IL VATICANO DI SVIZZERO NON HA SOLO LE GUARDIE - C’È ANCHE LA SEGRETERIA DI STATO TRA I “CLIENTI SPECIALI” DI CREDIT SUISSE, SVELATI DALL’INCHIESTA “SUISSE SECRETS” - DAL 1930, QUANDO FU APERTO IL PRIMO CONTO DELLA SANTA SEDE, LA BANCA HA GESTITO FINO AL 77% DEI FONDI DELLA SEGRETERIA DI STATO. TRA CUI OVVIAMENTE ANCHE LA VICENDA DEL PALAZZO DI LONDRA: NEI DOCUMENTI DI WRM, LA HOLDING DI MINCIONE, VIENE SPIEGATO CHE “NESSUNO DEI CLIENTI INVESTITI NEL FONDO È UNA PERSONA POLITICAMENTE ESPOSTA”. PECCATO CHE TANTO BECCIU CHE PERLASCA E TIRABASSI LO ERANO

-

Condividi questo articolo


Gianluca Paolucci per www.lastampa.it

 

suisse secrets 2 suisse secrets 2

Obolo di San Pietro, le donazioni dei fedeli di tutto il mondo alla Santa Sede, accanto ai soldi di dittatori, narcotrafficanti, evasori fiscali, trafficanti di esseri umani. C’è anche la Segreteria di Stato del Vaticano tra i “clienti speciali” di Credit Suisse svelati dall’inchiesta Suisse Secrets. Clienti per i quali non valgono le regole e i controlli standard e le cui procedure di gestione non seguono i canali standardizzati di una prudente attività bancaria.

 

giovanni angelo becciu giovanni angelo becciu

Grazie a questa investigazione è anche possibile ricostruire il ruolo della banca svizzera – che secondo gli accertamenti del Vaticano ha gestito fino al 77% dei fondi della Segreteria id Stato - nella vicenda del palazzo di Londra al centro dello scandalo dei fondi del vaticano.

suisse secrets suisse secrets

 

Un ruolo rimasto fuori dalle indagini e dal processo attualmente in corso in Vaticano, ma tutt’altro che secondario, che va al di là delle responsabilità di Enrico Crasso, il funzionario della banca svizzera gestore delle finanze della Segreteria di Stato.

 

Un po’ di storia: il conto a Credit Suisse viene aperto dal Vaticano nel 1930. Inizialmente, ad alimentarlo – lo spiega una nota dell’Apsa in risposta alle richieste di chiarimenti formulate per questa inchiesta – sono le “compensazioni” dello Stato italiano alla Santa Sede decise con i Patti lateranensi.

IL PALAZZO DEL VATICANO A SLOAN SQUARE - LONDRA IL PALAZZO DEL VATICANO A SLOAN SQUARE - LONDRA

 

La stessa nota spiega come “il conto è utilizzato per la prudente gestione del patrimonio della Santa Sede (liquidità e investimenti) per perseguire la missione del Santo Padre”.

 

Secondo Wrm Group, la holding del finanziere Raffaele Mincione che gestiva i fondi Athena dove erano investiti i soldi del Vaticano, nei documenti del fondo Athena “l’investitore era Credit Suisse Ag e il titolare delle quote Credit Suisse London Nominees”, la fiduciaria londinese del gruppo bancario.

 

RAFFAELE MINCIONE RAFFAELE MINCIONE

Inoltre, rispondendo alle richieste di chiarimenti formulate dai giornalisti del consorzio, Wrm ha spiegato che negli stessi documenti del fondo Athena è scritto che “Credit Suisse Ag conferma di aver adempiuto a tutti gli obblighi applicabili di due diligence (…) nessuno dei nostri clienti investiti nel fondo attraverso la fiduciaria è una persona politicamente esposta (Pep, ndr.), una persona o società con legami familiari o personali o di affari con Pep”.

