L'INGHILTERRA HA BELLINGHAM, IL BRASILE HA ENDRICK, LA SPAGNA HA PEDRI, GAVI E LAMINE YAMAL: E L'ITALIA? - ALL'ESTERO I GIOVANI GIOCANO E VENGONO VALORIZZATI, DA NOI INVECE C'E' PAURA DI "BRUCIARLI" - LA MEDIA PRESENZE IN SERIE A DEI NOSTRI UNDER 21 È LA PIÙ BASSA TRA I CINQUE PRINCIPALI CAMPIONATI E MOLTI DEVONO ANDARE ALL'ESTERO PER TROVARE SPAZIO - MA SE NON SI DA’ NEMMENO UNA CHANCE A QUELLI BRAVI O PROMETTENTI, NON SORPRENDIAMOCI DEL FATTO CHE SONO ANNI CHE L'ITALIA NON SFORNA "FENOMENI"…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Maurizio Crosetti per “la Repubblica”

endrick endrick

 

[…] All’età in cui i nostri figli vanno al liceo, quegli altri vanno al Real Madrid. Mentre i ragazzi italiani di belle speranze svernano in panchina, in tribuna o all’estero, il 16enne Lamine Yamal, spagnolo del Barcellona, è già una star da 200 milioni di euro (li ha offerti, invano, il Psg). E quando quel matusalemme di Mbappé andrà davvero al Real, il pubblico parigino lo avrà già dimenticato grazie agli estri di Warren Zaire-Emery, 18enne sfavillante che abita a centrocampo ma occupa l’intero condominio della squadra.

warren zaire emery warren zaire emery

 

Se poi andiamo all’ufficio anagrafe Uefa e ci mettiamo in coda allo sportello dei certificati di nascita, scopriremo che autentici campioni come Jude Bellingham, Jamal Musiala e Florian Wirtz oscillano ormai tra i 20 e 21 anni, età che ai calciatori italiani sembra proibita, come se un maleficio l’avesse cancellata. Non si riescono più a trovare ragazzi di quell’età convocabili nella nazionale di categoria.

 

simone pafundi simone pafundi

[…] Sul futuro siamo in ritardo, lo abbiamo preso in giro. Basti l’esempio di Simone Pafundi, del quale l’ex ct Mancini disse: «È un talento incredibile, per me c’è Pafundi e poi tutti gli altri». Ebbene, il ragazzo nato a Monfalcone e cresciuto a Udine, per giocare è andato al Losanna. Senza offesa, non proprio il cuore del calcio. Oppure Francesco Camarda, che quando aveva 15 anni, 8 mesi e 15 giorni (era il 25 novembre scorso), con la maglia del Milan diventò il più giovane esordiente in serie A della storia. […] Ma dopo? Panchina, aspettare e poi si vedrà.

 

italia under 21 italia under 21

Per non invecchiare senza mai essere stato giovane, Cesare Casadei è passato dall’Inter al Chelsea, dove però non ha avuto spazio: per lui, sei mesi al Leicester e ritorno a Londra, dov’è riserva. Anche Tommaso Baldanzi, alla Roma, resta a guardare: riserva in giallorosso e nella Under 21. Girare al largo non sempre giova: Wilfried Gnonto è al Leeds, ha 20 anni e fa parte delle foche monache del nostro calcio, cioè gli attaccanti quasi estinti: una grana che andrà ben oltre i prossimi Europei.

 

italia under 21 italia under 21

[…] Intanto, la media presenze in A dei nostri Under 21 è la più bassa tra i cinque principali campionati: ma i ragazzi giocano poco perché hanno poco talento, o hanno poco talento perché giocano poco? […]  anche se l’introduzione delle formazioni Under 23 ha ampliato qualche prospettiva, almeno per Juventus e Atalanta, le uniche ad aver aderito al progetto, la Youth League sposta poco. Per cercare vivai d’avanguardia bisogna andare in Belgio, Austria e Portogallo. L’Italia? È diventata provincia del futuro.

pedri pedri pau cubarsi pau cubarsi italia under 21 italia under 21 italia under 17 italia under 17 italia under 19 italia under 19 italia under 19 italia under 19 italia under 20 italia under 20 jude bellingham jude bellingham lamine yamal gavi lamine yamal gavi jude bellingham jude bellingham

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)