“O VINCE RENZI O VINCE IL PD: COME LA METTI, SARÀ UNA DOMENICA DI MERDA" - IRONIA SOCIAL SUL CONFRONTO TV, MENTANA: “SEMBRAVA UNA SIT-COM CON SANDRA E RAIMONDO: A SINISTRA RENZI, A DESTRA ORLANDO, IN MEZZO UN ARMADIO!" - LA BATTUTA DI PIERACCIONI – A "EDICOLA FIORE" RENZI CONFESSA: "MACCHE’ POSTER DEI DURAN DURAN, A 15 ANNI AVEVO QUELLO DI SAMANHA FOX…" - TOTTI: "E IO QUELLO DI CICCIOLINA" - -

Condividi questo articolo

IL CONFRONTO RENZI ORLANDO EMILIANO IL CONFRONTO RENZI ORLANDO EMILIANO

Paolo Bracalini per il Giornale

 

Per il comico fiorentino Leonardo Pieraccioni, uno che non ha mai risparmiato battute sull'ex premier («In una coppia lui potrebbe fare il comico e io la spalla») il terzetto Renzi-Emiliano-Orlando in tv evoca una precisa analogia cinematografica: «I'Perozzi, ì Professor Sassaroli ei' Necchi», tre personaggi del monicelliano Amici Miei, film comico ma a sfondo tragico.

 

IL CONFRONTO RENZI ORLANDO EMILIANO IL CONFRONTO RENZI ORLANDO EMILIANO

Più o meno gli stati d'animo procurati agli spettatori, non moltissimi, del «triello» tra i candidati alla segreteria Pd: tra Tv8 e i due canali di SkyTg24, lo share non ha raggiunto neppure il 3% (precisamente il 2,78%), tre volte meno dell'ennesima replica del Trinità Bud Spencer e Terence Hill. Poca roba, scarso pathos, modesto interesse per le vicende del Pd, con un confronto tv che a Enrico Mentana ricorda non Amici Miei ma «la sit-com con Sandra e Raimondo: a sinistra Renzi, a destra Orlando, in mezzo un armadio!» scherza il direttore del TgLa7 a Un giorno da pecora. Basti pensare che nel 2012 il duello finale sulla Rai tra Renzi e Bersani - altri tempi - fece il botto con 6,5 milioni di spettatori e uno share del 22,8%. In compenso sui social - segnalano da Sky - il confronto è stato «l'avvenimento televisivo più commentato della giornata» e l'hashtag ufficiale #ConfrontoSkyTg24 con 18.219 citazioni è stato il più utilizzato nella giornata».

maratona mentana maratona mentana

 

Una novità rispetto all'interesse medio manifestato dai social per le primarie Pd, come nota l'osservatorio di IlSocialPolitico.it: «Nelle ultime 3 settimane nessun hashtag correlato alle competizione interna del Partito democratico si è mai trovato nella top ten degli argomenti più discussi nella twitter-sfera italiana». Con la sfida televisiva invece qualcosa si è mosso. Citazioni e tweet (più di 30mila), spesso a presa per i fondelli per il dibattito non sempre travolgente tra Renzi, il governatore pugliese Emiliano e il ministro Orlando.

 

maradona mentana maradona mentana

«Non vedevo un dibattito così avvincente da Tribuna politica Basilicata 1998» sfotte Nonleggerlo. Anche Arsenale K infierisce: «Il confronto su Sky fra Renzi, Orlando, ed Emiliano è stato talmente noioso che ho sentito addirittura la mancanza di Civati». Il blog satirico Spinoza trova innumerevoli spunti satirici nella sfida tv. Dal brio generale della discussione: «Il confronto tra Renzi, Emiliano e Orlando è avvincente come guardare il microonde in funzione». All'efficacia dei candidati: «Dopo questa prima fase di confronto tra Renzi, Emiliano e Orlando i sondaggi danno in leggero vantaggio D'Alema». Dalle reali chances degli avversari di Renzi: «Emiliano si conferma il candidato ideale per il ruolo di nuovo Tabacci».

RENZI E PIERACCIONI RENZI E PIERACCIONI

 

Al ruolo enigmatico di Orlando, ex ministro renziano ora non renziano: «È il momento delle domande fatte dai sostenitori. Orlando ha preparato la sua per Renzi». Nientetv pubblica le immagini del confronto che «nessuno ha avuto il coraggio di mostrarti»: un montaggio in cui Matteo Renzi compete con altri due Renzi, vincendo la sfida con se stesso tra gli applausi del pubblico. Ficarra e Picone citano Orlando: «Domenica o vince Renzi o vince il Pd». Ma solo per chiosare: «Come la metti, sarà una domenica di merda».

TOTTI FIORELLO 1 TOTTI FIORELLO 1

TWEET DIBATTITO PRIMARIE PD TWEET DIBATTITO PRIMARIE PD TWEET DIBATTITO PRIMARIE PD TWEET DIBATTITO PRIMARIE PD TWEET DIBATTITO PRIMARIE PD TWEET DIBATTITO PRIMARIE PD matteo renzi matteo renzi

 

Condividi questo articolo

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”