AVVISATE ALLEGRI E GLI JUVENTINI CHE CIANCIANO DI CORSA CHAMPIONS - LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI AI BIANCONERI E’ SOLO L’INIZIO. E’ POSSIBILE CHE I FILONI PROCESSUALI ANCORA APERTI POSSANO PORTARE NUOVE PUNIZIONI – CONDO’: "QUESTA DEI VERDETTI A RATE È UNA NOVITÀ CHE SAREBBE STATO BENE EVITARE, COME SEMPRE IN PASSATO NEI GRANDI CASI DI CUI SI È OCCUPATA LA GIUSTIZIA CALCISTICA. LA STRADA MAESTRA SAREBBE UN PROCESSO SPORTIVO UNICO CELEBRATO NELL'ESTATE 2023"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paolo Condò per repubblica.it

 

MASSIMILIANO ALLEGRI MASSIMILIANO ALLEGRI

Se fissiamo a 73 punti l'ideale fettuccia del quarto posto (negli ultimi dieci anni solo due volte ce ne sono voluti di più), il pari con l'Atalanta inchioda la Juve a dover replicare nel ritorno il girone d'andata del Napoli, se vuole rientrare in Champions: 50 punti, davvero un'impresa come l'ha definita il suo tecnico. A complicare il lavoro di Allegri non è soltanto la pesantezza della sentenza di venerdì, ma anche il dubbio che i filoni processuali ancora aperti possano portare nuove punizioni.

 

Questa dei verdetti a rate è una novità che sarebbe stato bene evitare, come sempre in passato nei grandi casi di cui si è occupata la giustizia calcistica. 

 

(...)

 

Il processo-plusvalenze definito la scorsa primavera e poi parzialmente riaperto, il secondo filone sullo stesso tema e la questione stipendi nascono tutti dall'inchiesta Prisma, la cui chiusura indagini (con richiesta di rinvio a giudizio) risale al 24 ottobre 2022.

 

allegri allegri

Quello è il momento in cui sarebbe stato bene che il procuratore federale, riscosso dalla Procura di Torino il materiale acquisito, avesse aperto l'istruttoria sportiva portandola in aula la prossima estate. Il processo allestito in fretta e furia ad aprile, quando si disponeva soltanto del decreto di perquisizione (eppure si sapeva dell'esistenza di intercettazioni), ha soltanto pasticciato la situazione, giungendo alla conclusione che le plusvalenze "a specchio" non sono perseguibili salvo fare retromarcia dopo aver analizzato il materiale sequestrato. Le motivazioni della sentenza chiariranno perché soltanto la Juve ne è stata colpita - par di capire che a essere punita sia stata la slealtà del disegno generale, rivelata come sappiamo dalle intercettazioni del vecchio gruppo dirigente - lasciando però il dubbio se il provvedimento sia esaustivo per esempio del secondo filone plusvalenze, oppure no.

agnelli allegri elkann agnelli allegri elkann

 

 

Quando scoppia uno scandalo di queste proporzioni, è illusorio pensare che le tifoserie colpite possano accettarne le conseguenze di buon grado. Ma proprio per questo motivo, e tenendo presente che gli inevitabili tecnicismi sono difficilmente comprensibili al grande pubblico, lo sforzo di chiarezza e di coerenza dovrebbe essere assoluto. La strada maestra sarebbe un processo sportivo istruito almeno dopo la sentenza penale di primo grado: siccome i tempi del calcio sono necessariamente più rapidi, un processo sportivo unico celebrato nell'estate 2023 sull'insieme dei filoni rivelati dall'inchiesta Prisma (e magari del materiale aggiunto nel frattempo da altre procure) sarebbe stato di gran lunga preferibile.

maurizio scanavino maurizio scanavino

 

MAURIZIO SCANAVINO E JOHN ELKANN MAURIZIO SCANAVINO E JOHN ELKANN

(..)

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute