L'INTER NON MOLLA E RITORNA A MENO SETTE DAL MILAN - I NERAZZURRI TORNANO ALLA VITTORIA A EMPOLI DOPO LO STOP CON LA LAZIO E IL PARI CON LA JUVE – LA ROMA RIBALTA IL CAGLIARI GRAZIE A UN SUPER PELLEGRINI (TRAVERSA, ASSIST E GOL) - LA LAZIO RIESCE A BATTERE LA FIORENTINA 1-0 CON UN LAMPO DI PEDRO. SARRI SCHIERA LUIS ALBERTO DAL PRIMO MINUTO…

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

pellegrini pellegrini

Dopo la sconfitta casalinga della Juventus contro il Sassuolo, finiscono le sorprese del mercoledì del campionato italiano. Vincono Roma Lazio e Inter. La Roma di Mourinho conserva il quarto posto in classifica e lo fa vincendo in rimonta a Cagliari. Subisce il gol di Pavoletti, poi segnano Ibanez (su angolo di Pellegrini) ed è lo stesso Pellegrini a portare in vantaggio i giallorossi su punizione. Il capitano ha colpito una traversa sull’1-0. Mourinho dà spettacolo anche in tribuna.

 

L’Inter vince facile a Empoli: 2-0 e consolida il terzo posto.

 

 

 

 

EMPOLI IINTER

Luca Taidelli per gazzetta.it

 

pedro pedro

L'Inter reagisce nel modo migliore alla beffa via Var contro la Juve. A Empoli serviva vincere per non perdere altro terreno dalla vetta, D'Ambrosio e Dimarco provvedono. Una gara di sostanza (facilitata dal rosso a Ricci a inizio ripresa), tanto che dopo oltre due mesi Handanovic torna a tenere inviolata la porta. Per i fronzoli ripassare più tardi. La sensazione è che l'harakiri contro la Lazio abbia segnato una svolta anche nell'atteggiamento della squadra, ora meno sbilanciata e più solida. Dopo essere stati per una notte a -10 dal Milan, ora i nerazzurri devono battere l'Udinese e tifare Mourinho per apparecchiarsi un derby di fuoco, il 7 novembre.

 

LE SCELTE

empoli inter d'ambrosio empoli inter d'ambrosio

Turno infrasettimanale chiama turnover. Andreazzoli tiene in panchina Haas e punta su Zurkowski, con Bajrami dietro alla coppia Cutrone-Pinamonti. Inzaghi (in tribuna per squalifica) fa riposare due intoccabili come Skriniar e Dzeko a favore di D'Ambrosio e Sanchez, entrambi all'esordio dal 1'. Dimarco prende il posto di Perisic, Gagliardini quello di Calhanoglu. In attacco guida Lautaro.

 

PRIMO TEMPO—   L'avvio è un film già visto per i campioni d'Italia in trasferta. Come a Verona, Firenze e Reggio, l'avversario azzanna la partita e l'Inter fatica ad allentare la pressione, sporcando troppe uscite. Anche perché Brozovic, la fonte del gioco nerazzurro, ormai viene marcato come se fosse Lewandowski. L'Empoli spinge anche con i terzini: Parisi innesca subito l'ex Pinamonti, chiuso bene da Bastoni; Stojanovic scalda i guantoni ad Handanovic, salvato poi da D'Ambrosio che si immola su Luperto, lasciato solo a centro area e libero di controllare e calciare.

 

Solo a metà frazione Dimarco bussa con un mancino smanacciato da Vicario. Non appena i padroni di casa abbassano il ritmo però D'Ambrosio (che rischia per un contatto in area su Bajrami) diventa decisivo anche nell'area opposta. Al 34' rompe la ripartenza, serve Sanchez e si inserisce beffando Vicario con un colpo di testa sulla pennellata morbida del cileno. Il gol, meno facile di quanto sembri perché la palla era molle ed è servita una gran frustata, è una mazzata per Bajrami&C. e gasa gli ospiti, che nel finale di tempo diventano arrembanti con Barella che si decide a cambiare marcia. Se il palo dell'azzurro era viziato da fuorigioco, Sanchez e Lautaro vanno vicini al 2-0 sempre su azioni innescate dalla sinistra, con Dimarco protagonista.

empoli inter d'ambrosio dumfries empoli inter d'ambrosio dumfries

 

SECONDO TEMPO—   Nessun cambio nell'intervallo, ma stavolta l'Inter esce dai blocchi più convinta e al 51' va in vantaggio anche di un uomo. Chiffi infatti mostra il rosso diretto a Ricci per un'entrata scomposta su Barella. Andreazzoli tampona con Haas, ma non toglie una punta bensì Bajrami e resta in piedi solo perché Sanchez segna in fuorigioco sulla stoccata di Darmian, che poi crossa per Gagliardini, il quale a colpo sicuro di testa centra il palo. Il miracolo di Vicario su Lautaro e il diagonale di Brozovic a fil di palo certificano il dominio interista. Il tempo di pensare che però certe gare una grande squadra le chiude che Dimarco sul secondo palo scarta la caramella del Toro e al 66' fa 2-0. Andreazzoli ne cambia tre in un colpo (fuori Cutrone, Bandinelli e Zurkowski per Mancuso, Asllani ed Henderson), mentre Inzaghi risparmia il finale all'ammonito Brozovic - al solito monumentale per come taglia e cuce - e a Sanchez con Vecino e Correa. Entra solo nei minuti finali Dzeko, che sarà fondamentale nei prossimi dieci giorni per il tris Udinese, Sheriff e Milan.

simone inzaghi foto mezzelani gmt025 simone inzaghi foto mezzelani gmt025

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute