VLAD, NON FARE CAZZATE ATOMICHE! – ALLA TRASMISSIONE “60 MINUTES”, JOE BIDEN HA FATTO SAPERE CHE DIREBBE A VLADIMIR PUTIN “NON FARLO, NON FARLO” SE IL PRESIDENTE RUSSO DECIDESSE DI RICORRERE ALLE ARMI NUCLEARI, MESSO ALLE STRETTE DALLA RISCOSSA UCRAINA SUL CAMPO – “QUESTO CAMBIEREBBE IL CORSO DELLA GUERRA COME MAI NESSUNA COSA DAI TEMPI DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

PUTIN BIDEN PUTIN BIDEN

(Adnkronos) - "Non farlo, non farlo, non farlo". E' questo che Joe Biden direbbe a Vladimir Putin se il presidente russo, messo alle strette dalla riscossa ucraina sul campo, decidesse di fare ricorso alle armi nucleari. Rispondendo alle domande di '60 minutes', il presidente americano ha aggiunto che una mossa del genere di Putin cambierebbe "il corso della guerra come mai nessuna cosa dai tempi della Seconda Guerra Mondiale".

 

E all'intervistatore che gli chiedeva quali sarebbero le conseguenze di un'azione del genere da parte di Putin, Biden ha risposto: "pensa che io le direi se sapessi esattamente quali sarebbero? Ovviamente non starò a dirle, ci saranno conseguenze".

 

VLADIMIR PUTIN JOE BIDEN - ILLUSTRAZIONE TPI VLADIMIR PUTIN JOE BIDEN - ILLUSTRAZIONE TPI

I russi, ha aggiunto nell'intervista che sarà trasmessa domenica e di cui la Cbs ha dato delle anticipazioni, "diventerebbero sempre più dei paria nel mondo e a seconda della portata di quello che hanno fatto si determinerebbe la risposta da dare".

PUTIN E BIDEN PUTIN E BIDEN incontro virtuale joe biden vladimir putin incontro virtuale joe biden vladimir putin JOE BIDEN VLADIMIR PUTIN MEME JOE BIDEN VLADIMIR PUTIN MEME vladimir putin joe biden ginevra vladimir putin joe biden ginevra

 

Condividi questo articolo

politica

“NON SI CHIEDE A UN PRIMO MINISTRO SE HA IMPARATO UNA LEZIONE” – BRUNO VESPA, OSPITE DI FORMIGLI A “PIAZZAPULITA”, DÀ UNA SCUDISCIATA AI GIORNALISTI CHE ALLA CONFERENZA STAMPA CON LA MELONI SI SONO INCAZZATI PER LE POCHE RISPOSTE DELLA PREMIER: “IO NON SO COME ALTRI AVREBBERO RISPOSTO. LA DOMANDA SI FA PER SAPERE LE COSE. IL CASO SAVIANO? QUELLO DI CUI UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NON PUÒ FARE A MENO È DENUNCIARE UNA PERSONA CHE AFFERMA CHE È CORRESPONSABILE DELLA MORTE DI UN BAMBINO IN MARE. SI CHIAMA ATTRIBUZIONE DEL FATTO DETERMINATO…”

AMARO LUCANO PER SOUMAHORO - LA LEGA ALL’ATTACCO SUGLI INTRECCI TRA IL COSIDDETTO “MODELLO RIACE” DI LUCANO E QUELLO DELLA FAMIGLIA DI SOUMAHORO. IL CONSORZIO AID AL CENTRO DELL'INCHIESTA HA AVUTO SEDE IN QUELLO DELLA COOP IN CALABRIA DI UN IMPRENDITORE, CARMINE FEDERICO, INDAGATO DALLA CORTE DEI CONTI INSIEME ALL'EX SINDACO DI RIACE. FEDERICO HA FIRMATO INOLTRE I BILANCI DELLA SUOCERA DI SOUMAHORO. IL LEGHISTA TRIPODI: "E’ IL SISTEMA LATINA. I FATTI CI STANNO DANDO RAGIONE"

DAGOREPORT! CHIAMATELO MISTERO DEL TESORO, ANZICHÉ MINISTERO - L’ENIGMA È IL FUTURO DEL DIRETTORE GENERALE, ALESSANDRO RIVERA. PUR INVISO A SALVINI E MELONI, IL FLEBILE MINISTRO GIORGETTI NON VUOLE ACCOMPAGNARLO ALLA PORTA. COSÌ IL TETRO PALAZZONE DI VIA XX SETTEMBRE SI È DI NUOVO SPACCATO IN DUE: DA UNA PARTE IL TESORO CAPITANATO DAL LEGHISTA SENZA QUALITÀ, DALL’ALTRA LE FINANZE NELLE MANI DEL VICE-MINISTRO MAURIZIO LEO, FEDELISSIMO DI GIORGIA - OVVIAMENTE LEO, QUELLO CHE GLI DICE GIORGETTI GLI ENTRA DA UNA PARTE E GLI ESCE DALL’ALTRA E, IN SOSTANZA, FA IL MINISTRO “OCCULTO” DELLE FINANZE