ARRIVA LA CHAMPIONS: QUANTO VALGONO LE MILANESI? – LA TERZA PARTITA DEL GIRONE DI CHAMPIONS È GIÀ DETERMINANTE PER INTER E MILAN, SENZA VITTORIA DOPO I PRIMI DUE MATCH – PER IL MILAN UN’EVENTUALE ELIMINAZIONE SAREBBE “GIUSTIFICATA” DALL'ESSERE FINITO NEL GIRONE PIÙ DIFFICILE DEL TORNEO, MENTRE L’INTER DEVE EVITARE LA FIGURACCIA CONTRO LO SHERIFF TIRASPOL, CHE HA BATTUTO SHAKHTAR E REAL ED E' PRIMO NEL GIRONE…

-

Condividi questo articolo


Stefano Scacchi per “La Stampa”

 

inter real madrid 3 inter real madrid 3

Nove anni per tornare a giocare insieme in Champions League, una sera per non abbandonare il palcoscenico al primo atto. Per Inter e Milan la terza partita del girone è già determinante dopo i primi 180 minuti senza vittorie, con appena un punto conquistato in due, quello dell'Inter con lo Shakhtar Donetsk a Kiev. 

 

liverpool milan liverpool milan

Un bilancio che stride con il blasone storico dell'unica città europea capace di sollevare la Coppa Campioni con due squadre diverse. L'Inter non ha ancora segnato: 0-1 col Real Madrid, 0-0 con lo Shakhtar. Un controsenso per la squadra di Simone Inzaghi che ha il migliore attacco della Serie A e in Europa è seconda solo all'Ajax per occasioni da gol create in campionato (fonte Cies, il centro studi sul calcio continentale). 

 

sheriff tiraspol 8 sheriff tiraspol 8

Con lo Sheriff Tiraspol, a San Siro, i campioni d'Italia non possono più astenersi. I moldavi guidano il girone a punteggio pieno. Sono una curiosissima armata, formata da calciatori di mezzo mondo. Otto nazionalità diverse solo tra i titolari: Grecia, Colombia, Brasile, Perù, Ghana, Mali, Lussemburgo e un brasiliano con cittadinanza italiana, il 22enne Fernando Costanza. Mancherà uno dei punti di forza: il portiere Georgios Athanasiadis, determinane nel successo del Santiago Bernabeu, rimasto in Moldavia a causa di problemi fisici. 

 

sheriff tiraspol 4 sheriff tiraspol 4

Ma non cambia lo spirito del club, incarnato dal presidente Victor Gusan, un personaggio militaresco che non va troppo per il sottile: nell'intervallo di una partita di campionato, chiusa in svantaggio, lanciò una granata con sicura sul pavimento dello spogliatoio, promettendo che l'avrebbe fatta esplodere davvero in caso di mancata rimonta. 

rissa lazio inter foto mezzelani gmt054 rissa lazio inter foto mezzelani gmt054

 

Episodi che rendono banali scaramucce le scene viste sabato sul prato dell'Olimpico dopo il gol del 2-1 laziale con Dimarco a terra. Inzaghi spera che i giocatori dell'Inter sappiano fare leva su quella delusione: «Ho visto delusione e inc, mi fa molto piacere, perché vuol dire che ho a che fare con grandi campioni. Ci vorranno cattiveria, aggressività e determinazione. Senza perdere le distanze perché lo Sheriff è pericoloso quando riparte». 

 

milan atletico madrid milan atletico madrid

Il Milan deve affrontare un avversario ancora più affamato: il Porto di Sergio Conceiçao, fermo a un punto, frutto del pareggio in trasferta con l'Atletico Madrid e della sconfitta in casa col Liverpool. All'Estadio do Dragão è uno spareggio. Stefano Pioli non recupera Rebic che si aggiunge a Maignan, Hernandez, Kessie, Diaz, Messias e Florenzi tra gli assenti (oltre a Castillejo fuori dalla lista Champions). 

 

milan atletico madrid 7 milan atletico madrid 7

«Purtroppo la nostra classifica non rispecchia le prestazioni con Atletico e Liverpool, dove abbiamo capito che i dettagli fanno la differenza - dice Pioli - dobbiamo giocare in Europa con la stessa personalità mostrata in campionato». I rimpianti sono legati alla sconfitta interna con l'Atletico, condizionata dalle decisioni dell'arbitro Cakir. Ibrahimovic, che partirà dalla panchina, insegue un gol da record in Champions League, il primo segnato da un over 40. Milano ha bisogno dei suoi trascinatori per sorridere finalmente in Europa.

 

Condividi questo articolo

media e tv

UBI MAJOR, JALISSE CESSANT! ECCO COSA C’E’ DIETRO LA 25ESIMA ESCLUSIONE AL FESTIVAL DELLA COPPIA – “SIAMO NATI INDIPENDENTI, ABBIAMO APERTO LA NOSTRA PICCOLA CASA DISCOGRAFICA NEL 1992, QUANDO LE MAJOR NON ERANO INTERESSATE. ABBIAMO VINTO E SONO VENUTI TUTTI A BUSSARE ALLA NOSTRA PORTA, NOI PERÒ ABBIAMO SEMPRE VOLUTO MANTENERE IL NOSTRO PROFILO INDIPENDENTE E ANCHE QUEST'ANNO È STATO COSÌ. NON VOGLIO PENSARE PERÒ CHE SIA PER QUESTO, PERCHÉ…" - L'AUTO-IRONIA DEL PIDDINO GIANNI CUPERLO CHE SI PARAGONA AI JALISSE

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute