IL CASO SINNER: L'ITALIA LO AMA QUANDO VINCE E NON QUANDO RICHIAMA ALLA FATICA E ALLA CULTURA DEL LAVORO - "LA STAMPA": "SPALLETTI LO INDICA COME ESEMPIO PER UN GRUPPO A CUI RIMPROVERA DI BUTTARE ORE DI SONNO NELLE SFIDE A PLAYSTATION. ED E' QUEL TIPO DI INVESTITURA CHE TI PUÒ METTERE IN UNA POSIZIONE INSOSTENIBILE. IL TIZIO CHE, DI MEDIA, LA MASSA DECIDE DI DETESTARE. INVECE SINNER SA PORTARE IL RUOLO SCOMODO..."

-

Condividi questo articolo


Giulia Zonca per “la Stampa” - Estratti

jannik sinner jannik sinner

 

Come non sbagliare un gesto e non sciupare una parola sulla strada della gloria senza rendersi antipatico.

 

Non ci era mai riuscito nessuno, ma Jannik Sinner è fatto per arrivare dove si pensa non si possa andare. Gli riesce in campo, quando raggiunge spazi battezzati impossibili torcendo caviglie e ginocchia come se fosse in grado di allungarsi a elastico e fuori, con frasi che accarezzano temi lasciati per terra dagli altri.

 

Con reazioni e scelte fuori repertorio. Talmente perfetto da sembrare finto, se non fosse Sinner e non si portasse dentro una naturale predisposizione all'attenzione. Dote allenata con costanza.

 

In quindici giorni, da Indian Wells a Miami, ha rivoltato il significato del gesto dell'ombrello, ha giocato su una sedia a rotelle, ha soccorso un tifoso e ha parlato di etica del lavoro da presidente della repubblica.

 

jannik sinner jannik sinner

Dalla galanteria al suggerimento generazionale, senza mai un giorno banale dentro la settimana da santo che lo ha portato a essere il numero due del mondo.

 

Da lì, ha unito la predestinazione al lavoro: sequenza spiazzante, per altro senza nessuna domanda a cui rispondere, davanti a un messaggio da lanciare, a un ringraziamento aperto diventato dedica ai tifosi e verità incontrovertibile. «Senza lavoro non ci saranno mai risultati, o comunque un risultato per caso, se uno è predestinato per lavorare i risultati vengono».

 

jannik sinner jannik sinner

Ecco qui, banale fin che si vuole, ma di solito si è predestinati al successo, alla grandezza ovvero talentuosi in un modo talmente evidente da imporsi in anticipo sulla carriera.

 

Oppure si è portati al lavoro, votati all'ossessiva ripetitività che consente di migliorarsi di continuo, persino più in fretta (o almeno più a lungo), di chi ha numeri ricevuti in eredità. E poi c'è Sinner che è «predestinato al lavoro», un'ovvietà potenziata a segreto, a sveglia, a rivelazione perché lui, ragazzo nato con qualità atletiche appariscenti, ha capito che grazie a quelle poteva pure campare egregiamente di sport, ma non essere straordinario.

 

Non gli avrebbero garantito il divertimento. Da sole o supportate a sprazzi, lo avrebbero esposto alla casualità del rendimento, ai cali di forma, alle critiche facili, ai commenti sull'accento e sul colore dei capelli, alle stizzite rimostranze di chi (sempre meno) ancora gli rinfaccia la residenza a Montecarlo. Abitata da tempo, sfruttata per un trattamento fiscale e pure per il clima, per gli incroci frequenti con la comunità di cui è parte.

 

Opzione legale e condizione mai nascosta. Quel ronzio di rimostranze incattivite poteva dare sui nervi e lui lo ha disinnescato spiegando, motivando.

Senza ipocrisia.

 

jannik sinner jannik sinner

Ha esaltato la figura del genitore nel destino di un campione, «non mi hanno mai messo pressione» e non smette mai di gratificare il proprio team, altro tributo scontato quando tutto gira, però lui sa che «la freschezza percepita anche alla fine di un torneo» la deve a chi tara ogni dettaglio sulle sue esigenze, sul recupero, sulle ore con la racchetta, quelle in palestra, quelle a dormire.

 

Ciò non significa che non cambierà mai entourage, solo che è consapevole di non poter vincere da solo. Sono tutte potenziali perle di retorica, lui le traduce in un'esaltante pratica, uno spot continuo per valori utili. Spalletti lo indica come esempio per un gruppo a cui rimprovera di buttare ore di sonno nelle sfide a playstation. Ed è quel tipo di investitura che ti può facilmente mettere in una posizione insostenibile. Il tizio che, di media, la massa decide di detestare. Invece Sinner sa portare il ruolo scomodo.

SINNER SINNER

 

Resta credibile persino da samaritano, non si pone in confronto, mostra sempre una sua via che non è per forza l'unica. Esistono magnifici sbruffoni, fuori classe cresciuti a forza di provocazioni azzeccate, fenomeni che hanno messo nel catalogo dell'eccezionale pure i capricci.

 

E valgono, piacciono, continueranno a farlo, eppure non è una coincidenza che il momento Sinner sia questo. Un idolo che rappresenta i ventenni stufi di non avere mai la considerazione che meritano, uno che gestisce toni e modi.

jannik sinner e serena williams a miami jannik sinner e serena williams a miami sinner sinner jannik sinner jannik sinner

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."