VANNACCI, DALLA RUSSIA CON AMORE – COSA HA FATTO E CON CHI È ENTRATO IN CONTATTO IL GENERALE NEI 18 MESI IN CUI HA PRESTATO SERVIZIO COME ADDETTO MILITARE DELL'AMBASCIATA ITAIANA A MOSCA? – FONTI DI ALTO LIVELLO POLITICO E MILITARE SI DICONO PREOCCUPATE PER ALCUNI “CONSESSI E THINK TANK RUSSI CHE IL GENERALE FREQUENTAVA” – I REPORT RASSICURANTI DEL GENERALE SULLE MASSICCE ESERCITAZIONI DELL’ARMATA ROSSA, MENTRE L’INTELLIGENCE INGLESE LANCIAVA L'ALLARME – I RAPPORTI CON L’AMBASCIATORE “FILORUSSO” TERRACCIANO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Jacopo Iacoboni per “La Stampa”

 

il generale roberto vannacci il generale roberto vannacci

«Macché filorusso, io sono stato cacciato da Putin e da Lavrov». Roberto Vannacci si è sempre difeso così quando, dall'estate scorsa, ha cominciato a esser messo sotto la lente il suo periodo a Mosca come addetto militare dell'ambasciata italiana in Russia. Ma perché fare questa excusatio, che poteva suonare fuorviante?

 

Perché è vero che il generale italiano al centro delle polemiche fu espulso dalla Russia nel maggio 2022 con una decisione del ministero degli Esteri di Mosca, ma non fu assolutamente una decisione personale contro di lui: semmai un consueto «tit for tat», una ritorsione diplomatica contro l'espulsione – decisa durante il governo Draghi – dell'omologo di Vannacci nell'ambasciata russa a Roma, coinvolto nel caso Walter Biot: l'addetto militare russo nella Capitale, Aleksey Nemudrov. Mosca scrisse: «Misure ostili e infondate dell'Italia».

 

[…]  non era vero ciò che lasciava credere, che Putin e Lavrov ce l'avessero con lui. L'inchiesta formale aperta su di lui - notificatagli il 4 dicembre, perché avrebbe omesso di comunicare gestazione e contenuti del suo libro all'ambasciata e ai comandi militari - si era via via nutrita di alcuni elementi russi.  

roberto vannacci foto di bacco (3) roberto vannacci foto di bacco (3)

 

[…]

 

Fonti di alto livello politico e militare, a conoscenza del dossier Vannacci, sono assai preoccupate per esempio da alcuni «consessi e think tank russi che il generale frequentava» a Mosca. Alcuni di questi mondi e think tank ci sono stati definiti «borderline» da una fonte assai importante, che conosce l'inchiesta, e ha parlato a condizione dell'anonimato.

 

Si sa che, arrivato a Mosca, Vannacci riesce a stabilire con sorprendente rapidità ottimi contatti con i militari russi. L'esercito russo a settembre tiene una massiccia esercitazione, che preoccupa le intelligence anglosassoni, eppure i resoconti di Vannacci rassicurano, smorzano. Le nostre antenne militari a Mosca non vedono arrivare l'invasione su larga scala di Putin in Ucraina.

 

roberto vannacci si lancia con il paracadute roberto vannacci si lancia con il paracadute

Vannacci a Mosca è ben integrato all'allora ambasciatore, Pasquale Terracciano, spesso anche lui criticato per posizioni eccessivamente filorusse, per esempio sul vaccino Sputnik che Terracciano arriva a lodare, e per una certa forse eccessiva «apertura» dell'ambasciata a soggetti russi. Il generale ha anche buoni rapporti con l'ex ambasciatore Cesare Ragaglini, che dopo la fine del suo mandato è stato vicepresidente della banca di Stato russa Vtb, legata al comparto militare, in un caso assai criticato di porte girevoli italo-russe.

 

IL GENERALE ROBERTO VANNACCI IL GENERALE ROBERTO VANNACCI

Il figlio di Ragaglini è stato sposato con la figlia, poi prematuramente scomparsa, di Lanfranco Cirillo. L'architetto italiano di Putin. Un mondo di italiani a Mosca sempre molto apprezzato dal Cremlino. Tutti hanno finora scritto che Vannacci va a Mosca come addetto militare nel febbraio 2021.

 

In realtà risulta che arrivi a Mosca nel dicembre del 2020, nell'ultima, perigliosa stagione del governo Conte, già con il grado di addetto. Nel 2019 aveva ricevuto l'onorificenza di Cavaliere al merito, sempre dal governo Conte-Salvini. È molto legato, militarmente, al collega incursionista Fabio Filomeni, anche lui scrittore, di un libro dal titolo «Morire per la Nato?».

 

GENERALE VANNACCI GENERALE VANNACCI

È noto che manifesti, nel suo contestatissimo libro «Il mondo al contrario», ammirazione per la Russia. Ieri il ministro Guido Crosetto, rispondendo al question time alla Camera, ha detto solo che «la riservatezza è indispensabile per assicurare la serenità di valutazione a garanzia della persona oggetto dell'inchiesta», Vannacci «è stato avvicendato, non rimosso, da comandante dell'Istituto geografico militare» […]

roberto vannacci foto di Massimo Sestini PER CHI roberto vannacci foto di Massimo Sestini PER CHI il mondo al contrario roberto vannacci il mondo al contrario roberto vannacci

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...