C'È POCO DA STARE ALLEGRI - SE LE PRESTAZIONI HORROR DELLA JUVE E LE DUE STAGIONI CONSECUTIVE CON "ZERU TITULI" NON SONO SERVITE A METTERE IN DISCUSSIONE IL FUTURO DI MAX ALLEGRI, SONO BASTATE POCHE PAROLE DI "ACCIUGHINA" A FAR INFURIARE LA PROPRIETÀ BIANCONERA - JOHN ELKANN NON AVREBBE GRADITO LA FRASE PRONUNCIATA DOPO LA PARTITA CON EMPOLI ("L’ANNO PROSSIMO LA JUVE NON PUÒ COMPETERE PER VINCERE") - IL CAPO DI EXOR GLI AVREBBE DATO UN ULTIMATUM: DOVRÀ CONQUISTARSI SUL CAMPO LA QUALIFICAZIONE IN EUROPA (UEFA PERMETTENDO), ALTRIMENTI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo diDavide Pisoni per “il Giornale”

 

jaki elkann allegri jaki elkann allegri

Più dei fatti, del gioco, delle cento e passa formazioni cambiate in due anni, è a parole che Massimiliano Allegri ha messo in discussione la sua panchina. Succede tutto […] da Empoli dove lo sfogo emotivo contro le montagne russe della giustizia sportiva ha fatto passare in secondo piano una frase, che però non è sfuggita ai piani alti della società: «L’anno prossimo la Juve non può competere per vincere».

MASSIMILIANO ALLEGRI MASSIMILIANO ALLEGRI

 

Un concetto che John Elkann non vuole venga accostato alla Signora. Da qui il messaggio: «Ho parlato con il nostro allenatore Massimiliano Allegri. Sente la responsabilità della nostra storia ed è determinato ad affrontare le due prossime partite per meritare l’Europa sul campo». Un arco temporale fissato in dieci giorni, tra il Milan e l’Udinese, poi si tireranno le somme. Non siamo all’esonero, alla separazione unilaterale, ma sicuramente l’intesa tra Elkann e Allegri non è la stessa di quando il capo di Exor gli diede pieni poteri di gestione nei giorni traumatici dell’addio di Andrea Agnelli, quando comunque la Juve già veleggiava a dieci punti dal Napoli ed era fuori dalla Champions con cinque gare su sei perse. E prima di Empoli, c’era stata Siviglia.

 

JOHN ELKANN JOHN ELKANN

E l’eliminazione dell’Europa league e la conseguente stagione a zero titoli, avevano distratto da un’altra frase «pericolosa» di Allegri riferita all’inesperienza dei giovani come spiegazione della sconfitta e conseguente riflessione sul progetto Next Gen, che non è ugualmente piaciuta ai vertici della Juventus. E prima di Siviglia, c’era stato San Siro, l’Inter, la coppa Italia con annessi e connessi di un dopogara ad alta tensione. Spia di un nervosismo latente […]

massimiliano allegri massimiliano allegri

 

se si dovesse decidere di salutare Max, non si cercherebbero Antonio Conte e Luciano Spalletti, ma un profilo emergente identificabile con Tudor (che ha portato in zona Champions il Marsiglia) e Thiago Motta (che ha rilanciato il Bologna), in seconda battuta Dionisi del Sassuolo. Anche perché oltre a Di Maria e Rabiot la rifondazione potrebbe chiedere il sacrificio di un big (Vlahovic, Chiesa?) oltre a basarsi sui giovani[…]

jaki elkann allegri jaki elkann allegri john elkann e massimiliano allegri foto mezzelani gmt 198 john elkann e massimiliano allegri foto mezzelani gmt 198 MASSIMILIANO ALLEGRI CON JOHN ELKANN E ANDREA PIRLO SULLO SFONDO MASSIMILIANO ALLEGRI CON JOHN ELKANN E ANDREA PIRLO SULLO SFONDO ALLEGRI DI MARIA ALLEGRI DI MARIA massimiliano allegri massimiliano allegri allegri allegri MASSIMILIANO ALLEGRI MASSIMILIANO ALLEGRI allegri allegri allegri allegri max allegri max allegri jaki elkann allegri jaki elkann allegri agnelli allegri elkann agnelli allegri elkann

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"