L'ULTIMA MOURINHATA: "HO VINTO 25 TROFEI E MEZZO". ECCO QUALE SAREBBE LA META' MANCANTE - LO SPECIAL ONE, OSPITE AL "LATE LATE SHOW" DI JAMES CORDEN, RACCONTA ANCHE DEL SUO FUTURO ALLA ROMA E SI ARRUFFIANA I FRIEDKIN: "HO AVUTO LA SENSAZIONE DI LAVORARE NON PER LORO, MA CON LORO" - POI SVELA DI AVER RIFIUTATO LA PANCHINA DELL'INGHILTERRA...

-

Condividi questo articolo


 

Da Tuttosport.com

 

Mourinho 5 Mourinho 5

In attesa di sedersi ufficialmente sulla panchina della Roma, José Mourinho si confessa via Zoom con James Corden, conduttore del noto talk show statunitense "Late Late Show". Lo "Special one" definisce «eccitante» la sua nuova avventura in giallorosso.

 

Mourinho spiega di «aver trovato subito il feeling giusto con la proprietà (Dan e Ryan Friedkin, n.d.r.) che ha avuto un ottimo approccio, ho avvertito la sensazione di lavorare non per loro, ma con loro. C'è molto lavoro da fare, ma Zoom ha reso le cose più facili. Non mi piace fare telefonate. Mi piace vedere le persone».

 

James Corden James Corden

Poi racconta la sua esperienza al Manchester United: «Abbiamo vinto tre trofei nella prima stagione, ma volevo di più. Io sono molto ottimista, ma anche molto realista e quando abbiamo vinto Europa League e Coppa di Lega ho capito che il passo successivo non non sarebbe stato sufficiente. Mi piace il Manchester United, i tifosi sono stati fantastici con me, ma io non mi accontento, le mie aspettative sono alte».

 

Mourinho dice di aver vinto 25 trofei e mezzo, l'altra metà mancante è relativa al Tottenham, il suo ultimo club dove ha chiuso con un esonero: «Il mezzo è la finale di Coppa di Lega che non ho giocato con il Tottenham. Avere la possibilità di vincere un trofeo con un club che non ne ha molti, era un sogno».

 

Il portoghese considera Harry Kane «uno dei migliori attaccanti del mondo ed è fantastica l'intesa che ha con Son», aggiungendo che magari a metà luglio il capitano inglese «potrebbe diventare campione d'Europa. Dove giocherà? Spero dove possa essere felice, è un giocatore da Premier League. Comunque l'Inghilterra può vincere l'Europeo, a parte la Francia che ha una rosa incredibile, non vedo una nazionale migliore delle altre».

 

Jose Mourinho Jose Mourinho

Mourinho svela che, quando ha lasciato il Chelsea, sarebbe potuto diventare il commissario tecnico dell'Inghilterra: «Ho pensato che fosse troppo presto. C'era anche la possibilità di allenare il Portogallo quando ero al Real Madrid. Era un'offerta pazzesca, ma è un tipo di lavoro part-time che credo andrà bene più avanti».

 

Mou e la Superlega

Mourinho non evita di parlare della Superlega: «Sapevo che questo progetto sarebbe venuto fuori, è stata incredibile la reazione della gente, sono un amante del calcio e quella risposta dei tifosi mi ha emozionato. Cosa avrei fatto da allenatore? Oggi noi manager non abbiamo un grande potere nei club, quella figura credo sia ormai scomparsa, noi possiamo solo dare la nostra opinione».

 

Corden Corden

Il miglior giocatore che non ha mai allenato è «Messi», la partita più coinvolgente «Benfica-Porto, per noi portoghesi è tutto. E' tribale, nord contro sud». La città preferita resta la sua Setubal, mentre la sua ossessione è il calcio: «Non ho giorni liberi. Non c'è un giorno in cui posso disconnettermi dal calcio e ignorare il telefono».

 

Mourinho 2 Mourinho 2

Poi il saluto a James Corden che sogna di vederlo al West Ham: «Non sono un uomo di un solo club, questo è chiaro - risponde Mourinho - sono un ragazzo di molti club, ma la Roma è il mio futuro».

Corden 2 Corden 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA PANDEMIA DA INCUBO – IL CORONAVIRUS HA CAMBIATO IL MODO IN CUI DORMIAMO E SOGNIAMO: IL 55% DEGLI ITALIANI HA AVUTO UN PEGGIORAMENTO DELLA QUALITA’ DEL SONNO – ALCUNI STUDI HANNO RIVELATO CHE DOPO EVENTI TRAUMATICI O STRESSANTI IL CONTENUTO DEI SOGNI TENDE A MODIFICARSI: “LA QUALITÀ EMOZIONALE SI È ORIENTATA VERSO CONTENUTI NEGATIVI, ANCHE IN RELAZIONE A DIFFICOLTÀ SUL POSTO DI LAVORO O IN FAMIGLIA. I DISTURBI DEL SONNO E DEI SOGNI SONO STATI OSSERVATI PIÙ DI FREQUENTE IN…”