GLI UCRAINI SONO ENTRATI IN BIELORUSSIA! – STANDO A QUANTO DICE IL SEGRETARIO DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DI LUKASHENKO, OLEKSANDR WOLFOVYCH, NEL PAESE SONO ARRIVATI “GRUPPI DI SABOTAGGIO E RICOGNIZIONE UCRAINI” – AL CONFINE CI SONO 20MILA TRUPPE DI ZELENSKY. HANNO DECISO DI SFONDARE PER DISTRARRE PUTIN DAL DONBASS O È SOLO PROPAGANDA DEL DITTATORE DI MINSK?

-

Condividi questo articolo


putin lukashenko putin lukashenko

(ANSA) - Il segretario del Consiglio di sicurezza bielorusso Oleksandr Wolfovych ha affermato che "gruppi di sabotaggio e ricognizione ucraini" sono entrati nel territorio della Bielorussia. Lo riportano i media statali di Minsk, secondo cui sono circa 20 mila le truppe ucraine schierate nei pressi del confine con la Bielorussia, distribuite tra le regioni di Rivne, Kiev e Chernihiv. Nei giorni scorsi, Minsk ha annunciato il rafforzamento delle sue unità di sicurezza frontaliere e l'acquisto dei sistemi missilistici russi S-400 e Iskander.

PUTIN ZELENSKY PUTIN ZELENSKY alexander lukashenko vladimir putin alexander lukashenko vladimir putin aleksandr lukashenko vladimir putin aleksandr lukashenko vladimir putin putin si aggrappa alla sedia durante l incontro con lukashenko putin si aggrappa alla sedia durante l incontro con lukashenko

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONEWS! – COSA BOLLE NELLA TESTA TRICOLOGICAMENTE SVANTAGGIATA DI ENRICO LETTA? IN VISTA DELLE ELEZIONI DEL 2023, OLTRE A UNA LEGGE ELETTORALE PROPORZIONALE CON SBARRAMENTO AL 4%, IL CAMPO LARGO COL M5S SARÀ SOSTITUITO DAL “CAMPETTO CIVICO” CON LE LISTE DEI SINDACI PD (GORI, GUALTIERI, TOMMASI, DE CARO, SALA, MANFREDI, ETC) - SE L'EGO DI CALENDA GIOCA IN PROPRIO, RENZI È IL PARIA DI TURNO: ITALIA MORTA NESSUNO LA VUOLE, AL PUNTO CHE È COSTRETTO A ELEMOSINARE ATTENZIONI ALL’EX NEMICO, LUIGI DI MAIO…

DAGONEWS! - VUOI VEDERE CHE LA GUERRIGLIA DEL M5S CONTRO IL GOVERNO, DI QUESTI GIORNI, PIU’ CHE ESSERE UNA MOSSA ANTI-DRAGHI, PUNTAVA A TOGLIERSI DAL CAZZO BEPPE GRILLO? - GLI OLTRANZISTI CINQUESTELLE (DA CONTE A PATUANELLI, DA RICCIARDI A PAOLA TAVERNA) SONO FURIOSI CON BEPPEMAO PER IL NO ALLA DEROGA AL LIMITE DEI DUE MANDATI E HANNO CAPITO CHE, FINCHE’ C’E’ IL COMICO A FARLA DA PADRONE, OGNI DECISIONE PASSERA’ SEMPRE DA LUI - DE MASI AVVERTE I GRILLONZI: “BISOGNA UCCIDERE IL PADRE PER CRESCERE...”