AIFA-MO A BOTTE! - IL PRESIDENTE PALÙ VICINO ALLA LEGA VS IL DG MAGRINI IN QUOTA SPERANZA: AI VERTICI DELL'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO E’ UNO SCAZZO CONTINUO – LO SCONTRO SUGLI ANTICORPI MONOCLONALI – IL VICEMINISTRO SILERI DEMOLISCE MAGRINI: "TROPPE NOMINE SONO POLITICHE. GLI HO SCRITTO PIÙ VOLTE, SENZA OTTENERE RISPOSTE. QUANDO IN INGHILTERRA FU APPROVATO PFIZER PER VIA EMERGENZIALE, GLI CHIESI: PERCHÉ NON FACCIAMO LO STESSO? MI DISSE CHE…"

-

Condividi questo articolo


palù palù

Alessandro Trocino per il "Corriere della Sera"

 

Sulla carta i ruoli in campo sono chiari: scienziati e professori forniscono cifre e previsioni, i politici valutano, bilanciano gli interessi, e prendono decisioni. Peccato non sia così semplice, come si evince dal caso dell' Aifa, l' Agenzia italiana del farmaco, che dovrebbe muoversi sulla base di «verità» scientifiche ma nella quale c' è da mesi uno scontro che somiglia da vicino a un conflitto politico.

 

Sarà perché il presidente Giorgio Palù è considerato vicino alla Lega, mentre il direttore generale Nicola Magrini è dato in quota Roberto Speranza (Leu). Sarà perché l' Aifa è un ente che fa capo al ministero della Salute. Fatto sta che ogni decisione è oggetto di polemiche durissime. Anche nell' audizione alla Camera del 18 marzo il conflitto tra i due era evidente.

 

Per esempio, sugli anticorpi monoclonali. Palù, a «Piazza Pulita», ha detto in una sorta di fuori onda che la responsabilità di aver frenato sulla sperimentazione dei monoclonali dell' azienda americana Lilly era da attribuirsi a Magrini.

Nicola Magrini Nicola Magrini

 

«Forse perché abbiamo messo 380 milioni in un altro progetto toscano?» chiede la giornalista. Palù non smentisce.

 

Da Aifa si fa sapere che si frenava per non rompere il fronte europeo. E che il via libera alla sperimentazione, dopo quattro mesi persi, è stato dato dalla politica.

 

Lo stop ad AstraZeneca, ha spiegato Mario Draghi, non è stata una decisione politica.

 

GIORGIO PALU OSPITE DI TV7 1 GIORGIO PALU OSPITE DI TV7 1

Al contrario, hanno detto dall' Aifa. Insomma, politica e scienza ballano insieme e a ogni giro si scambiano di posto, fino a confondere i ruoli.

 

«Non fa bene all' italia - dice la dem Alessandra Carnevali - pensare che scelte di carattere tecnico-scientifico siano subordinate alla politica. Io non credo che sia così». Spiega Nino Cartabellotta, di Gimbe: «Aifa, come Iss e Agenas, sono enti istituiti, vigilati e finanziati dal ministero della Salute. Ovvero sono tre costole del ministero, che lavorano in modo autonomo, ma non possono essere definiti indipendenti». Il viceministro Pier Paolo Sileri - già protagonista a «Non è l' Arena» di una puntata molto critica verso Magrini - descrive così i due vertici: «Palù è uomo di scienza, ha un curriculum di tutto rispetto. Magrini è un amministratore, non ha curriculum di peso».

nicola magrini 2 nicola magrini 2

 

Sileri non è tenero con Magrini: «Gli ho scritto più volte, senza ottenere risposte. Quando in Inghilterra fu approvato Pfizer per via emergenziale, gli chiesi: perché non facciamo lo stesso? Mi disse che non si poteva.

 

Però, poi, con le monoclonali si è fatto». Troppe nomine, aggiunge Sileri, «sono politiche». Magrini è stato riconfermato da Speranza. Ma è sotto attacco, non solo da destra.

 

Domani i governatori daranno il loro parere. Consultivo, certo, ma un «no» non è affatto escluso.

pierpaolo sileri pierpaolo sileri roberto speranza roberto speranza

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE  - AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO - SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''? - IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...