VIDEO! “ANVEDI CHE FREGNA!” – LA BELLA E COMBATTIVA DEPUTATA DEI CINQUE STELLE, VITTORIA BALDINO, DURANTE UN SUO ACCESO DISCORSO ALLA CAMERA ACCUSA LA MAGGIORANZA SULLA GESTIONE DEL PNRR: “LO USATE PER FARE I VOSTRI PORCI COMODI, VERGOGNA!” – DAI BANCHI DEL CENTRODESTRA, TRA LE VARIE GRIDA DI INSULTI ALLA PASIONARIA GRILLINA, SI ODE DISTINTAMENTE UN COMMENTO DA ALLUPATI: “ANVEDI...” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Dal canale youtube “Videocamera - Camera”

 

Vittoria Baldino Vittoria Baldino

E' nata una star. Bella e combattiva lo è sempre stata, ma oggi la deputata dei Cinque Stelle Vittoria Baldino ha dato una prova della crescita in bravura e bellezza. Sarà per l'aria primaverile che riaccende gli ormoni, sarà per quella camicetta di seta che ondeggia sulle forme ogni qual volta che grillina  si agita lanciando accuse alla maggioranza, sarà per quegli occhiali che la rendono rigorosa e sensuale in bilico tra una pupa&secchiona, la Baldino ha attirato l'attenzione suscitando boati da parte della maggioranza ma anche ammirazione per la tenuta oratoria accompagnata dal fare gigionesco dai modi popolani e trascinanti.

 

Da calabrese doc- è nata a Rossano- di professione avvocato, la trentaseienne avvocatessa non si lascia proprio intimidire dalle urla e dagli improperi che ha scatenato.

Anzi sembra anche compiacersene prendendosi pause quasi recitatorie e lanciando occhiate di fuoco  ai colleghi di maggioranza che inveiscono contro di lei. Lei grida "Vergogna", ma qualcuno alla romana risponde: "...Avendi che fregna!"

Vittoria Baldino Vittoria Baldino Vittoria Baldino Vittoria Baldino VITTORIA BALDINO VITTORIA BALDINO VITTORIA BALDINO VITTORIA BALDINO VITTORIA BALDINO VITTORIA BALDINO Vittoria Baldino Vittoria Baldino Vittoria Baldino Vittoria Baldino Vittoria Baldino Vittoria Baldino

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI