IL CALCIO E’ AL DELIRIO DI ONNIPOTENZA: SI SENTE SUPERIORE AGLI STATI - LA SCONFITTA A TAVOLINO ALLA NORVEGIA, “COLPEVOLE” DI NON AVER GIOCATO CONTRO LA ROMANIA IN “NATIONS LEAGUE”, PER AVER RISPETTATO IL DIVIETO IMPOSTO DAL MINISTERO DELLA SALUTE DI OSLO A CAUSA DI CASI DI CORONAVIRUS NEL GRUPPO SQUADRA, E’ LA DIMOSTRAZIONE CHE L’UEFA (COME LA FIGC PER IL CASO JUVE-NAPOLI) SI SENTE ORGANO SOVRANAZIONALE - NEL PIENO DELLA PANDEMIA E PIENO DI DEBITI, IL GOVERNO DEL PALLONE TIRA FUORI IL PEGGIO...

-

Condividi questo articolo

1 - LA SCONFITTA A TAVOLINO DELLA NORVEGIA È UN “CASO” SOLO IN GERMANIA. IN ITALIA NON È UNA NOTIZIA

Da www.ilnapolista.it

 

aleksander ceferin aleksander ceferin

Il titolo del Frankfurter Allgemeine è indicativo: “Gli stupidi sono i norvegesi”. Riflette lo scoramento per lo 0-3 a tavolino con cui l’Uefa ha punito la nazionale norvegese “colpevole” di aver rispettato i dettami del Ministero della Salute, non giocando il match di Nations League contro la Romania. Una vicenda surreale, di cui abbiamo scritto qui, e qui.

 

Ma il titolo della Faz è anche un caso raro. Della vicenda c’è poca traccia, nelle rassegne stampa. Come se la forzatura del calcio che si ostina a considerarsi organo sovranazionale autorizzato a fregarsene dei governi nazionali, fosse una notizia di piccolo cabotaggio. In Italia, soprattutto, dove il “caso” Juve-Napoli resta in piedi dopo due gradi di giustizia sportiva: Norvegia-Romania ne è la trasposizione internazionale.

Lars Lagerback Lars Lagerback

 

Per non perdere anche la sfida con l’Austria (pareggiata poi 1-1), la Federcalcio norvegese ha affidato a Leif Gunnar Smerud, normalmente Ct dell’under 21, il compito di sostituire Lars Lagerbaeck e di convocare 18 calciatori ex novo, a 48 ore dal match. Di questi, ben 17 non giocano nel campionato norvegese.

 

Il pareggio garantisce il secondo posto nel girone, ma la partita persa a tavolino toglie di fatto alla Norvegia la promozione nella serie A della Nations League. La Norvegia sta valutando se impugnare la o meno la sentenza dell’Uefa. E si resta, tutti, in attesa di capire come verrà valutato l’esito della partita tra Svizzera e Ucraina, anch’essa annullata a causa del focolaio nella selezione guidata da Shevchenko. Un “caso”, anche questo, da leggere solo sulle pagine dei quotidiani tedeschi, interessati alla vicenda perché “costretti” dai regolamenti attuali a scendere in campo con l’Ucraina pochi giorni prima, nonostante 5 positivi isolati in albergo.

Leif Gunnar Smerud Leif Gunnar Smerud

 

La commistione tra regolamenti e norme nazionali e il famoso protocollo Uefa, genera mostri. Così come il governo norvegese ha impedito alla sua nazionale di partire per Bucarest, altrettanto le autorità sanitarie tedesche sono imbrigliate dalle proprie leggi. E così, Haaland che per il proprio paese non poteva andare a giocare in Romania, è potuto tornare a Dortmund per rispondere ad una semplice domanda: “Sei stato a contatto stretto con un positivo”. La risposta è semplice: “No”. Eviterà la quarantena, potendo persino giocare in campionato. La stessa cieca trafila burocratica che ha consentito a Germania-Ucraina di essere giocata come se niente fosse. Un caso più volte nei giorni scorsi sottolineato dalla stampa tedesca. E solo da quella.

ROMANIA NORVEGIA ROMANIA NORVEGIA

 

2 - COL 3-0 ALLA NORVEGIA, LA UEFA RICORDA I SERENISSIMI A SAN MARCO. È IL CASO CHE QUALCUNO INTERVENGA

Massimiliano Gallo per www.ilnapolista.it

 

Il calcio è al delirio di onnipotenza. O meglio, si sente così sicuro, è convinto di avere assunto tanto potere da poter sfidare gli Stati nazionali. Juventus-Napoli ha adesso un’appendice internazionale. La Uefa ha comminato il 3-0 a tavolino nei confronti della Norvegia rea di non essersi presentata a giocare la partita contro la Romania. Il punto è che la Norvegia non si è presentata per sfizio ma perché la Nazionale e la federazione sono state bloccate dal ministro della Salute a causa di casi di coronavirus nel gruppo squadra.

