I VELENI DI FERRONI – A SAXA RUBRA SI MOLTIPLICANO GLI SPIFFERI: QUELLO PIÙ INTRIGANTE INDICA LUCIA ANNUNZIATA COME “KING MAKER” DEL SUCCESSORE DI MARCELLO FOA ALLA PRESIDENZA DELLA RAI. GLI “INGENUI” VEDONO IN POLE POSITION DI BELLA, “GLI SCALTRI” PAOLO MIELI, I “DIETROLOGI” PUNTANO SU FERRUCCIO DE BORTOLI. DONNE, NESSUNA. TRANNE… – NEI PALAZZI ROMANI IMPAZZA LA RICERCA DI UN LIBRO DI OLTRE DIECI ANNI FA: “IL POLITICO COME CINICO”, DI ANTONIO FUNICIELLO…

-

Condividi questo articolo

Gianfranco Ferroni per “Il Tempo”

 

MARIO DRAGHI PARLA ALLA CAMERA MARIO DRAGHI PARLA ALLA CAMERA

Supermario già nel 2011 parlava da premier

“Peccato che stia per andare a Francoforte, ha presentato un ottimo programma di governo”: era il 31 maggio di dieci anni fa, quando un imprenditore commentò così l’ultimo discorso di Mario Draghi da governatore della Banca d’Italia.

 

Quali erano le sue priorità, nel 2011? Giustizia civile, istruzione, concorrenza, infrastrutture, precariato, relazioni industriali e bassa occupazione femminile. Realizzare ponti, strade e ferrovie “darebbe un forte impulso all’attività economica”, disse.

 

lucia annunziata lucia annunziata

Draghi parlò delle grandi istituzioni finanziarie, che “devono poter fallire, se necessario: in modo ordinato, mantenendo in vita le funzioni essenziali della banca e del sistema dei pagamenti, senza che i costi del loro dissesto siano sostenuti dai contribuenti, ma dagli azionisti e da alcune categorie di creditori”.

 

Poi Draghi era importante puntare il dito contro “la scarsa partecipazione femminile al mercato del lavoro”, un “fattore cruciale di debolezza del sistema”. Da non dimenticare che nel tempo lo stipendio di Draghi è sceso, significativamente: da Palazzo Koch provenivano 757.714 euro l’anno, per la carica di governatore, cifra superiore a quella percepita da numero uno della Bce. Non parliamo del compenso da presidente del consiglio, bassissimo: meno male che Draghi è già in pensione...

ANTONIO FUNICIELLO ANTONIO FUNICIELLO

 

***

 

Funiciello e il politico cinico

Nei palazzi della politica, e non solo, impazza la ricerca di un libro di oltre dieci anni fa: “Il politico come cinico”, di Antonio Funiciello. Tutta colpa della scelta compiuta da Mario Draghi di avere Funiciello al suo fianco, come capo di gabinetto.

 

ANTONIO FUNICIELLO - IL POLITICO COME CINICO ANTONIO FUNICIELLO - IL POLITICO COME CINICO

Chi non riesce a trovarlo scova vecchie recensioni d’autore, come quella che scrisse Diego Gabutti su Italia Oggi, e cerca di impararle a memoria. In particolare questa frase: “Libro smagato, per moralisti veri, ‘Il politico come cinico’ è l’esatto contrario, per capirci, del giornalismo borioso e delle lezioni d’italianità che ci ammannisce, in questi tempi disgraziati, Roberto Benigni dal suo ormai tradizionale pulpito: il Festival di Sanremo, una cattedra di storia patria dalla quale il professor Gianni Morandi l’accademica Belen Rodriguez spacciano Antonio Gramsci per un fan del Risorgimento sabaudo”. Curiosità: Funiciello è di Piedimonte Matese, come Mariarosaria Rossi, ma non ditelo a Silvio Berlusconi...

 

***

 

Rai, Annunziata prepara il prossimo presidente

fabrizio salini marcello foa fabrizio salini marcello foa

Nomine, sono sempre le nomine quelle che interessano gran parte dei lavoratori della Rai. E così gli spifferi, in particolare a Saxa Rubra, si moltiplicano: quello più intrigante indica Lucia Annunziata come “king maker” del successore di Marcello Foa. Segue l’analisi della lista prediletta degli invitati da donna Lucia nella sua trasmissione domenicale su Rai3, come se fosse una preparatrice atletica (in fondo, la conquista di una poltrona presidenziale è sempre una gara): gli “ingenui” vedono in pole position Antonio Di Bella, gli “scaltri” invece pronosticano un futuro a viale Mazzini per Paolo Mieli, i “dietrologi” puntano su Ferruccio De Bortoli. Donne, nessuna. Tranne la stessa Annunziata...

 

giuseppe conte raffaele volpi giuseppe conte raffaele volpi

***

 

Servizi, per ora Draghi copia Conte

L’ipotesi c’era: dare a Raffaele Volpi la delega ai servizi segreti, consegnando così la poltrona di numero uno del Copasir ad Adolfo Urso, senza scossoni. Fatto sta che Mario Draghi al momento sembra copiare Giuseppe Conte, conservando anche il ruolo di “regista” governativo dell’intelligence. Tutto lascia pensare a un passaggio, tra qualche mese, a Franco Gabrielli, il capo della polizia, che ieri stava a Milano.

 

mario draghi al quirinale mario draghi al quirinale

Prima, a Cinisello Balsamo, ha commemorato, scoprendo il cippo restaurato, il capitano Pietro Tantimonaco scomparso 40 anni fa in un incidente stradale. Alla cerimonia c’erano, tra gli altri, il prefetto Renato Saccone, e il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri Iacopo Mannucci Benincasa e il Comandante Provinciale della Guarda di Finanza Cosimo De Braco. Al termine della celebrazione, Gabrielli si è recato presso il Mi.Co. che da giovedì scorso ospita la vaccinazione anti-Covid per i dipendenti delle forze dell’ordine: qui è stato ricevuto dal presidente di Fondazione Fiera Enrico Pazzali.

 

Condividi questo articolo

politica