I VELENI DI FERRONI - NEL PD C’È SEMPRE QUALCUNO A CACCIA DI POLTRONE. L’IPOTESI DELLA CANDIDATURA DI MARIA ELISABETTA ALBERTI CASELLATI AL QUIRINALE È STATA OGGETTO DI ESAMI APPROFONDITI: C’È UN LATO POSITIVO CHE PIACE, OVVERO LA LIBERAZIONE DI UNA POLTRONA, QUELLA DI PRESIDENTE DEL SENATO – CASINI TRA MESSE E FUNERALI - GIANNI MORANDI E LA DONNA AL QUIRINALE

-

Condividi questo articolo


Gianfranco Ferroni per “Il Tempo”

 

LA POLTRONA DELLA CASELLATI PIACE AL PD

maria elisabetta alberti casellati 2 maria elisabetta alberti casellati 2

Nel Pd c’è sempre qualcuno a caccia di poltrone. A un tavolo di quelli che una volta a sinistra venivano definiti come “i maggiorenti”, l’ipotesi della candidatura di Maria Elisabetta Alberti Casellati al Quirinale è stata oggetto di esami approfonditi: c’è un lato positivo che piace, ovvero la liberazione di una poltrona, quella di presidente del Senato.

 

Già, ma a chi bisogna assegnarla poi? In casa Pd dicono che spetta a loro, ma qualcuno teme un “assalto” da parte di Fratelli d’Italia. Il partito guidato da Giorgia Meloni avrebbe tutte le ragioni per guidare Palazzo Madama, visto che non fa parte del governo presieduto da Mario Draghi ed è l’unica forza di opposizione.

 

pier ferdinando casini maria elisabetta alberti casellati pier ferdinando casini maria elisabetta alberti casellati

“Sì, ma per avere il Senato quelli di Fratelli d’Italia non dovrebbero votare per la Casellati”, sussurrano a sinistra, svelando così la volontà di creare scientificamente una spaccatura nel centrodestra. La verità che però nessuno vuole ammettere è che nel Pd alcuni “fondatori” desiderano piazzare Enrico Letta al posto della Casellati, per tornare a contare nel partito senza avere più tra i piedi “il noto professore parigino”.

 

***

UN GIOVANE PIER FERDINANDO CASINI UN GIOVANE PIER FERDINANDO CASINI

 

L’EX DICCI CASINI, TRA MESSE E FUNERALI

Hanno detto che Pier Ferdinando Casini, per una domenica, non è andato a messa. E’ ampiamente scusato: ieri mattina si è recato all’ultimo saluto all’ambasciatore Francesco Paolo Fulci, nella chiesa di San Roberto Bellarmino. Certo i democristiani di una volta non saltavano mai l’appuntamento festivo con la messa, anche quando il giorno dopo dovevano comunque entrare in un edificio religioso.

 

***

pier ferdinando casini pier ferdinando casini

 

GIANNI MORANDI VUOLE UNA DONNA AL QUIRINALE

Gianni Morandi ha le idee chiare, per queste elezioni presidenziali: “Le donne sono senza dubbio superiori agli uomini e, al Quirinale, una Cartabia, una Casellati o anche una Bonino potrebbero mettere d’accordo tutti”.

 

***

 

GENTILONI? CON LA CHIESA PARLA COME DRAGHI

PAOLO GENTILONI PAOLO GENTILONI

“Il conte è a Roma“, dice un suo antico collaboratore: è vero, l’aristocratico Paolo Gentiloni si trova nella capitale proprio mentre iniziano le votazioni per scegliere il prossimo presidente della Repubblica.

 

L’ex capo del governo si aggira tra i sacri palazzi, e nella mattinata di ieri, dopo aver partecipato a una messa celebrata dal cardinale Giovanni Battista Re, è intervenuto “di persona” all’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. “Certamente c’è una ripresa economica in Europa, ne misureremo nelle prossime settimane la velocità perché c’è senz’altro anche un rallentamento di questa ripresa”, ha detto il commissario europeo all’Economia, “rubando” gli argomenti al premier Mario Draghi.

PAOLO GENTILONI E MARIO DRAGHI PAOLO GENTILONI E MARIO DRAGHI

 

Per Gentiloni “non è soltanto di un rimbalzo delle nostre economie che abbiamo bisogno. Tornare al livello e alla situazione precedente alla pandemia non è tornare ad una ipotetica età dell’oro.

 

Era un contesto in cui le disuguaglianze erano molto forti, la crescita limitata, il contrasto al cambiamento climatico in ritardo, e la competitività dei nostri sistemi europei nei confronti dei grandi attori mondiali era molto messa in discussione”.

 

maria elisabetta alberti casellati maria elisabetta alberti casellati

Con Gentiloni pronto a ricordare che un quarto delle risorse europee “è destinato all’Italia. Un quarto di questo programma straordinario di rinascita è destinata al Paese che dopo la Grecia ha il debito più alto in Europa e la capacità di spesa delle risorse europee meno efficace”, con “una sfida che va affrontata innanzitutto dal governo, ma anche dall’insieme del mondo economico, della società, della cultura, perché la rinascita o sarà un’impresa comune o non sarà”. Nostalgia di Palazzo Chigi? O un sogno chiamato Quirinale?

MARIO DRAGHI STEFANO PATUANELLI MARIO DRAGHI STEFANO PATUANELLI

 

***

 

PATUANELLI SI OCCUPA DI CANNABIS

Funghi macroscopici, licheni con proprietà medicinali, aromatiche e profumanti: di questo si occupa il ministro Stefano Patuanelli. Il suo Mipaaf ha predisposto un decreto interministeriale con il “concerto” del ministero per la Transizione ecologica e di quello per la Salute, per dare vita ad un quadro normativo organico per la raccolta e la trasformazione delle piante officinali, coltivate e spontanee.

intervento del ministro stefano patuanelli foto di bacco (2) intervento del ministro stefano patuanelli foto di bacco (2)

 

In mezzo, però, si parla anche la “coltura della cannabis sativa”, sottolineando che il titolare dell’azienda agricola è tenuto ad assicurare che il personale addetto sia adeguatamente istruito sulle specie botaniche che manipola e sia protetto dall’eventuale contatto con sostanze tossiche. In attesa di una “fumata bianca” per il Quirinale.

PAOLO GENTILONI PAOLO GENTILONI

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”