 

ROMANIA NORVEGIA ROMANIA NORVEGIA

Come raccontato da Salvatore Malfitano, la Federazione norvegese ha cercato in ogni modo di opporsi ma il governo norvegese è stato irremovibile e ha minacciato dure sanzioni. Per tutta risposta la Uefa ha assegnato il 3-0 a tavolino. È come se il calcio si autoriconoscesse uno status di sovranità sovranazionale. Gli Stati non contano più niente. Nel bel mezzo di una pandemia, con tre quarti di mondo messo in ginocchio dal Covid-19, un signore sloveno – Aleksander Ceferin – sta dicendo che il calcio conta più dei governi, più degli Stati.

 

gravina gravina

La situazione è talmente grottesca da essere indecifrabile. Da un lato ricorda episodi come l’attacco dei serenissimi al Campanile San Marco per proclamare l’indipendenza del Veneto. Fin quando non intervennero i carabinieri. O anche, qualche anno dopo, quando Roberto Maroni – successivamente diventato stimato ministro dell’Interno – finì col collarino per aver cercato di opporsi (con Bossi, Calderoli e Borghezio) all’irruzione della Digos nella sede di via Bellerio: l’accusa era di aver creato un’associazione paramilitare, le camicie verdi.

 

de laurentiis agnelli de laurentiis agnelli

Senza voler scomodare Stalin e la storica domanda: “Quante divisioni ha il Vaticano?”, forse è il caso che qualcuno si prenda la briga di comunicare ai signori del calcio che possono essere anche la più potente azienda al mondo – e non lo sono – ma esiste una gerarchia di poteri. E in questa gerarchia il calcio non è contemplato. Meglio farlo rapidamente, perché la situazione è già evidentemente sfuggita di mano.

 

Condividi questo articolo

media e tv

SE UN UOMO TROMBA TANTE DONNE È UN DON GIOVANNI. E ALLORA PERCHÉ SE UNA DONNA FA SESSO CON TANTI UOMINI È UNA MIGNOTTA? - SE VI SEMBRA UN DOMANDA RETORICA, CHIEDETEVI PERCHÉ SENTIAMO ANCORA LA NECESSITA' DI PORSI IL PROBLEMA - PER ROMPERE LA LOGICA DEI DUE PESI E DUE MISURE IL REGISTA TEDDY ETIENNE HA REALIZZATO IL CORTO “DITES OUI”, IN GARA AL “MOBILE FILM FESTIVAL”: NELLE IMMAGINI UNA RAGAZZA È A LETTO CON DUE UOMINI, UN’ANZIANA È ABBRACCIATA A UN RAGAZZO E… - VIDEO

politica

LA PACCHIA E' FINITA, CONTE INGOIA IL PRIMO MAXI-ROSPO: ADDIO ALLA GESTIONE IN SOLITUDINE DEL RECOVERY FUND - CON LA LAMA SUL COLLO, “GIUSEPPI” VIENE COSTRETTO A UNA GESTIONE COLLEGIALE DEI FINANZIAMENTI UE: LA GESTIONE SARA' NELLE MANI DI UNA CABINA DI REGIA FORMATA DAL MES DI GUALTIERI, DAL MISE DI PATUANELLI E DA AMENDOLA: 2 DEL PD E UNO DEL M5S, CHE SCEGLIERANNO SEI MANAGER, POI COADIUVATI DA UNA TASK FORCE DI 300 PERSONE - IN ATTESA DI UNA PANDEMIA PIATTA E VACCINATA CHE PERMETTA DI LIQUIDARLO, IL PREMIER PER CASO VIENE "COMMISSARIATO" DAI PARTITI DI GOVERNO

business

cronache

sport

NEL NOME DI DIEGO: IL NAPOLI RIFILA QUATTRO PERE ALLA ROMA. LA DEDICA DI INSIGNE A MARADONA - PROVA DI FORZA DELLA SQUADRA DI GATTUSO CHE CON DEMME HA TROVATO SOSTANZA E EQUILIBRIO, "RINGHIO": "LA SQUADRA DA BATTERE E' L'INTER - LA CITTA' SOFFRE MOLTO PER LA PERDITA DI MARADONA MA IN GIRO C'E' TROPPA GENTE SENZA MASCHERINA..." - FONSECA AMMETTE: “LA ROMA NON HA FATTO NIENTE. LA ROMA NON HA AVUTO IL GIUSTO CORAGGIO PER AFFRONTARE IL NAPOLI” (I GIALLOROSSI HANNO RACCOLTO SOLO 2 PUNTI NELLE SFIDE CON JUVE, MILAN E NAPOLI)

cafonal

viaggi

salute