VORREI MA NON POS – L'80% DELLE TRANSAZIONI CON CARTA IN ITALIA È SOTTO I 60 EURO. E COSÌ, CON L’INNALZAMENTO DEL TETTO PER I PAGAMENTI DIGITALI INSERITO DAL GOVERNO IN MANOVRA, I COMMERCIANTI ESULTANO E GLI ESPERTI TEMONO L’EFFETTO LIBERI-TUTTI (VEDI ALLA VOCE: EVASIONE) – MA QUANTO COSTANO DAVVERO I PAGAMENTI DIGITALI AGLI ESERCENTI? IN MEDIA LO 0,7% DELLA TRANSAZIONE, MENO DI OLANDA (1,4%), GERMANIA (1,3%) O REGNO UNITO (0,8%)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Flavio Bini e Raffaele Ricciardi per “la Repubblica”

 

PAGAMENTI CON IL POS PAGAMENTI CON IL POS

Otto pagamenti con carta su dieci sono sotto i sessanta euro. È questa la mole di operazioni sulla quale la manovra del governo Meloni disarma i consumatori, mettendo al riparo dalle multe gli esercenti che negano loro il Pos. «Non vedo l'ora che arrivi il primo gennaio per accettare solo pagamenti da 60 euro in su», dice un tassista pasdaran della cartamoneta, sulla strada tra l'aeroporto di Linate e il centro di Milano. «Dovrà abituarsi a girare coi contanti», avverte.

 

PAGAMENTI CON IL POS 2 PAGAMENTI CON IL POS 2

Non tutti credono, però, a questo estremismo. Certo si teme l'effetto liberi-tutti. «L'auspicio è che la manovra non abbia conseguenze drammatiche sulle abitudini a pagare digitale che gli italiani hanno assimilato - spiega la direttrice dell'Osservatorio Innovative payments del Politecnico di Milano, Valeria Portale -. Ma è un segnale culturale negativo: i pagamenti elettronici abilitano servizi innovativi, oltre ad essere un deterrente per gli evasori. C'è in gioco la modernità del Paese».

 

PAGAMENTI CON IL POS 3 PAGAMENTI CON IL POS 3

D'altra parte, è vero che le sanzioni attuate dal governo Draghi sono in vigore solo da luglio. E la crescita dei pagamenti digitali viene da prima: quest'anno potrebbero sfondare quota 400 miliardi, avvicinando il 40% del totale delle spese. Ma togliere il deterrente delle multe, insieme all'innalzamento a cinquemila euro del tetto all'uso del contante, dà un chiaro messaggio ai naviganti. «Scelte politiche», le bolla il leader della Confindustria, Carlo Bonomi. […]

 

Quel che molti lamentano è il peso dei costi. Davvero strozzano le attività? Di norma, i contratti con le banche prevedono due voci: un canone mensile, se presente, e le commissioni sulle singole transazioni. A cui si può aggiungere il prezzo d'acquisto del Pos. Ci sono sempre più offerte, poi, di nuovi operatori fintech. Alcuni non hanno il canone, ma le commissioni salgono: pacchetti buoni per chi fa poche transazioni. Secondo le statistiche Global Data, gli esercenti italiani pagano lo 0,7%, meno di Olanda (1,4%), Germania (1,3%) o Regno Unito (0,8%).

 

PRELIEVO BANCOMAT 2 PRELIEVO BANCOMAT 2

Ma è un numero limato al ribasso dal peso della Gdo, che spunta condizioni migliori dei piccoli. Spulciando le offerte delle banche, saliamo tra l'1 e il 2%. «Se hai un ampio giro d'affari, possono offrirti anche il Pos gratis - segnala Stoppani - ma per il piccolo esercente le spese di noleggio e manutenzione sono consistenti». Dietro i registratori di cassa, le posizioni si fanno sfumate.

 

Un ciclista in zona Navigli, a Milano, tira fuori il contratto. «Due euro e novanta al mese di canone, più una commissione dello 0,9% sul transato con bancomat e carte di credito: 1.400 euro su dieci mesi di apertura piena. Per la mia attività è sostenibile, ma per altre che lavorano tirando al massimo i prezzi per restare competitivi non è scontato». Luigi, titolare di un ristorante, fa parte di quelli che non lo vivono come un peso: «Pago lo 0,39% sui pagamenti con bancomat, lo 0,79% per quelli con Visa e salgo al massimo all'1,5% per quelli con American Express; nessun canone se arrivo ad almeno 6000 euro di transato, di che cosa stiamo parlando?». […]

matteo salvini giorgia meloni conferenza stampa sulla manovra matteo salvini giorgia meloni conferenza stampa sulla manovra

 

A puntellare i bilanci degli esercenti gioca il credito d'imposta al 30% su queste voci e, per tutto l'anno prossimo, un contributo fino a 50 euro per acquistare i dispositivi. Molti istituti, poi, hanno azzerato i costi per le transazioni di importo minore. Ma si tratta di offerte a tempo e Stoppani chiede interventi strutturali, «perché sulle microtransazioni si rischia di vedersi mangiare tutto il margine».

giorgia meloni matteo salvini conferenza stampa sulla manovra giorgia meloni matteo salvini conferenza stampa sulla manovra giorgia meloni matteo salvini conferenza stampa sulla manovra giorgia meloni matteo salvini conferenza stampa sulla manovra

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO

DAGOREPORT: IL DELITTO PAGA SEMPRE (PURE IN VATICANO) - IL DUO BERGOGLIO-PAROLIN AVEVA DEPOSTO MONSIGNOR ALBERTO PERLASCA DA RESPONSABILE DELL'UFFICIO ECONOMICO DELLA SEGRETERIA DI STATO, ALL’INDOMANI DELLO SCANDALO DELLA COMPRAVENDITA DEL PALAZZO LONDINESE. ACQUA (SANTA) PASSATA: IL TESTIMONE CHIAVE DEL PROCESSO BECCIU, IN OTTIMI RAPPORTI CON FRANCESCA CHAOUQUI E GENOVEFFA CIFERRI, E’ STATO RINOMINATO PROMOTORE DI GIUSTIZIA AGGIUNTO AL SUPREMO TRIBUNALE DELLA SEGNATURA APOSTOLICA, CHE FUNGE ANCHE DA TRIBUNALE AMMINISTRATIVO PER TUTTA LA CHIESA - DOPO IL CARDINALE BECCIU, CHISSÀ A CHI TOCCHERÀ...