GLI AMERICANI TENTATI DAL DIAVOLO - IL FONDO D'INVESTIMENTI AMERICANO REDBIRD ACCELERA PER L'ACQUISTO DEL MILAN E ALZA L'OFFERTA DA 1 MILIARDO A 1,3 MILIARDI - LA SOCIETA' AVREBBE UNA STRUTTURA FINANZIARIA PIÙ CONVINCENTE RISPETTO A QUELLA DI INVESTCORP, CHE HA CONGELATO LA TRATTATIVA CON ELLIOTT - I NUOVI PROPRIETARI DOVREBBERO CONFERMARE MALDINI E MASSARA, MENTRE ELLIOTT RIMARREBBE ALL’INTERNO DEL CLUB COME AZIONISTA DI MINORANZA (SCARONI NON MOLLA)…

-

Condividi questo articolo


Marco Pasotto per www.gazzetta.it

 

redbird capital partners redbird capital partners

Dopo qualche settimana di silenzio quasi assoluto (comprensibile) e di attesa (apparente), la cessione societaria del Milan riprende vigore. Molto vigore. Talmente vigore da registrare il sorpasso – netto, probabilmente definitivo – della società d’investimento americana RedBird Capital Partners su Investcorp, fondo del Bahrain che fino a poco tempo fa pareva in dirittura d’arrivo per l’acquisizione del club rossonero, dopo aver concluso positivamente la due diligence.

redbird capital partners milan redbird capital partners milan

 

CAMPO LIBERO

I giorni caldi per lo scudetto sono quindi diventati anche quelli bollenti per la compravendita del Diavolo, sulla base di tre fattori decisivi. Il primo: RedBird avrebbe alzato la sua offerta da 1 miliardo a 1,3 miliardi di euro. Il secondo: la struttura finanziaria dell’operazione presentata da RedBird sarebbe più convincente rispetto a quella di Investcorp, cosa che lascerebbe di fatto campo libero al semaforo verde per il fondo americano.

investcorp milan 2 investcorp milan 2

 

Terzo, e non certo ultimo: Investcorp ha congelato la trattativa con Elliott. L’offerta da 1,18 miliardi di euro non è quindi stata ritenuta sufficiente da Elliott anche se il nodo della faccenda non sarebbe quindi la cifra complessiva dell’operazione. Quanto meno, non solo. Bensì le modalità con cui l’operazione verrebbe portata a termine e, probabilmente, il grado di coinvolgimento di Elliott.

 

redbird capital partners redbird capital partners

ESPERIENZA

Il fondo dei Singer, infatti, rimarrebbe all’interno del club come azionista di minoranza. Un modo per garantire continuità aziendale (sebbene RedBird, a differenza di Investcorp, abbia già notevole esperienza nel mondo dello sport) e, allo stesso tempo, avere ancora voce in capitolo sulla questione stadio. Le tempistiche? Signing, ovvero firma del contratto preliminare, a cavallo tra maggio e giugno. Quindi, se tutto verrà confermato nei prossimi giorni, ci siamo.

casa milan casa milan

 

Fondata nel 2014, RedBird gestisce 6 miliardi di dollari di capitale (che a breve diventeranno 11) tra servizi finanziari e mondo dello sport. L’anno scorso per esempio aveva acquisito una partecipazione di poco più del 10% nel Fenway Sports Group (FSG), ovvero i proprietari del Liverpool, per 750 milioni di dollari. Parlavamo di continuità aziendale. Ebbene, questa sarebbe garantita anche attraverso la conferma del management dell’area sportiva, ovvero del d.t. Maldini e del d.s. Massara.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute