VIENI AVANTI, BAFFINO! D'ALEMA, CHE HA VOTATO CONTE MA HA RIEMPITO LE LISTE DEM DI SUOI FEDELISSIMI, RISCHIA DI VINCERE IL CONGRESSO PD COME REGISTA OCCULTO DEL CAMPO LARGO E DELL’ALLEANZA TRA DEM E 5 STELLE – “IL RIFORMISMO È UNA PAROLA TALMENTE AMBIGUA DA ESSERE DIVENTATA IMPRONUNCIABILE” - "GIUSEPPI" È L'UNICO CHE ANCORA CHIEDE CONSIGLIO AL "LIDER MAXIMO" E SI FA INDIRIZZARE DA LUI SULLE SCELTE FONDAMENTALI: DALL'ADESIONE ALLA VIA DELLA SETA ALLA NOMINA DI DOMENICO ARCURI, DAI RIFORNIMENTI DI MASCHERINE E RESPIRATORI CINESI FINO ALLA LINEA PRO-PUTIN MASCHERATA DA PACIFISMO...

-

Condividi questo articolo


Laura Cesaretti per ilgiornale.it

 

MASSIMO DALEMA GIUSEPPE CONTE MASSIMO DALEMA GIUSEPPE CONTE

Può apparire surreale, nel 2022. Eppure c'è il rischio che a vincere il congresso del Pd (se e quando ci sarà) sia Massimo D'Alema. Non che a Baffino importi nulla del Pd: in questi giorni, l'ex premier coi baffi dice agli amici, tutto contento, che il 25 settembre si è ben guardato dal votare il partito che ha messo in lista e regalato posti ai suoi sottopancia di Articolo 1, il micro-partito di Speranza e Bersani: «Chi ho votato? Cinque Stelle».

 

Del resto Giuseppe Conte è l'unico che ancora gli chiede consiglio e si fa indirizzare da lui sulle scelte fondamentali: dall'adesione alla Via della Seta alla nomina di Domenico Arcuri e i rifornimenti di mascherine e respiratori cinesi fino, oggi, alla linea pro-Putin mascherata da pacifismo. E c'è sempre lo zampino di D'Alema dietro l'appello di Rosy Bindi e di altri perchè il Pd si sciolga e confluisca nel movimento peronista guidato da Giuseppe Conte.

Dalema Vespa e Conte a Vinitaly Dalema Vespa e Conte a Vinitaly

 

 

E però nel Pd, ancora frastornato dalla botta elettorale, sta emergendo un surreale dibattito secondo cui la questione delle alleanze (ossia dell'accettare l'abbraccio mortale di Giuseppe Conte, consegnandogli la leadership del centrosinistra) è prioritaria, e finchè questo non sarà chiarito è meglio tenere il segretario Enrico Letta al suo posto e congelare la discussione sui nomi dei possibili successori. Rinviando il congresso a data da destinarsi.

 

dalema contestato a bari dalema contestato a bari

A spingere in questa direzione sono tutti i capicorrente che vogliono bloccare l'ascesa dell'emiliano Stefano Bonaccini, visto come un pericoloso «riformista» para-renziano, inviso ai grillini (che non ha voluto nella sua coalizione) e con pericolose velleità da «rottamatore» dei gruppi di potere interni che finora hanno governato il partito. Da Dario Franceschini a Andrea Orlando, da Giuseppe Provenzano a Nicola Zingaretti: la spinta per congelare la situazione e far bruciare l'unico candidato già in campo è forte. Lo spiega il filo-grillino (e filo-dalemiano) Francesco Boccia: prima si decidono le alleanze, poi i nomi per la segreteria, perché «non possiamo produrre cavalli che partono senza sapere dove si sta andando. Bisogna evitare che ci siano candidati che dicono che ci si può alleare con tutti».

 

La meta deve essere Conte. E quindi meglio prender tempo, costringere Bonaccini alla rinuncia e cercare un nome alternativo che garantisca la permanenza del gruppo dirigente e la deriva filo-Cinque Stelle. «Quelli che ci hanno portato a sbattere inseguendo Conte, ora usano il fatto che siamo andati a sbattere per dire che avevano ragione loro e che bisogna andare con Conte», chiosa il siciliano Fausto Raciti.

 

MASSIMO DALEMA MASSIMO DALEMA

 

Condividi questo articolo

politica

“PSICO-NANO” UMILIATO DA “NANA BIONDA” – AL SUCCESSO DI FDI SI ACCOMPAGNA IL TRAMONTO DI FORZA ITALIA A MILANO, L’ANTICA ROCCAFORTE DOVE TUTTO EBBE INIZIO. - MA NON È SOLO IL CAVALIER POMPETTA A ESSERE TRAVOLTO DA QUESTO SLITTAMENTO DEI RAPPORTI DI FORZA, ANCHE LA LEGA RISCHIA LA STESSA SORTE - A DIFFERENZA DI SALVINI, RESTA IL FATTO CHE BERLUSCONI NON HA OGGI UN’ALTRA STRADA DA IMBOCCARE. SE L’ELETTORATO LIBERAL-CONSERVATORE, SPECIE AL NORD, SI SPOSTA A DESTRA, EGLI NE PORTA LA RESPONSABILITÀ…

"AGLI ITALIANI È PIACIUTO QUELLO CHE GIORGIA MELONI HA DETTO. E DEVO DIRE CHE È PIACIUTA ANCHE A ME” - OSPITE DI “TAGADÀ”, PETER GOMEZ SPOSA LA LINEA DURA DEL GOVERNO SUL CASO COSPITO: “I CITTADINI HANNO PERCEPITO LA FERMEZZA DELLO STATO ED È STATO UN GROSSO BOOSTER PER MELONI” - L’ATTACCO AI PARLAMENTARI DEL PD CHE HANNO FATTO VISITA AL TERRORISTA IN CARCERE: “ANDARE A PARLARE CON UN DETENUTO AL 41 BIS E SENTIRSI DIRE ‘PRIMA DI PARLARE CON ME, DOVETE ANDARE A PARLARE CON LORO’, CIOÈ TRE DETENUTI TRA CUI PIETRO RAMPULLA, ARTIFICIERE DELLA STRAGE DI CAPACI, SIGNIFICA NON CAPIRE CHE LA BATTAGLIA DI COSPITO È UNA BATTAGLIA ‘ANCHE PER CONTO DELLA MAFIA”