DA CHI RIPARTIRA’ MANCINI? - DOPO LA SCONFITTA PER 5-2 CONTRO LA GERMANIA, IL CT DISSE “PRESTO NASCERÀ UNA SQUADRA CHE TORNERÀ A DOMINARE” - ORA DOVRA’ ASSEMBLEARE UN NUOVO CICLO AZZURRO MA GLI INGREDIENTI PER LA MINESTRA NON SONO ECCELSI - OCCHI PUNTATI SU SCAMACCA, ESPATRIATO AL WEST HAM - IN DIFESA, LE NUOVE PROPOSTE SONO BELLANOVA, GATTI, OKOLI, CASALE, VITI E CAMBIASO - RICCI, MIRETTI, FAGIOLI E ROVELLA I CENTROCAMPISTI - E TRA GLI ATTACCANTI PINAMONTI, PELLEGRI, CANCELLIERI, SOTTIL E NATURALMENTE GNONTO…

-

Condividi questo articolo


roberto mancini roberto mancini

Alessandro Bocci per il “Corriere della Sera”

 

Il manifesto programmatico enunciato da Roberto Mancini uscendo dal Borussia Park, lo scorso 14 giugno, dopo una delle sconfitte più brucianti della nostra storia, il 5-2 contro la Germania, conduce l'allenatore della Nazionale dentro una stagione senza apparenti obiettivi e da affrontare con il cuore gonfio di rabbia. «Presto nascerà una squadra che tornerà a dominare», aveva detto il c.t. visionario alla fine di quella notte amarissima che ha chiuso un periodo nero con l'Italia fuori dal Mondiale per la seconda volta consecutiva.

 

BERARDI RASPADORI SCAMACCA BERARDI RASPADORI SCAMACCA

Nel prossimo week end parte la nuova stagione ed è un momento elettrizzante per gli allenatori. Mancio, invece, non vede l'ora che sia finita. O perlomeno che finisca il più in fretta possibile questo disgraziato 2022. I prossimi mesi saranno i più difficili. La sfida è chiara e l'ha anticipata, con il tradizionale ottimismo, a Moenchengladbach: tornare dove, per storia e tradizione, siamo (quasi) sempre stati. Ma il momento è duro.

wilfried gnonto all esame di maturita wilfried gnonto all esame di maturita

 

Mancini ne è consapevole oltre che responsabile perché i suoi errori, nella mancata qualificazione a Qatar 2022, vanno al di là della crisi di sistema del nostro movimento.

Adesso, senza un presente, sta lavorando per il futuro, allungando lo sguardo sulle qualificazioni al prossimo Europeo da difendere e soprattutto al lontanissimo Mondiale 2026 tra Stati Uniti, Canada e Messico.

tonali tonali

 

Già alla fine di settembre, in vista delle ultime due partite di Nations League, contro Inghilterra (a Milano) e Ungheria (a Budapest), Mancini dovrà fare un lavoro di sintesi tra vecchi e nuovi, tra i reduci del successo europeo e del fallimento Mondiale e quelli che a fine stagione hanno dato vita alla nuova ripartenza. Il c.t. non intende scaricare Bonucci, Verratti, Berardi, forse anche Jorginho e Immobile, anche se avranno sempre più spazio Tonali e Lorenzo Pellegrini.

 

caleb okoli 4 caleb okoli 4

L'allenatore azzurro seguirà con particolare attenzione l'avventura di Scamacca, il centravanti del futuro ma forse anche del presente, nel West Ham. La speranza dura a morire è che il campionato, sempre più ostaggio degli stranieri, lo aiuti un po' e faccia crescere qualche ragazzo già messo sotto la lente di ingrandimento: Bellanova, Gatti, Okoli, Casale, Viti e Cambiaso tra i difensori; Ricci, Miretti, Fagioli e Rovella tra i centrocampisti, Pinamonti, Pellegri, Cancellieri, Sottil e naturalmente Gnonto, la rivelazione di giugno. E proprio a caccia di nuovi Gnonto che la Figc cercherà di istituzionalizzare gli stage con i giovani come a maggio e per i quali la Lega di A ha dato il benestare: il primo potrebbe essere a ottobre, il secondo a novembre.

federico gatti 8 federico gatti 8

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...