionalità della misura e su diversi vizi formali e presentando una valanga di ricorsi, all'Autorità per l'Energia, l'Arera, e al Tar. I conti precisi si faranno in settimana. 

importazioni di gas russo in europa importazioni di gas russo in europa

 

Mercoledì 31 agosto scadono i termini del ravvedimento per il pagamento dell’acconto sulla tassa. Ora la domanda che ricorre è: sono soldi persi o è possibile recuperarli? Sicuramente si tratta di una posta che non può essere utilizzata per coprire i nuovi interventi che tutti invocano in queste ore. L'altro problema significativo è quello dei tempi. 

 

nord stream nord stream

La prima pronuncia del Tar è prevista per l'8 novembre. Dall'esito dipende il percorso che prende il dossier extraprofitti, almeno per la quota di aziende che ha scelto il contenzioso. Se il ricorso viene respinto, tutti dovranno pagare l'acconto e il saldo; sei i giudici sospendono l'efficacia del provvedimento e rimandano alla Consulta, addio al saldo di novembre fino al pronunciamento, non prima di un anno e mezzo; se il Tar non sospende la norma ma rinvia alla Consulta, si paga il saldo ma resta in sospeso l'ipotesi dei rimborsi.

 

prezzo del gas in europa prezzo del gas in europa

Insomma, quella che doveva essere una redistribuzione 'facile' è diventata l'ennesima partita 'lunga' e senza certezze. Per questo, l'ipotesi di intervenire per correggere la norma e neutralizzare l'effetto dei ricorsi è seriamente presa in considerazione in queste ore.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)