 

ENRICO CRASSO ENRICO CRASSO

Solo che secondo la definizione di Pep, tanto Angelo Maria Becciu che Alberto Perlasca e Fabrizio Tirabassi, tutti con potere di firma nel conto di Credit Suisse, per quanto “a basso rischio” secondo la normativa europea in materia sono senz’altro Pep anche nell’esercizio delle loro funzioni per conto della Segreteria di Stato.

 

Indicazioni sul ruolo di Credit Suisse si trovano anche nei vari atti dell’indagine della Gendarmeria vaticana. Crasso, l’uomo che per conto di Credit Suisse ha tenuto i rapporti con la Segreteria fin dagli anni ‘90, spiega che furono due manager di Credit Suisse – Alessandro Noceti e Andrea Negri, entrambi poi usciti dalla banca – a introdurre nell’affare dei fondi della Santa Sede il finanziere Mincione, per trovare alternative all’investimento nel petrolio angolano voluto dal cardinale Becciu.

MONSIGNOR ANGELO BECCIU MONSIGNOR ANGELO BECCIU

 

Negri non è proprio un manager di secondo piano: è stato a capo dell’investment banking a Londra. Di Noceti e dei suoi rapporti con il Vaticano c’è invece un’altra traccia nelle carte dell’indagine sul palazzo di Londra. A Becciu e Tirabassi, ex funzionario della Segreteria, viene infatti contestato anche il “tentativo di bonifico” da una società di Jersey a una società delle Isole vergini britanniche riferibile allo stesso Noceti.

 

ALBERTO PERLASCA ALBERTO PERLASCA

Il bonifico viene bloccato, ma qualche giorno dopo, il 9 gennaio 2018, mentre Oltretevere la vicenda degli investimenti fatti con i fondi dell’Obolo è già arrivata fino al Papa, il bonifico va buon fine. A incassare è la Ruby Red, sede a Londra e anche questa secondo gli inquirenti riconducibile a Noceti.

fabrizio tirabassi enrico crasso gianluigi torzi fabrizio tirabassi enrico crasso gianluigi torzi suisse secrets 4 suisse secrets 4 LA LETTERA DI ENRICO CRASSO A ANGELO BECCIU LA LETTERA DI ENRICO CRASSO A ANGELO BECCIU RAFFAELE MINCIONE RAFFAELE MINCIONE raffaele mincione raffaele mincione suisse secrets 3 suisse secrets 3 giovanni angelo becciu papa francesco bergoglio giovanni angelo becciu papa francesco bergoglio ALBERTO PERLASCA ALBERTO PERLASCA credit suisse credit suisse

 

Condividi questo articolo

politica

NOTIZIE FRESCHE DAL FRONTE DELLE ELEZIONI. C’E’ QUELLO CHE SI E’ CALATO LE BRAGHE NELLA CABINA, AVANTI LA SEXY SCRUTATRICE CON GHIANDOLE MAMMARIE EXTRA LARGE, SEGUE UNO/A CHE HA SCRITTO A MANO UNA LAMENTELA PERCHE’ LA DIVISIONE MASCHI E FEMMINE E’ LESIVA DI CHI E’ “IN TRANSIZIONE” (CE VOLEVA LA CODA LGBTQ+?) - E POICHE’ LA LEGGE CONSENTE DI ALLEGARE AL VERBALE DEL VOTO LE PROTESTE DEI CITTADINI, CI SONO OVVIAMENTE QUELLI CHE HANNO PRESO SUL SERIO LA POSSIBILITA’. IL NOTO STORICO DELL’ARTE SENZA STORIA, TOMASO MONTANARI HA ALLEGATO UNA PAGINA DATTILOSCRITTA CONTRO IL ROSATELLUM (CON IN CALCE IL SUO CODICE FISCALE) - PLEASE, DATEVE ‘NA CALMATA: E' SOLO UN SALTO NEL VOTO…